Salute 31 Maggio 2021 12:59

Tumore testa e collo, oltre mille pazienti trattati con l’adroterapia. Ecco cos’è

Sono 5 i centri in tutto il mondo, in Italia si trova a Pavia. 1185 pazienti con tumori del distretto testa collo resistenti ad altre terapie sono stati trattati con protoni e ioni di carbonio

di Federica Bosco
Tumore testa e collo, oltre mille pazienti trattati con l’adroterapia. Ecco cos’è

Sono oltre 57 mila le persone oggi in Italia affette da tumore alla testa o al collo. Si tratta di patologie della laringe, della faringe, del cavo orale e del naso che colpiscono ogni anno circa 9900 persone (7300 uomini e 2600 donne) mentre i decessi nei dodici mesi sono in media 4100. Per la prima volta in Italia l’Associazione Italiana di Oncologia Cervico-Cefalica (AIOCC) e il CNAO (Centro Nazionale Adroterapia Oncologica) hanno reso noti i numeri relativi a carcinomi che per le loro caratteristiche e per una localizzazione nei pressi di organi sensibili della testa e del collo richiedono molteplici sforzi della medicina e della ricerca verso la prevenzione, la diagnosi precoce e soprattutto un approccio terapeutico multidisciplinare che unisca chirurgia, chemioterapia e radioterapia nelle forme più avanzate, come l’adroterapia, con protoni e ioni di carbonio.

Una tecnica presente in soli cinque paesi al mondo

La tecnica è disponibile in soli cinque paesi al mondo: Germania, Austria, Giappone, Cina e Italia. Il Centro Nazionale Adroterapia Oncologica, CNAO, si trova a Pavia ed ha già trattato oltre 3300 pazienti di cui 1185 riferiti a tumori del distretto testa collo resistenti ad altre terapie.

La speranza arriva dal sincrotrone

Il trattamento tramite adroterapia prevede l’utilizzo di un acceleratore di particelle, detto sincrotrone, in grado di scomporre gli atomi e creare protoni e ioni di carbonio da indirizzare verso le cellule del tumore per distruggerle. Analogo alla tecnologia utilizzata dal CERN di Ginevra, il sincrotrone presente al CNAO è stato progettato esclusivamente per il trattamento dei pazienti oncologici. Collocato in un bunker sotterraneo schermato per evitare la fuoriuscita di radiazioni, il sincrotrone colpisce le cellule tumorali con una precisione millesimale.

Il paziente viene monitorato tramite telecamere a infrarossi, mentre due magneti di scansione in base al sistema di monitoraggio dei fasci muovono il pennello lungo la sagoma del tumore. In questo modo il tumore, sezione dopo sezione, viene colpito. L’intero irraggiamento dura pochi minuti e il numero delle sedute varia a seconda della patologia. In media le sedute sono 35 per i protoni e 16 per gli ioni di carbonio.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tumori radioresistenti e inoperabili, cos’è l’adroterapia disponibile in soli 5 Paesi al mondo (tra cui l’Italia)
A Pavia festeggia 20 anni di attività il Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica con una nuova piattaforma per mettere in rete i professionisti e favorire l’accesso dei pazienti oncologici. Orlandi: «Un acceleratore di particelle scompone gli atomi e dirige i fasci sui tessuti tumorali risparmiando le strutture sane»
di Federica Bosco
Giornata nazionale contro Leucemie, Mielomi e Linfomi: il punto su ricerca e nuove terapie
Il 21 giugno specialisti ed ematologi di AIL risponderanno alle domande dei pazienti, dalle 8 alle 20, al numero verde 800226524. L'obiettivo è raccontare i progressi della ricerca e il supporto avuto durante la pandemia da Covid dalla telemedicina e dai volontari
di Federica Bosco
In Europa un milione di diagnosi di cancro in meno a causa della pandemia. Foce e Aiom: «È tempo di agire»
L’appello della Federazione che riunisce Oncologi, Cardiologi ed Ematologi e della Società Scientifica degli oncologi: «Alla sanità italiana servono maggiori investimenti e risorse»
Tumori, Aiom: «Con Covid -11% di nuove diagnosi, torniamo a visitarci gli ospedali sono sicuri»
Nuove diagnosi a -11%, nuovi trattamenti farmacologici a -13% e interventi chirurgici a -18%, Aiom lancia l'allarme
Giornata Sclerosi Multipla, 70 Paesi in rete per ripartire dopo l’emergenza
Il presidente Aism Vacca: «200 mila gardenie distribuite da 13 mila volontari. Un piccolo gesto per sostenere la ricerca, l’arma più efficace contro la sclerosi multipla»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 giugno, sono 179.164.193 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.882.531 i decessi. Ad oggi, oltre 2,68 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM