Salute 31 Maggio 2021 12:59

Tumore testa e collo, oltre mille pazienti trattati con l’adroterapia. Ecco cos’è

Sono 5 i centri in tutto il mondo, in Italia si trova a Pavia. 1185 pazienti con tumori del distretto testa collo resistenti ad altre terapie sono stati trattati con protoni e ioni di carbonio

di Federica Bosco
Tumore testa e collo, oltre mille pazienti trattati con l’adroterapia. Ecco cos’è

Sono oltre 57 mila le persone oggi in Italia affette da tumore alla testa o al collo. Si tratta di patologie della laringe, della faringe, del cavo orale e del naso che colpiscono ogni anno circa 9900 persone (7300 uomini e 2600 donne) mentre i decessi nei dodici mesi sono in media 4100. Per la prima volta in Italia l’Associazione Italiana di Oncologia Cervico-Cefalica (AIOCC) e il CNAO (Centro Nazionale Adroterapia Oncologica) hanno reso noti i numeri relativi a carcinomi che per le loro caratteristiche e per una localizzazione nei pressi di organi sensibili della testa e del collo richiedono molteplici sforzi della medicina e della ricerca verso la prevenzione, la diagnosi precoce e soprattutto un approccio terapeutico multidisciplinare che unisca chirurgia, chemioterapia e radioterapia nelle forme più avanzate, come l’adroterapia, con protoni e ioni di carbonio.

Una tecnica presente in soli cinque paesi al mondo

La tecnica è disponibile in soli cinque paesi al mondo: Germania, Austria, Giappone, Cina e Italia. Il Centro Nazionale Adroterapia Oncologica, CNAO, si trova a Pavia ed ha già trattato oltre 3300 pazienti di cui 1185 riferiti a tumori del distretto testa collo resistenti ad altre terapie.

La speranza arriva dal sincrotrone

Il trattamento tramite adroterapia prevede l’utilizzo di un acceleratore di particelle, detto sincrotrone, in grado di scomporre gli atomi e creare protoni e ioni di carbonio da indirizzare verso le cellule del tumore per distruggerle. Analogo alla tecnologia utilizzata dal CERN di Ginevra, il sincrotrone presente al CNAO è stato progettato esclusivamente per il trattamento dei pazienti oncologici. Collocato in un bunker sotterraneo schermato per evitare la fuoriuscita di radiazioni, il sincrotrone colpisce le cellule tumorali con una precisione millesimale.

Il paziente viene monitorato tramite telecamere a infrarossi, mentre due magneti di scansione in base al sistema di monitoraggio dei fasci muovono il pennello lungo la sagoma del tumore. In questo modo il tumore, sezione dopo sezione, viene colpito. L’intero irraggiamento dura pochi minuti e il numero delle sedute varia a seconda della patologia. In media le sedute sono 35 per i protoni e 16 per gli ioni di carbonio.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Fondazione AIRC: con Le Arance della Salute, una mobilitazione collettiva contro il cancro
L’anno di Fondazione AIRC inizia con una nuova campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi che invita ad agire concretamente per fare la differenza, per se stessi e per gli altri, attraverso l’adozione di sane abitudini e il sostegno alla ricerca
Tumori del sangue, creato algoritmo che potrebbe migliorare diagnosi e cure
I ricercatori di Genomics England, dell'Università di Trieste e del Great Ormond Street Hospital for Children dell’NHS Foundation Trust hanno sviluppato un nuovo algoritmo per rendere più accurata l'analisi del sequenziamento completo del genoma, effettuato con tecniche di Whole Genome Sequencing (WGS) in pazienti con tumori del sangue
di V.A.
Tumori: test genomici sottoutilizzati e gravi disparità regionali, 14 punti per ridefinire gli standard
Una ricerca condotta da Cipomo con il contributo di Cergas SDA Bocconi, ha rilevato gravi disparita regionali in Italia nell'accesso e nell'organizzazione dell'oncologia di precisione
di V.A.
Tumori: nuova vita alle statine e agli antifungini, studio rivela efficacia contro le cellule malate
"Affamare" i tumori e poi colpirli "riciclando" farmaci ben noti, a basso costo, utilizzati da anni per tutt’altri scopi, in grado di arrestare la crescita delle cellule tumorali, messe a "stecchetto" con brevi cicli di digiuno. Così i farmaci che, come le statine, impediscono la sintesi di colesterolo cruciale per soddisfare il bisogno di nutrienti delle cellule tumorali, combinati a brevi cicli di digiuno, potrebbero diventare una terapia “low cost” per combattere tumori difficili come quello al pancreas, il carcinoma del colon-retto e il melanoma. Lo dimostra una ricerca appena pubblicata sulla rivista Nature Communication da un team di ricercatori dell’IRCCS Ospedale Policlinico San Martino di Genova
di V.A.
Tumori: 60% delle strutture poco connesse al territorio. Cipomo: “Più sinergia per presa in carico del paziente”
Iperspecializzate, multidisciplinari ma ancora poco "connesse" con il territorio. È l’identikit delle strutture di oncologia medica italiane. Pur inserite all’interno di un dipartimento oncologico (67%), le strutture soffrono negli aspetti organizzativi interni e nella gestione del percorso del paziente dall’ospedale al territorio. Meno della metà (circa 40%) ha una connessione strutturata con i dipartimenti di prevenzione primaria e secondaria e con centri screening; una cartella informatizzata manca nel 66% delle strutture, ed è condivisa con il territorio solo nell’8% dei casi. Sono questi alcuni dati preliminari di un'indagine che il Collegio Italiano dei Primari Oncologi Medici Ospedalieri (Cipomo) ha presentato al congresso dell'Aiom
di V.A.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...