Salute 24 Febbraio 2015

Trapianti, un’altra eccellenza made in Italy. Boom di donazioni nel 2014 

Il report presentato dal CNT presenta dati positivi anche sulla sopravvivenza dei pazienti in lista d’attesa

Immagine articolo

Un anno d’oro per le donazioni e i trapianti in Italia. E’ così che viene immortalato il 2014, nel Report presentato dal Centro Nazionale Trapianti al Ministero della Salute.

Una fotografia che restituisce l’immagine di un servizio sempre più efficiente, e di una popolazione sempre più generosa. Rispetto al 2013, infatti, i donatori sono aumentati, soprattutto quelli utilizzati: il 70% in più rispetto a due anni fa. Un vero e proprio record, raggiunto anche grazie allo sforzo dei reparti di rianimazione, dei coordinamenti regionali per i trapianti e della rete che sovrintende la sicurezza e il controllo delle patologie trasmissibili tra donatore e ricevente.

“L’Italia è un’eccellenza mondiale anche nelle tecniche del trapianto – sottolinea il ministro Lorenzin – e questo anche grazie alle nuove tecnologie”. L’impennata dei trapianti d’organo – soprattutto di rene e fegato – va di pari passo con quella dei trapianti di tessuti. Segno positivo anche per quanto riguarda i trapianti allogenici di cellule staminali ematopoietiche. Restano pressoché stabili le liste d’attesa per tempi e numero dei pazienti in attesa di ricevere un trapianto, grazie ad un maggiore equilibrio, rispetto al passato, tra i flussi di entrata e di uscita. La maggior parte è in attesa di ricevere un rene, ma va sottolineato che, per quest’organo, al paziente è offerta la possibilità di iscriversi in più liste. In compenso dal 2012 ad oggi è aumentata anche la sopravvivenza dei pazienti che attendono l’intervento. Merito della maggiore qualità delle terapie farmacologiche e sostitutive somministrate ai pazienti in attesa.

Si consolida anche il servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione al momento del rilascio o rinnovo della carta d’identità: sono 23 i Comuni che ad oggi hanno attivato il servizio, inviando quotidianamente i dati sulle dichiarazioni di volontà rese dai cittadini al Sistema Informativo Trapianti. Dichiarazioni – custodite dal SIT – che crescono progressivamente (ad oggi sono circa 28.500), messe a disposizione dei medici del coordinamento trapianti in caso di necessità: nel 94% dei casi si tratta di consensi alla donazione. Incoraggiante, infine, il dato sulle opposizioni: nel 2014 solo il 31% dei congiunti del potenziale donatore, in seguito all’accertamento del decesso, si è opposto all’espianto.

Articoli correlati
Donazione organi, firmato il regolamento sul Sistema informativo trapianti (Sit). Grillo: «Era atteso da vent’anni»
Il Sit regolamenta la tracciabilità e la trasparenza dell’intero processo di donazione-prelievo-trapianto di organi
Meeting Salute 2019, a Rimini gli infermieri insegnano la buona salute alle famiglie
«La buona salute infatti si fa curando e assistendo i malati», si legge nel comunicato diffuso dalla Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI)
Trapianti, Rostan (LeU): «Mancano decreti attuativi per donazione organi, interrogazione al ministro Grillo»
La vicepresidente della Commissione Affari Sociali sostiene la petizione di un gruppo di pazienti dell’ospedale Monaldi di Napoli, in lista di attesa per un trapianto di cuore, che hanno lanciato un appello pubblico che ha raccolto ben 70mila adesioni affinchè si proceda con la piena attuazione della legge 1° aprile 1999, n. 91
Anoressia, Sinuc: «La perdita di appetito accomuna frequentemente malattie acute, croniche e oncologiche
Una “mancanza di appetito patologica che non è rifiuto consapevole del cibo ma la perdita del senso di fame e del desiderio di mangiare con un persistente senso di pienezza” è la definizione della 17ma edizione dal prestigioso testo Principles of Internal Medicine di Harrison’s. La malnutrizione calorico proteica (MCP) è una condizione che caratterizza […]
L’ISMETT di Palermo compie 20 anni. Il direttore sanitario Di Benedetto: «L’informatizzazione il nostro punto di forza»
Abbiamo visitato i reparti dell’ISMETT, centro di eccellenza per i trapianti e punto di riferimento per tutto il bacino del Mediterraneo. Per i prossimi 10 anni, continuerà ad essere co-gestito dalla Regione Sicilia e dal centro medico dell’Università di Pittsburgh. Un partner privato che, a detta della dottoressa Di Benedetto, «fa la differenza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone