Salute 24 febbraio 2015

Trapianti, un’altra eccellenza made in Italy. Boom di donazioni nel 2014 

Il report presentato dal CNT presenta dati positivi anche sulla sopravvivenza dei pazienti in lista d’attesa

Immagine articolo

Un anno d’oro per le donazioni e i trapianti in Italia. E’ così che viene immortalato il 2014, nel Report presentato dal Centro Nazionale Trapianti al Ministero della Salute.

Una fotografia che restituisce l’immagine di un servizio sempre più efficiente, e di una popolazione sempre più generosa. Rispetto al 2013, infatti, i donatori sono aumentati, soprattutto quelli utilizzati: il 70% in più rispetto a due anni fa. Un vero e proprio record, raggiunto anche grazie allo sforzo dei reparti di rianimazione, dei coordinamenti regionali per i trapianti e della rete che sovrintende la sicurezza e il controllo delle patologie trasmissibili tra donatore e ricevente.

“L’Italia è un’eccellenza mondiale anche nelle tecniche del trapianto – sottolinea il ministro Lorenzin – e questo anche grazie alle nuove tecnologie”. L’impennata dei trapianti d’organo – soprattutto di rene e fegato – va di pari passo con quella dei trapianti di tessuti. Segno positivo anche per quanto riguarda i trapianti allogenici di cellule staminali ematopoietiche. Restano pressoché stabili le liste d’attesa per tempi e numero dei pazienti in attesa di ricevere un trapianto, grazie ad un maggiore equilibrio, rispetto al passato, tra i flussi di entrata e di uscita. La maggior parte è in attesa di ricevere un rene, ma va sottolineato che, per quest’organo, al paziente è offerta la possibilità di iscriversi in più liste. In compenso dal 2012 ad oggi è aumentata anche la sopravvivenza dei pazienti che attendono l’intervento. Merito della maggiore qualità delle terapie farmacologiche e sostitutive somministrate ai pazienti in attesa.

Si consolida anche il servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione al momento del rilascio o rinnovo della carta d’identità: sono 23 i Comuni che ad oggi hanno attivato il servizio, inviando quotidianamente i dati sulle dichiarazioni di volontà rese dai cittadini al Sistema Informativo Trapianti. Dichiarazioni – custodite dal SIT – che crescono progressivamente (ad oggi sono circa 28.500), messe a disposizione dei medici del coordinamento trapianti in caso di necessità: nel 94% dei casi si tratta di consensi alla donazione. Incoraggiante, infine, il dato sulle opposizioni: nel 2014 solo il 31% dei congiunti del potenziale donatore, in seguito all’accertamento del decesso, si è opposto all’espianto.

Articoli correlati
Salute, il 50% degli italiani non fa mai controlli della vista
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, oltre l’80% dei deficit visivi può essere prevenuto o curato. E secondo le stime dell’Oms senza interventi decisi, l’84% di tutti i casi di cecità e ipovisione riguarderà gli ultracinquantenni. Eppure, il 50% degli italiani non fa mai controlli della vista e tra il 30% che ha effettuato negli ultimi 12 […]
Milano, Onda premia le Best Practice degli ospedali per la sclerosi multipla
Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, ha organizzato a Milano la cerimonia di premiazione delle Best Practice degli ospedali con i Bollini Rosa per la sclerosi multipla. L’evento si svolgerà  presso la Regione Lombardia – Sala Pirelli, Via Fabio Filzi 22 – mercoledì 12 dicembre 2018 alle ore 11.30. La Sclerosi Multipla è una […]
Salute degli occhi, quanto ne sai? L’Osvi presenta i risultati del sondaggio
Il 13 dicembre, Santa Lucia, è la Giornata per la prevenzione della cecità. Per questa occasione, l’OSVI (Osservatorio per la Salute della vista) ha realizzato un sondaggio per indagare l’attenzione alla salute degli occhi degli italiani. Gli italiani controllano la vista? Sanno che i primi controlli per la prevenzione del glaucoma vanno fatti intorno ai 40 […]
Diabete e ‘Urban health’, Pella (ANCI): «Duemila sindaci hanno aderito alla dichiarazione di Roma». Censis: luogo e fattori sociali influenzano prevenzione
Un anno fa la firma della “Urban Health Rome declaration”. Il vicepresidente dell’Associazione comuni italiani e dell’intergruppo parlamentare presidente dell’Intergruppo parlamentare ‘Qualità di vita nella città’: «Inattività fisica costa in Europa 80 miliardi di euro». Poi sottolinea: «Parlamento un po’ assente, serve Commissione permanente su questi temi»
Salute e clima, l’OMS alla COP24: «L’accordo di Parigi può salvare un milione di persone l’anno»
Maria Neira, direttrice del dipartimento Salute pubblica e determinanti ambientali dell’OMS, riassume a Sanità Informazione le raccomandazioni del rapporto presentato a Katovice: «Stop a combustibili fossili, nuova pianificazione urbanistica e maggiore coinvolgimento degli esperti della salute»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...