Salute 27 Ottobre 2020 19:25

Torna la conferenza Iss-Ministero Salute. Brusaferro: «Continuando così mancheranno posti per altri malati in intensiva »

21.994 nuovi casi e 221 morti in Italia nelle ultime 24 ore. Il tasso di incidenza è alto in tutto il Paese: «Preservare gli anziani e i fragili o decessi cresceranno»

Torna la conferenza Iss-Ministero Salute. Brusaferro: «Continuando così mancheranno posti per altri malati in intensiva »

Sono 21.994 i nuovi casi Covid-19 in Italia oggi, con 174mila tamponi nelle ultime 24 ore. «Ormai viaggiamo sui 160-170mila tamponi al giorno, fino a qualche mese fa se ne facevano meno della metà», spiega il direttore generale della Prevenzione del Ministero della Salute, Gianni Rezza, durante una conferenza stampa sull’analisi della situazione epidemiologica del Paese. «Il numero di nuovi casi vede la Lombardia con oltre 5mila nuovi contagi (5.035), altrettanto alti 2.761 in Campania e 2.458 in Piemonte.

«Abbiamo una epidemia generalizzata – insiste -, non come a marzo in cui c’erano casi concentrati, ma oggi i positivi sono distribuiti in tutto il Paese e si dà più tempo al sistema di reagire. Se guardiamo il dato, però, c’è un raddoppio dei casi ogni settimana. Ancora non sono stati occupati tutti i posti in terapia intensiva, ma serve adeguare gli interventi».

«Oggi sono stati riportati 221 decessi – continua Rezza -. Se calcolassimo però il tasso di letalità sarebbe basso. In un primo momento c’è stato un aumento dell’Rt e del numero casi, poi abbiamo visto aumentare i ricoveri soprattutto in terapia intensiva. Infine, l’ultimo elemento ad aumentare sono i decessi».

IN AUMENTO I POSITIVI CON SINTOMI

Sono in aumento i positivi sintomatici, con ricoveri in area medica e in terapia intensiva. «Se continua l’aumento dei posti occupati in terapia intensiva c’è un problema molto critico: chi è affetto da altre patologie non troverà posto perché i letti saranno occupati da pazienti Covid. Quindi occorre gestire l’epidemia garantendo i bisogni di salute che continuano ad esserci», aggiunge Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss).

«A partire dalla metà di agosto la curva ha iniziato a crescere, prima più lentamente e poi con velocità sostenuta», prosegue. «L’incidenza di Covid-19 (il numero di nuovi casi che si verifica in un arco di tempo su 100mila abitanti) sta crescendo e in alcuni contesti regionali è più alta che in altri». Valle d’Aosta, Liguria e Campania tra i tassi più alti, secondo i grafici Iss. «L’età mediana – chiarisce Brusaferro – intorno ad agosto era 30 anni. I giovani tornati dalle vacanze hanno infettato chi viveva con loro e l’età è risalita intorno ai 40 anni. Questo valore ci dice che le persone più anziane per ora contraggono meno l’infezione, ma dalla nostra esperienza sappiamo che le persone fragili e quelle anziane hanno più rischio di complicanze ed esito fatale. Tutti ci auguriamo che non crescano nuovamente questi numeri, perché altrimenti sarebbero i decessi a crescere».

Dove avvengono i contagi e come si è arrivati a questi numeri in poco meno di un mese? «Sappiamo – risponde Rezza – che i contagi avvengono, per quello che si riesce a stabilire, soprattutto in contesti familiari, ma questi contesti c’erano anche a giugno e luglio quando il virus circolava poco. L’epidemia è riesplosa a settembre, quando sono ricominciate una serie di attività, è diminuito lo smart-working, sono state riaperte le scuole, quindi con una maggiore circolazione sui mezzi pubblici. La trasmissione in famiglia fa da amplificatore alla circolazione del virus nella comunità, ma è difficile capire il ruolo specifico di ciascuna di queste attività».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Effetti della pandemia, AIP: «Aumentano tentativi di suicidio tra i giovani. Per anziani rischio solitudine»
A Firenze sino al 25 maggio il 22° Congresso dell’Associazione Italiana Psicogeriatria “Dopo la pandemia: la sfida per una medicina a misura della terza età”. Previsti oltre 800 specialisti
Quando si può ripetere il test se dopo 7 giorni si risulta ancora positivi?
La raccomandazione è quella di aspettare 7 giorni, quando il test può essere fatto gratuitamente. «Privatamente» nessuna regola, ma buon senso
In Puglia il primo reparto Covid a gestione infermieristica
Al Policlinico San Paolo di Bari la sperimentazione avviata dal direttore generale dell’Asl Antonio Sanguedolce ha avuto successo: i pazienti non vengono mandati al Covid hospital ma destinati a questo reparto e seguiti da diversi medici. Resta fisso invece il pool infermieristico. Andreula (OPI Bari): «Abbiamo messo al centro i bisogni di assistenza del paziente in un unico ambiente assistenziale»
di Francesco Torre
Covid, Regimenti (FI): «La pandemia è un’opportunità per l’ammodernamento della sanità»
Secondo l'eurodeputata azzurra, che ha parlato alla convention di Forza Italia a Napoli,, «con i fondi erogati dall’Ue è stato anche dato un grande impulso alla ricerca scientifica, raggiungendo nuove frontiere nella cura ai tumori»
Congresso Sip, i progressi della Pediatria di precisione
Il Congresso Italiano di Pediatria torna nuovamente in presenza da mercoledì 18 a sabato 21 maggio presso l’Hilton Sorrento Palace di Sorrento. A presiederlo, per la prima volta dopo oltre 120 anni, una donna: la Presidente della SIP, Annamaria Staiano, eletta alla guida della Sip lo scorso maggio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 25 maggio, sono 526.711.975 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.280.500 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto