Salute 15 Maggio 2018 15:06

Tivoli, coppia aggredisce personale Pronto soccorso. D’Amato (Ass. Sanità): «Il 22 maggio incontro con il Prefetto»

L’episodio al San Giovanni Evangelista. La coppia denunciata per interruzione di pubblico servizio, oltraggio e minacce a pubblico ufficiale. «Stiamo aspettando da troppo» sarebbe stata la loro giustificazione

«Stiamo aspettando da troppo». Ha addotto questa giustificazione una coppia romana che pochi giorni fa ha aggredito verbalmente e spintonato il personale del Pronto soccorso dell’ospedale “San Giovanni Evangelista” di Tivoli, in provincia di Roma.

È l’ennesima aggressione che colpisce gli operatori sanitari nella provincia di Roma, un’emergenza che ha spinto il Presidente dell’Ordine dei Medici di Roma Antonio Magi a convocare la scorsa settimana una riunione con tutti i dirigenti sanitari e l’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato per fronteggiare il fenomeno.

L’aggressione di Tivoli ha impedito a medici ed infermieri di proseguire nel loro lavoro. I militari della stazione di Tivoli arrivati sul posto, hanno calmato gli animi e denunciato le due persone: una romana di 42 anni e un 49enne ora accusati di interruzione di pubblico servizio, oltraggio e minacce a pubblico ufficiale. La Asl Roma 5 ha condannato duramente l’episodio: «La Direzione Strategica esprime l’assoluta vicinanza e sostegno alle vittime di questo gesto, professionisti che quotidianamente si spendono, anche tra mille difficoltà, per garantire il diritto alla salute e all’assistenza a tutti i cittadini».

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AL PERSONALE SANITARIO, LO SPECIALE DI SANITA’ INFORMAZIONE

«Serve una ferma condanna unitaria nei confronti della vile aggressione consumata questa notte ai danni del personale sanitario in servizio presso il Pronto soccorso dell’ospedale di Tivoli, mi auguro che sia fatta piena luce sui fatti e che i colpevoli vengano assicurati alla giustizia – ha affermato l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato -. Proprio il 22 maggio incontrerò, insieme al Presidente dell’Ordine dei Medici di Roma, il Prefetto di Roma, che ha risposto positivamente alla nostra richiesta di incontro, per fare il punto sulla situazione e studiare una strategia comune per affrontare un fenomeno come quello delle aggressioni al personale sanitario in preoccupante aumento».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Formazione ECM, sanità territoriale e intesa pubblico-privato. La ricetta di D’Amato per non sprecare il PNRR
Sanità Informazione ha chiesto all’assessore alla Sanità del Lazio D'Amato cosa ci ha insegnato la pandemia e come utilizzare al meglio i fondi in arrivo dall’Europa
Omceo Roma, approvato il conto consuntivo 2021 e bilancio preventivo 2022
L’Assemblea dell’Ordine ha approvato ad ampia maggioranza il conto consuntivo 2021 e il bilancio preventivo 2022
1.200 mmg in meno in 3 anni, De Lillo (OMCeO Roma) lancia l’allarme e chiede al Lazio la graduatoria 2021
Il vicepresidente dell'Omceo Roma lancia quindi un appello alla Regione: «Noi chiediamo all'assessorato di pubblicare la graduatoria del bando 2021, per capire quanti colleghi possono essere sul campo nel concreto»
D’Amato: «Primo bando per medici extra Ue all’Ospedale San Giovanni»
Pubblicata la manifestazione d’interesse per il profilo professionale di dirigente medico disciplina medicina e chirurgia d’accettazione e d’urgenza
No vax sempre più aggressivi: nel mirino medici, giornalisti e politici
Intimidazioni, minacce e aggressioni: sale la tensione. L'assessore alla Sanità del Lazio: «Chi finisce in terapia intensiva e ha rifiutato il vaccino si paghi il ricovero»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi