Salute 7 maggio 2018

Sanitari aggrediti, all’OMCeO Roma anche l’assessore D’Amato: «Sul caso vedremo il Prefetto»

Videosorveglianza, osservatorio e formazione per fermare la violenza. Il Presidente dell’Ordine dei Medici della Capitale Antonio Magi diffonde nuovi dati: «Nel Lazio 100 episodi, il 10% del totale nazionale». Presenti alla riunione i direttori delle Asl e degli Ospedali di Roma e provincia

Immagine articolo

Qualcuno ha denunciato le continue rapine e lo stato di paura nel quale lavorano gli operatori sanitari. Altri hanno chiesto maggiore presenza delle forze dell’ordine. E altri ancora hanno invitato la stampa a riportare in modo maggiormente appropriato le notizie sulla sanità. I direttori degli Ospedali e delle Aziende sanitarie di Roma e provincia si sono ritrovati oggi presso la sede dell’OMCeO convocati dal Presidente Antonio Magi e dall’Assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato. All’ordine del giorno del ‘parlamentino’ della sanità di Roma si è discusso del tema che preoccupa tutto il mondo della sanità e non solo: quello delle aggressioni ai medici.

Nel Lazio i dati forniti dall’OMCeO parlano di 100 aggressioni nell’ultimo anno sulle oltre 1200 all’anno in tutta Italia: un bilancio che però si ingrossa di giorno in giorno.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AI MEDICI, I DATI DELL’OMCeO ROMA: PUGLIA REGIONE PIU’ COLPITA, 30 MLN IL COSTO PER SSN 

Il coro da parte dei direttori, dalla Asl Rm2 al San Giovanni, dal San Camillo al Sant’Andrea, è stato unanime: bisogna fermare questa escalation di violenza. Il primo risultato ottenuto è quello della costituzione di un Osservatorio per monitorare con puntualità tutti gli episodi di aggressioni al personale del servizio sanitario. Ma è solo il primo punto di un piano. L’Ordine dei Medici di Roma punta su programmi di formazione del personale impegnato in prima linea, protocolli operativi con le Aziende sanitarie e ospedaliere di Roma e provincia, coordinamento forte con le forze dell’Ordine e la Prefettura.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AI MEDICI, FILIPPO ANELLI (FNOMCeO): «AUMENTIAMO LE PENE AI VIOLENTI. MA C’E’ PROBLEMA CULTURALE E DI SISTEMA»

«È un programma ad ampio spettro – spiega Antonio Magi, presidente dell’Ordine dei medici di Roma e provincia – che abbiamo presentato e condiviso con i direttori generali delle Asl territoriali di Roma e provincia e quelli dei grandi ospedali pubblici. Abbiamo proposto una serie di interventi da realizzare insieme al management, ai medici e a tutto il personale. Vogliamo procedere in modo pragmatico e partecipato perché in questo campo un modello unico è improponibile. Ognuno dei settori più esposti, tipo pronto soccorso o guardia medica notturna o spdc, necessita infatti di misure di sicurezza specifiche».

La riunione è stata aperta e chiusa dall’assessore alla Sanità del Lazio Alessio D’Amato che ha sottolineato quanto sia importante mappare la presenza delle forze dell’ordine negli ospedali, pur sottolineando come il problema non sia solo un tema di ordine pubblico. «Daremo vita assieme all’Ordine dei Medici ad una grande campagna di informazione rivolta ai cittadini – ha spiegato a Sanità Informazione D’Amato – e anche ad una campagna di formazione del personale medico e sanitario. Inoltre chiederemo alle altre istituzioni dello Stato a partire dalla Prefettura di aiutarci a prevenire questi fenomeni, in aumento, che riguardano il personale sanitario. Non bisogna far regredire la presenza dello Stato perché gli ospedali sono un presidio di legalità sui territori».

D’Amato ha anche annunciato la possibilità di studiare un sistema di videosorveglianza nei reparti più a rischio e una legge regionale per svecchiare il personale sanitario del Lazio: «Proporremo una proposta di legge per limitare la valenza delle graduatorie concorsuali a 36 mesi alla scadenza della quale devono essere rinnovati i concorsi. Questo per fare in modo che entri personale nuovo, serve nuova linfa nel sistema sanitario».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
Beppe Grillo: «Camici bianchi come agenti di turismo». FNOMCeO: «Noi medici del cittadino, non dello Stato». E sull’autismo è bufera
Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici replica alle parole del fondatore M5S: «Per noi nessun paziente è numero». Grillo ironizza su malati di Asperger e autismo, la replica delle associazioni: «Ingeneroso suscitare risata su questa malattia»
Professioni sanitarie, Ministero della Salute chiarisce: obbligo da subito di iscrizione a Ordine o rischio sanzioni
Iscrizione necessaria sia nella libera professione sia nell'ambito della dipendenza presso strutture pubbliche o private. Al momento però si sono iscritti 80mila professionisti, meno della metà dei 180-200mila professionisti stimati. Il chiarimento chiesto dal Presidente dell’Ordine TSRM e PSRTP Alessandro Beux
Formazione: apre a Milano il CeFAeS su iniziativa di AIPO
Apre i battenti a Milano una struttura innovativa e unica nel suo genere. Verrà infatti inaugurato il 24 ottobre prossimo, a Milano, il Centro di Formazione Avanzata e Simulazione (CeFAeS) destinato a mutare radicalmente lo scenario della formazione basato sulla simulazione in ambito medico. Il Centro infatti darà l’opportunità a chi opera nell’ambito di questa […]
Formazione ECM, parla Carpani: «Fondamentale aggiornamento costante e conoscenza linee guida»
Il nuovo braccio destro del Ministro, grande esperto di tematiche sanitarie, tratteggia in una recente intervista rilasciata a Sanità Informazione in occasione delle giornate formative organizzate dalla FNOMCeO a Bari, la sua idea di professionista sanitario 'modello'. Un medico sempre aggiornato e attento alla cura nel rapporto con il paziente
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...