Salute 19 Gennaio 2018 16:23

The CancerSeek, nuovo test del sangue per 8 tipi di tumori. Gori (Aiom): « Bene ma servono altri studi»

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno messo a punto un esame universale che analizza sia il Dna mutato del cancro che alcune proteine prodotte sempre dal cancro. Con programmi di screening mirati, può aiutare a scoprire la malattia con un anno di anticipo.

Un semplice test, un’analisi del sangue universale che potrà risultare determinante per scovare precocemente otto tipi diversi di tumore e salvare milioni di vite umane. È la speranza che nasce dallo studio di un gruppo di ricercatori della Johns Hopkins University di Baltimora pubblicato sulla prestigiosa rivista Science. The CancerSeek, questo il nome del test, non è però un esame simile ad altri in via di sviluppo: analizza sia il Dna mutato del cancro che circola liberamente nel sangue, che alcune proteine prodotte sempre dal tumore. La vera notizia è però che i primi test, condotti su oltre mille pazienti, hanno dato un risultato positivo in circa il 70 per cento delle volte.

The CancerSeek, se i risultati saranno confermati, potrebbe essere impiegato in programmi di screening che permetteranno di intervenire precocemente con i trattamenti un anno prima che il cancro sia visibile agli attuali strumenti diagnostici, aumentando in questo modo le probabilità di sopravvivenza dei pazienti. Il test potrebbe anche identificare la forma di tumore che ha un paziente. Funziona rilevando il Dna mutato circolante, rilasciato nel sangue dalle cellule tumorali.  In campioni di sangue prelevati da 1.005 pazienti, il test ha rilevato tra il 33 e il 99 per cento dei casi di malattia. Il carcinoma ovarico è risultato il tumore più facile da rilevare, seguito dai tumori al fegato, allo stomaco, al pancreas, all’esofageo, al colon-retto, ai polmoni e al seno. Pochi i falsi positivi. Nickolas Papadopoulopos, professore di oncologia alla Johns Hopkins University e autore senior dello studio, ha spiegato che «l’uso di una combinazione di biomarcatori selezionati per la diagnosi precoce ha il potenziale per cambiare il modo in cui cerchiamo il cancro».

«L’ipotesi fatta dai ricercatori, relativa all’utilizzo di questo test per forme tumorali per le quali oggi non esiste un test di screening adeguato (ovaio, fegato, stomaco, pancreas, esofago), è molto interessante, ma dovrà necessariamente essere prima valutata in futuri studi appositamente disegnati», sottolinea Stefania Gori, presidente dell’Aiom (Associazione italiana oncologia medica). «Con il test -«« ricorda – si può analizzare con un semplice prelievo di sangue il Dna circolante proveniente da cellule tumorali e alcune proteine prodotte dal tumore (biomarcatori proteici, come ad esempio: CA-125, CEA, CA-19-9, eccetera), mettendo in evidenza eventuali mutazioni nel Dna, oppure un aumento dei valori dei biomarcatori proteici».  Prima di poter parlare di un uso esteso dell’esame, però, secondo l’esperta saranno necessari ulteriori approfondimenti.

LEGGI ANCHE/ PATERLINI: «ECCO COME PREVEDEREMO IL CANCRO CON UNA SEMPLICE ANALISI DEL SANGUE»

I pazienti coinvolti nello studio avevano uno o tre tumori non-metastatici, cioè localizzati. Gli esperti hanno notato che i tassi di rilevazione erano più bassi in coloro in cui il tumore era in stadio iniziale. Sebbene il test attuale non identifichi tutti i tumori, ne rileva molti che altrimenti non verrebbero scoperti. Il costo del test è relativamente vantaggioso, meno di 500 dollari a paziente, uguale o inferiore a molti altri esami di screening attualmente in uso. Il test potrebbe rappresentare un altro importante passo verso la sconfitta del cancro.

Articoli correlati
Come Covid-19 ha cambiato la ricerca farmaceutica, lo spiega Massimo Scaccabarozzi (Farmindustria)
Parole d'ordine: digitale e decentralizzazione. Il virus ha portato la ricerca oltre i propri limiti e ha mostrato quanto veloce si può lavorare e in maniera produttiva
Cancro, indagine mostra il reale impatto della pandemia sui pazienti oncologici
La survey condotta dal Collegio Italiani Primari Oncologi (CIPOMO) pubblicata su European Journal of Cancer: «Riduzione screening e interventi chirurgici, necessario semplificare procedure di follow up»
Tumori e ambiente, lo studio ISS – Regione Sicilia: «Incidenza aumentata in siti di lavorazione petrolchimici e ex amianto»
Il Dipartimento attività sanitarie ed osservatorio epidemiologico Regione Sicilia: «I dati dell’indagine a supporto dei necessari interventi in materia ambientale e sanitaria»
Congresso Aiom, Beretta: «Ora un New Deal per affrontare la pandemia da cancro che ci attende»
Dal XXIII Congresso dell'Associazione italiana di oncologia medica i punti da cui ripartire con il peso del Covid-19: screening, esami diagnostici e follow up, regolamentare la telemedicina e rafforzare la sanità territoriale
Dal divieto di lavoro notturno al sostegno al reddito, le proposte FAVO per i lavoratori con malattia oncologica
Nel corso dell’audizione in commissione Lavoro alla Camera, i rappresentanti della Federazione delle Associazioni di Volontariato in Oncologia hanno spiegato che le norme a tutela di questi lavoratori non sono sufficienti: «Garantire i diritti costituzionali alla salute ed al lavoro»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 9 dicembre, sono 267.880.128 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.280.456 i decessi. Ad oggi, oltre 8,28 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Perché nonostante i vaccini i casi di Covid-19 aumentano?

di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi