Formazione 12 Aprile 2018

Terapie vicino casa: l’Emilia Romagna vince il XIII premio Andrea Alesini per l’umanizzazione delle cure

A vincere la medaglia d’oro il progetto “Oncologia territoriale” del dipartimento Oncologia-Ematologia dell’Ospedale Guglielmo da Saliceto. Aceti (Cittadinanzattiva): «Non se ne parla spesso, ma c’è tanta buona sanità nel nostro Paese»

di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Immagine articolo

C’è chi ha portato le cure oncoematologiche vicino al domicilio dei malati. E chi ha lavorato per rendere l’ospedale un polo di promozione culturale sul territorio. Le buone pratiche della sanità sono state premiate oggi all’hotel Nazionale di Roma dove si è svolta la cerimonia di premiazione del XIII premio Andrea Alesini – Buone pratiche per l’umanizzazione delle cure.

LEGGI ANCHE: PRESA IN CARICO CRONICITÀ: I SISTEMI INNOVATIVI DI INIZIATIVA MEDICA LOMBARDA, LA PIÙ GRANDE COOPERATIVA DI MMG

Padrone di casa Tonino Aceti, Coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva. «C’è tanta buona sanità nel nostro Paese – interviene Aceti – che va valorizzata e comunicata di più ai cittadini. Questo ci fa fare una riflessione: la scelta del nostro Paese compiuta 40 anni fa di avere un Servizio nazionale pubblico e universale è stata una scelta giusta che va riconfermata con forza  e difesa da chi in questi anni l’ha messa in discussione».

A premiare i vincitori, il Presidente di Agenas e Assessore alla Sanità del Veneto Luca Coletto insieme a Rossana Ugenti, Direttore generale delle professioni sanitarie e delle risorse umane del Ministero della Salute. «Agenas e il Servizio Sanitario nazionale hanno a cuore le buone pratiche in sanità – afferma Coletto -. Però è importante il ruolo di Cittadinanzattiva, portavoce dei cittadini, che può suggerire delle necessità che possono sfuggire alla Pubblica amministrazione. La buona pratica, l’umanizzazione delle cure, è una delle medicine fondamentali del nostro Ssn».

Il premio Alesini è stata occasione per parlare delle tante eccellenze che ci sono in Italia, quando invece spesso sono i casi di malasanità ad conquistare l’attenzione dei media. È il caso del vincitore, il Dipartimento di Oncoematologia dell’ospedale Guglielmo Saliceto di Piacenza che ha creato una rete territoriale che porta le cure vicino al domicilio del malato non solo con dei medici itineranti ma anche sfruttando la presenza di presidi ospedalieri periferici e coinvolgendo i professionisti del territorio.

A partecipare 19 Regioni, con progetti realizzati in prevalenza (43,2%) da strutture del territorio come distretti, dipartimenti prevenzione, strutture residenziali e semi-residenziali, e destinati a persone in situazione di fragilità: persone con patologie croniche o rare (24%), anziani (20%), persone con disabilità (13%), adolescenti (11%), donne (10%), persone con problemi di dipendenza (9%), bambini (8%), migranti (5%).

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Liste di attesa, l’ex ministro Grillo: «Mettere a bando le prestazioni». Cittadinanzattiva: «Serve piano straordinario»
Il lockdown ha messo in standby milioni di prestazioni sanitarie che ora devono essere recuperate. Per Moccia (Cittadinanzattiva) bisogna tornare al Piano nazionale «che stabilisce tempi massimi per esami e visite». Interpellanza della Grillo a Speranza: «Siano illustrate le modalità di monitoraggio dei tempi di attesa»
Il Policlinico Sant’Orsola diventa IRCCS. Il via libera dalla Conferenza Stato-Regioni
«Il Policlinico Sant’Orsola, insieme a due unità operative dell’Ospedale Maggiore di Bologna, Chirurgia toracica e Chirurgia A e d’urgenza, diventa IRCCS, il primo Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico interaziendale dell’Emilia-Romagna, coinvolgendo sia l’Azienda Ospedaliero-Universitaria che l’Azienda Usl: il via libera è arrivato oggi a Roma dalla Conferenza Stato-Regioni». Lo rende noto la […]
Gaudioso (Cittadinanzattiva): «Introdurre in Costituzione norma che indichi chi ha responsabilità in situazioni di emergenza nazionale»
Quanto sta accadendo da ormai molte settimane e la necessità di combattere e convivere con un nemico invisibile come il Coronavirus ci stanno facendo scoprire o riscoprire l’importanza del Servizio sanitario nazionale non solo come elemento di coesione sociale e di sviluppo ma anche di sicurezza. Oltre questo però stanno emergendo alcuni elementi, forse per alcuni scomode […]
di Antonio Gaudioso, Segretario generale Cittadinanzattiva
Coronavirus, Gaudioso (Cittadinanzattiva): «Malati oncologici e cronici lasciati soli. Necessario sviluppare assistenza domiciliare»
Aumentano le segnalazioni di persone e associazioni che lamentano l’impossibilità di continuare le cure: «In alcuni casi i pazienti non vanno in ospedale per paura del virus, in altri l’assistenza non funziona. Alla fine dell’emergenza conteremo i morti per Covid-19 e di chi non è riuscito a curarsi»
Federfarma e Cittadinanzattiva scrivono a Ministero e Aifa: distribuire tramite le farmacie antivirali e antimalarici per affetti da coronavirus
Distribuire tramite le farmacie, grazie ai servizi di consegna gratuita a domicilio, i farmaci antimalarici e antivirali autorizzati per il trattamento domiciliare dei pazienti affetti da Covid-19. Lo chiedono Federfarma e Cittadinanzattiva in una nota indirizzata al Ministero della Salute e all’Aifa. La distribuzione di tali farmaci tramite farmacie – sottolinea la nota – non […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 agosto, sono 18.082.616 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 689.428 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»