Salute 12 Aprile 2018 16:03

Terapie vicino casa: l’Emilia Romagna vince il XIII premio Andrea Alesini per l’umanizzazione delle cure

A vincere la medaglia d’oro il progetto “Oncologia territoriale” del dipartimento Oncologia-Ematologia dell’Ospedale Guglielmo da Saliceto. Aceti (Cittadinanzattiva): «Non se ne parla spesso, ma c’è tanta buona sanità nel nostro Paese»

di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Terapie vicino casa: l’Emilia Romagna vince il XIII premio Andrea Alesini per l’umanizzazione delle cure

C’è chi ha portato le cure oncoematologiche vicino al domicilio dei malati. E chi ha lavorato per rendere l’ospedale un polo di promozione culturale sul territorio. Le buone pratiche della sanità sono state premiate oggi all’hotel Nazionale di Roma dove si è svolta la cerimonia di premiazione del XIII premio Andrea Alesini – Buone pratiche per l’umanizzazione delle cure.

LEGGI ANCHE: PRESA IN CARICO CRONICITÀ: I SISTEMI INNOVATIVI DI INIZIATIVA MEDICA LOMBARDA, LA PIÙ GRANDE COOPERATIVA DI MMG

Padrone di casa Tonino Aceti, Coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva. «C’è tanta buona sanità nel nostro Paese – interviene Aceti – che va valorizzata e comunicata di più ai cittadini. Questo ci fa fare una riflessione: la scelta del nostro Paese compiuta 40 anni fa di avere un Servizio nazionale pubblico e universale è stata una scelta giusta che va riconfermata con forza  e difesa da chi in questi anni l’ha messa in discussione».

A premiare i vincitori, il Presidente di Agenas e Assessore alla Sanità del Veneto Luca Coletto insieme a Rossana Ugenti, Direttore generale delle professioni sanitarie e delle risorse umane del Ministero della Salute. «Agenas e il Servizio Sanitario nazionale hanno a cuore le buone pratiche in sanità – afferma Coletto -. Però è importante il ruolo di Cittadinanzattiva, portavoce dei cittadini, che può suggerire delle necessità che possono sfuggire alla Pubblica amministrazione. La buona pratica, l’umanizzazione delle cure, è una delle medicine fondamentali del nostro Ssn».

Il premio Alesini è stata occasione per parlare delle tante eccellenze che ci sono in Italia, quando invece spesso sono i casi di malasanità ad conquistare l’attenzione dei media. È il caso del vincitore, il Dipartimento di Oncoematologia dell’ospedale Guglielmo Saliceto di Piacenza che ha creato una rete territoriale che porta le cure vicino al domicilio del malato non solo con dei medici itineranti ma anche sfruttando la presenza di presidi ospedalieri periferici e coinvolgendo i professionisti del territorio.

A partecipare 19 Regioni, con progetti realizzati in prevalenza (43,2%) da strutture del territorio come distretti, dipartimenti prevenzione, strutture residenziali e semi-residenziali, e destinati a persone in situazione di fragilità: persone con patologie croniche o rare (24%), anziani (20%), persone con disabilità (13%), adolescenti (11%), donne (10%), persone con problemi di dipendenza (9%), bambini (8%), migranti (5%).

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Emilia Romagna, FNO TSRM PSTRP: «Bene iter legge sulla figura del Direttore assistenziale»
«La scelta di inserire tale figura all’interno della Direzione aziendale rappresenta una grande opportunità a  favore della necessaria riorganizzazione del servizio sanitario», sottolinea la FNO TSRM PSTRP
Nel Lazio 1,5 milioni di prestazioni sanitarie erogate in meno
Presentato 2° Report Cittadinanzattiva Lazio. I dati fanno riferimento al 2019-2020: «Servizio sanitario territoriale appare appesantito, fragile e esausto nelle diverse componenti»
Emilia-Romagna, l’Intersindacale boccia il Direttore Assistenziale
Anaao Assomed, Cimo-Fesmed, Aaroi-Emac, Fassid (Aipac-Aupi-Simet-Sinafo-Snr), Fvm Federazione Veterinari e Medici, Anpo Ascoti Fials Medici, Fimmg, Sumai e Snami chiedono il ritiro della proposta
Salute e diseguaglianze, Mandorino (Cittadinanzattiva): «Subito piano di emergenza per le liste di attesa»
La neo eletta Segretaria di Cittadinanzattiva: «I Lea vengano rispettati in tutte le regioni, allo Stato centrale maggior potere di coordinamento. Proiezioni per i prossimi anni ci parlano di un fondo sanitario nazionale in decrescita dal 2022. Non facciamo gli stessi errori del passato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 settembre, sono 229.083.964 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.700.041 i decessi. Ad oggi, oltre 5,93 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco