Salute 12 Dicembre 2018 17:57

Terapia genica, Palmisano (Assobiotec): «Italia fa passi da gigante ma serve collaborazione pubblico-privato per l’early access farmaci»

Trattamenti che modificano il codice genetico, una sorta di ‘taglia e cuci’ del nostro DNA. «Un futuro che è già presente, vediamo dove ci porta la ricerca italiana fiore all’occhiello dell’Europa», così Riccardo Palmisano, presidente dell’Associazione nazionale per lo sviluppo delle biotecnologie

Terapia genica, Palmisano (Assobiotec): «Italia fa passi da gigante ma serve collaborazione pubblico-privato per l’early access farmaci»

La parola d’ordine ègenetica. La genetica infatti è alla base della terapia rivoluzionaria che ha costruito un ponte tra la scienza del presente e quella del futuro: la terapia genica. Il DNA diventa ‘ farmaco’ in questo trattamento, per cui la ricerca italiana vanta una serie di successi gratificanti, che è arrivato ad essere applicativo in moltissime patologie tra cui le malattie croniche e rare.

«La terapia genica potrebbe assumere un ruolo di ‘trattamento trasformativo’ che andrebbe a correggere il difetto genetico del malato restituendogli davvero una vita normale», spiega Riccardo Palmisano, presidente di Assobiotec, l’Associazione nazionale per lo sviluppo delle biotecnologie. «Parliamo di futuro – prosegue -, ma solo in parte, perché la prima terapia genica, che abbiamo l’orgoglio di definire ‘italiana’, è già stata approvata a livello europeo».

Infatti nel corso del 2018 l’Agenzia Europea per i medicinali (EMA) ha approvato alcuni farmaci basati sulla modifica genetica delle cellule T dei pazienti malati di tumore, determinando una serie di successi che preparano la strada ad ulteriori sperimentazioni. In Italia gli istituti più autorevoli in cui è in corso ricerca clinica su terapie geniche e cellulari sono: l’Istituto nazionale dei Tumori di Milano, i centri di ricerca e studio dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca e la Fondazione Monza e Brianza per il Bambino e la sua Mamma.

LEGGI ANCHE: TUMORI, IN ITALIA -17,6% DECESSI IN 15 ANNI. BERETTA (AIOM): «NUOVI TRATTAMENTI E PREVENZIONE CONSENTONO DI OTTENERE GRANDI RISULTATI»

«Nel mondo della ricerca sarebbe importate una collaborazione tra pubblico e privato – prosegue Palmisano -, soprattutto per quel che riguarda i processi di early access, cioè accelerazione regolatoria, che già esistono in parte ma che possono essere migliorati a livello italiano ed europeo, e che potrebbero sveltire le pratiche per la disponibilità sul mercato di questi farmaci destinati a bisogni medici ad oggi del tutto insoddisfatti».

Un campo di applicazione assolutamente fertile della terapia genica è «l’ambito delle malattie rare», osserva il presidente di Assobietec. Infatti dall’individuazione del difetto nel genoma che sta alla base della malattia è possibile mettere a punto una nuova strategia terapeutica che, in diversi casi, può rivelarsi migliorativa per il paziente «forse potendo migliorare la sua esistenza e addirittura in un prossimo futuro dargli un’altra ‘seconda vita’».

Articoli correlati
Ricerca, è italiana la terapia genica che dà speranze ai bambini farfalla
Hassan, affetto da epidermolisi bollosa, a sei anni viene sottoposto ad una terapia genica messa a punto dal Professor Michele De Luca del centro di medicina rigenerativa “Stefano Ferrari” Unimore di Modena. Nel 2017 inizia il follow up, cinque anni dopo, per il centro di eccellenza emiliano è pronta una nuova sfida che partirà nei primi mesi del 2022
Terapia genica oculare, recuperano la vista dieci bambini ipovedenti
Trattati con successo al Policlinico Vanvitelli di Napoli. Ecco i risultati ottenuti grazie alla prima terapia genica per distrofie retiniche ereditarie
Ipovisione e cecità, il “miracolo” della terapia genica
Falsini (oculista): «Sono attualmente eleggibili al trattamento i pazienti con difetto del gene RPE65. Ma, grazie ai progressi della scienza, la terapia genica sarà presto utilizzabile anche per le malattie ereditarie della retina causate da una mutazione diversa»
di Isabella Faggiano
SMA 1, la storia del primo bambino trattato in Sicilia con la terapia genica
Il neurologo Giuseppe Vita: «È la prima terapia genica esistente per una malattia neurologica. Nel trattamento della SMA 1 il farmaco agisce sostituendo la funzione del gene difettoso SMN1, gli si affianca producendo la proteina mancante che causa la malattia»
di Isabella Faggiano
Aifa approva terapia genica per bambini affetti da SMA1 fino a 13,5 kg di peso
Il farmaco approvato dall’Aifa è una vera rivoluzione in grado di cambiare il decorso della malattia. Fino ad oggi era previsto l’accesso anticipato fino a 6 mesi, ora potranno accedervi bambini con un’età media intorno ai 3 anni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni