Salute 15 Maggio 2020 09:53

Terapia al plasma, in Lombardia test a 500mila possibili donatori, conservazione in banca regionale e trattamento in più ospedali

Monti (presidente Commissione sanità Lombardia): «Dopo malati guariti e operatori sanitari, ci affideremo all’Avis per trovare una quota sufficiente di anticorpi neutralizzanti che serviranno per pazienti Covid»

di Federica Bosco
Terapia al plasma, in Lombardia test a 500mila possibili donatori, conservazione in banca regionale e trattamento in più ospedali

Prende il via la banca del plasma iperimmune lombarda. Dopo la sperimentazione del policlinico San Matteo di Pavia e dell’ospedale di Mantova che ha confermato l’efficacia della cura con una riduzione della mortalità dal 15 al 6%, è stato definito il protocollo della raccolta del plasma in tutta la Regione: saranno 500mila le persone che verranno testate per individuare la presenza di anticorpi neutralizzanti ed il grado di immunità, come spiega Emanuele Monti, presidente della Commissione sanità di Regione Lombardia.

«È un grande risultato della ricerca nata tra Policlinico San Matteo e Ospedale Carlo Poma di Mantova, un’unione con l’Università che ha permesso di trattare 46 pazienti, molti dei quali in terapia intensiva, molti gravi e compromessi, e i risultati sono formidabili: riduzione dei due terzi della mortalità e miglioramento netto delle condizioni cliniche e respiratorie dei soggetti trattati. Pertanto, possiamo dire a gran voce che il plasma funziona e questo ci ha permesso di avere indicazioni molto positive, ora non dobbiamo perdere tempo».

LEGGI ANCHE: TERAPIA AL PLASMA, DA ISS E AIFA STUDIO NAZIONALE PER VALUTARNE L’EFFICACIA

Giorni preziosi che Monti ha sfruttato al meglio sollecitando la Regione ad intraprendere un nuovo percorso, sulla scia di quanto annunciato dal governatore veneto Zaia, con la creazione della banca del plasma iperimmune. «Abbiamo suggerito a Fontana – riprende il presidente della Commissione sanità della Regione –, con una mozione urgente portata avanti dalla Lega e che mi ha visto come primo firmatario, la possibilità di creare una banca del plasma iperimmune per la Lombardia. Il presidente Fontana si è subito attivato per rendere fattibile il progetto e l’ha presentato in settimana».

I prossimi giorni saranno fondamentali per la messa a punto della banca che avrà diversi obiettivi: «Innanzitutto verrà fatta una chiamata attiva ai possibili donatori, ovvero tutti coloro che hanno avuto il Covid e che verranno contattati dall’azienda ospedaliera per fare un test specifico che valuterà la presenza e la forza degli anticorpi nel proprio plasma e quindi la possibilità di donare il plasma alla banca regionale. In secondo luogo verrà testato tutto il personale sanitario che già da alcune settimane è sottoposto al test sierologico per cercare gli anticorpi neutralizzanti e poi più in generale, grazie alla collaborazione con Avis, si cercheranno donatori tra coloro che già svolgono un lavoro eccezionale di senso civico per dare ancora un aiuto alla popolazione. L’abbinata di tutti questi fattori – spiega Monti – con un test capace di valutare la presenza degli anticorpi neutralizzanti e la qualità del plasma, permetterà di avere una banca ben rifornita. Dopodiché si procederà con il prelievo e l’immagazzinamento per avere il plasma pronto all’utilizzo per la cura nei soggetti che ne avranno bisogno. Quello che abbiamo voluto indicare al presidente Fontana è di estendere la cura a più presidi ospedalieri possibili  garantendo un’eccellenza e una specializzazione nelle cure oltre ad una diffusione sempre più ampia», conclude.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITA INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Regione Lombardia investe 7,5 milioni di euro nelle cure domiciliari
Nuove tecnologie, telemedicina e personale specializzato gli ambiti di sviluppo su cui è concentrata l’attenzione di pubblico e privato. Da MedicaAir nuovi studi per migliorare la consistenza dei cibi per pazienti con insufficienza respiratoria
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...