Salute 30 Maggio 2018

Tempari, Tar Lazio dice no a visite cronometrate. Magi (Sumai): «Smaltire liste d’attesa? Serve personale, non l’orologio al polso»

Il Tribunale Amministrativo Regionale boccia il decreto della Regione che proponeva tempi rigorosi per le visite specialistiche. Il Segretario del Sindacato Medicina Ambulatoriale: «Al cittadino serve un tempo di cura di qualità»

«È solo lo specialista che può decidere la durata di una visita medica perché questa sia di qualità». Ne è assolutamente convinto Antonio Magi, Segretario Generale di Sumai (e Presidente OMCeO Roma da dicembre 2017), all’indomani della decisione del Tar del Lazio che ha bocciato il decreto del Commissario ad Acta della Regione Lazio sul “Tempario delle prestazioni ambulatoriali”. Un documento in cui, in sostanza, si prevedevano dei tempi rigorosi per 63 esami specialistici. Ad esempio: Visita neurologia, 20 minuti; Elettromiografia semplice, 5 minuti; Elettrocardiogramma, 15 minuti; Visita oncologica: 20 minuti.

«La palla è di nuovo al centro – commenta il Segretario -, il cittadino ha necessità di essere seguito in modi e in tempi corretti con una prestazione sanitaria di qualità».

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, LA RICETTA DI CITTADINANZATTIVA – TBM: «STOP TEMPARI E BLOCCO TURNOVER, SERVONO RISORSE REALI»

Ma torniamo indietro: quando e perché era stata adottata questa tabella di riferimento delle tempistiche? Il tempario è frutto di un decreto approvato dalla Regione Lazio nel luglio 2017, volto a garantire tempistiche sì stringenti, ma finalizzate all’abbattimento delle liste d’attesa e ad una maggiore produttività. «Eppure il risultato non è stato quello sperato – commenta Magi -. C’è da considerare che nessuna prestazione è uguale all’altra, dipende anche dal caso clinico. Questa sentenza restituisce l’importanza che è giusto attribuire al tempo di cura e di comunicazione con il paziente».

«Ci tengo a sottolineare – aggiunge il segretario Sumai – che il Tar non si è solo espresso a parole in merito alla questione, ma ha dettato indicazioni ben precise: non serve ridurre i tempi, ma per smaltire le liste d’attesa occorre assumere personale attrezzandolo in maniera adeguata».

Dunque una posizione netta quella assunta dal Tribunale, condivisa dal Sindacato dei Medici Ambulatoriali che da anni sostiene che il problema delle liste d’attesa e del sovraffollamento nei Pronto soccorso è «in primis frutto della mancanza di specialisti sul territorio», sottolinea Magi.

«In questi anni sono andati in pensione molti specialisti ambulatoriali – spiega -. Non tutti sono stati sostituiti. Per cui abbiamo una riduzione notevole di medici, ed è chiaro che nel momento in cui un cittadino chiede una prestazione specialistica i tempi sono lunghi perché mancano i professionisti. Inoltre i cittadini che hanno la possibilità di pagare la visita privatamente lo fanno (motivo per cui l’out of pocket in Italia è molto alto) e chi invece non ha la possibilità economica affolla Pronto soccorso, guardie mediche e ambulatori».

Articoli correlati
Carenza medici e formazione ECM, Magi a Codici: «Pronti al confronto e a certificare»
Il presidente Omceo Roma, Antonio Magi risponde alle accuse lanciate dall’associazione Codici riguardo ad un “allarmismo bluff” da parte della categoria dei medici. Dalla carenza di personale all’aggiornamento professionale, la replica dei camici bianchi
Anziani hanno difficoltà a curarsi, l’allarme di Senior Italia e Sumai
«I decisori politici devono capire che oggi gli anziani si trovano sempre più spesso a dover scegliere se curarsi, mangiare o spendere per altre necessità urgenti», dichiarano Roberto Messina e Antonio Magi. Chiesto un tavolo con pazienti, società scientifiche e istituzioni
Ex specializzandi, OMCeO Roma plaude a nuovi rimborsi. Magi: «Diritti riconosciuti sono buona notizia. Ora serve alleanza medici-pazienti»
Il Presidente dell’Ordine dei medici più grande d’Europa ha partecipato alla cerimonia di consegna dei risarcimenti ai camici bianchi ex specializzandi tutelati da Consulcesi. «Oggi è una bella giornata. I singoli cittadini da soli sono sempre la parte più debole, per questo difenderli è importante. Ora bisogna fare in modo che cittadini e medici ritornino ad avere quel rapporto che avevano una volta»
Reparti soppressi e liste di attesa infinite, il lento declino dell’eccellenza odontoiatrica dell’Eastman
L’Ospedale romano fondato nel 1933 vive un periodo non facile. La denuncia del segretario Fp Cisl Lazio Roberto Chierchia (Fp Cisl): «La fusione con il Policlinico Umberto I non ha portato al rilancio programmato». Poi aggiunge: «C’è un intero reparto ristrutturato e rimasto vuoto. I medici che vanno via non vengono rimpiazzati»
Magi (OMCeO Roma): «Collaborazione con sindaco Raggi per affrontare affollamento Pronto soccorso»
Intervenuto al convegno “La sicurezza delle cure e la tutela dei diritti”, organizzato all’Università Sapienza di Roma, il presidente dell’Ordine aggiunge: «In arrivo i decreti attuativi della Legge Gelli, che tranquillizzeranno gli operatori e comporteranno risparmi economici»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano