Salute 30 maggio 2018

Tempari, Tar Lazio dice no a visite cronometrate. Magi (Sumai): «Smaltire liste d’attesa? Serve personale, non l’orologio al polso»

Il Tribunale Amministrativo Regionale boccia il decreto della Regione che proponeva tempi rigorosi per le visite specialistiche. Il Segretario del Sindacato Medicina Ambulatoriale: «Al cittadino serve un tempo di cura di qualità»

«È solo lo specialista che può decidere la durata di una visita medica perché questa sia di qualità». Ne è assolutamente convinto Antonio Magi, Segretario Generale di Sumai (e Presidente OMCeO Roma da dicembre 2017), all’indomani della decisione del Tar del Lazio che ha bocciato il decreto del Commissario ad Acta della Regione Lazio sul “Tempario delle prestazioni ambulatoriali”. Un documento in cui, in sostanza, si prevedevano dei tempi rigorosi per 63 esami specialistici. Ad esempio: Visita neurologia, 20 minuti; Elettromiografia semplice, 5 minuti; Elettrocardiogramma, 15 minuti; Visita oncologica: 20 minuti.

«La palla è di nuovo al centro – commenta il Segretario -, il cittadino ha necessità di essere seguito in modi e in tempi corretti con una prestazione sanitaria di qualità».

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, LA RICETTA DI CITTADINANZATTIVA – TBM: «STOP TEMPARI E BLOCCO TURNOVER, SERVONO RISORSE REALI»

Ma torniamo indietro: quando e perché era stata adottata questa tabella di riferimento delle tempistiche? Il tempario è frutto di un decreto approvato dalla Regione Lazio nel luglio 2017, volto a garantire tempistiche sì stringenti, ma finalizzate all’abbattimento delle liste d’attesa e ad una maggiore produttività. «Eppure il risultato non è stato quello sperato – commenta Magi -. C’è da considerare che nessuna prestazione è uguale all’altra, dipende anche dal caso clinico. Questa sentenza restituisce l’importanza che è giusto attribuire al tempo di cura e di comunicazione con il paziente».

«Ci tengo a sottolineare – aggiunge il segretario Sumai – che il Tar non si è solo espresso a parole in merito alla questione, ma ha dettato indicazioni ben precise: non serve ridurre i tempi, ma per smaltire le liste d’attesa occorre assumere personale attrezzandolo in maniera adeguata».

Dunque una posizione netta quella assunta dal Tribunale, condivisa dal Sindacato dei Medici Ambulatoriali che da anni sostiene che il problema delle liste d’attesa e del sovraffollamento nei Pronto soccorso è «in primis frutto della mancanza di specialisti sul territorio», sottolinea Magi.

«In questi anni sono andati in pensione molti specialisti ambulatoriali – spiega -. Non tutti sono stati sostituiti. Per cui abbiamo una riduzione notevole di medici, ed è chiaro che nel momento in cui un cittadino chiede una prestazione specialistica i tempi sono lunghi perché mancano i professionisti. Inoltre i cittadini che hanno la possibilità di pagare la visita privatamente lo fanno (motivo per cui l’out of pocket in Italia è molto alto) e chi invece non ha la possibilità economica affolla Pronto soccorso, guardie mediche e ambulatori».

Articoli correlati
Influenza, ecco perché vaccinarsi. Bartoletti (OMCeO Roma): «Complicazioni sono terza causa di morte per malattie infettive»
«Vaccinazione raccomandata a persone con patologie croniche, soggetti a rischio, personale sanitario e forze dell’ordine. Da effettuare tra fine di ottobre e l’inizio di novembre». I consigli di Pierluigi Bartoletti, vicepresidente OMCeO Roma
di Isabella Faggiano
Numero chiuso Medicina, Magi (OMCeO Roma): «Non è giusto impedire sogno con un quiz. Ma per abolirlo serve ottima programmazione»
Il Presidente dell’Ordine dei Medici della Capitale apre all’apporto dei privati nella sanità pubblica: «In un momento di crisi e di scarse risorse serve collaborare». E si dice ottimista sul contratto dei medici: «Prima o poi la quadra si trova, Ministro si sta impegnando»
Tumore al seno, Zingaretti: «Al via l’ottobre rosa, il mese della prevenzione»
«Prende il via nel Lazio per tutto il mese la campagna di prevenzione del tumore al seno “Ottobre Rosa”. Un fitto programma di iniziative e percorsi di prevenzione interamente dedicati alle donne. I progressi nella ricerca hanno determinato negli anni una crescita continua delle percentuali di sopravvivenza, evidenziando in particolare l’importanza di una diagnosi precoce. […]
D’Amato (Regione Lazio): «Prima riunione per l’Osservatorio per le aggressioni al personale sanitario»
Si riunirà oggi per la prima volta l’Osservatorio sulla sicurezza degli operatori sanitari istituito dalla Regione Lazio. Si tratta di una struttura, fortemente richiesta dagli operatori, per delineare e comprendere il fenomeno delle aggressioni al personale sanitario che negli ultimi mesi ha visto aumentare a livello nazionale il numero dei casi denunciati. L’Osservatorio avrà il compito […]
Numero chiuso, Ines Simona Pisano (Tar Lazio): «La normativa viola il diritto allo studio sancito dalla Costituzione italiana»
«Sul numero chiuso occorre un ripensamento da parte del Legislatore: tra dieci anni rischiamo di trovarci senza né medici né assistenza e la nostra sanità andrà a rotoli». Così la dottoressa Pisano a margine del convegno sulla Formazione Specialistica medica promosso da Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...