Salute 10 Febbraio 2021 09:44

Tamponi antigenici rapidi, i pediatri di famiglia chiedono garanzie a Regione Lombardia e ATS

Missaglia (SIMPeF): «Disponibili ad applicare il protocollo se ATS mette a disposizione personale e logistica quando necessario»

di Federica Bosco
Tamponi antigenici rapidi, i pediatri di famiglia chiedono garanzie a Regione Lombardia e ATS

A una settimana di distanza dall’accordo raggiunto con le farmacie, l’assessore al Welfare e vicepresidente di Regione Lombardia Letizia Moratti replica con i pediatri di famiglia, che potranno effettuare tamponi antigenici rapidi nei propri studi. Un protocollo d’intesa stipulato lo scorso novembre, ma mai decollato, che Regione Lombardia ha rilanciato per il 2021 con un milione e cinquecento mila euro a copertura del costo delle attività previste.

Casi in aumento, ma asintomatici

I medici pediatri nella voce del segretario nazionale SiMPeF, Rinaldo Missaglia, chiedono garanzie di fattibilità. «I pediatri si rendono disponibili ad applicare il protocollo, ma non possono trascurare le carenze mostrate da ATS (Agenzie per la tutela della salute) – sottolinea Missaglia –. L’accordo era stato raggiunto lo scorso mese di novembre, ma il progetto non era partito in quanto mancavano alcuni elementi fondamentali».

Accordo sì, ma collaborazione attiva di ATS

Con il nuovo anno e il cambio ai vertici dell’assessorato al Welfare di Regione Lombardia la situazione sembra essersi sbloccata e i pediatri sono pronti a recepire il protocollo «a patto che ATS dia il proprio contributo – ribadisce a più riprese il segretario nazionale SIMPeF -. In questo momento i casi pediatrici stanno aumentando, ma la malattia è scarsamente sintomatica e non ha complicazioni gravi, il tracciamento con questi tamponi può quindi essere molto utile. Ciò che è fondamentale è la collaborazione attiva delle agenzie per la tutela della salute».

Locali e personale a supporto dei pediatri

Due gli interventi che Missaglia individua come fondamentali per la buona riuscita del progetto: «Innanzitutto le ATS dovrebbero mettere a disposizione i propri locali e le attrezzature per i medici che ne siano sprovvisti e poi garantire il personale infermieristico e di segretaria per la gestione del flusso. In quel caso il pediatra avrebbe il ruolo di prestatore d’opera non solo per i propri assistiti, ma per tutti i soggetti indicati dai dipartimenti. Un tracciamento di questo tipo potrebbe essere un valido aiuto per individuare la malattia e limitarne la diffusione», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Regione Lombardia investe 7,5 milioni di euro nelle cure domiciliari
Nuove tecnologie, telemedicina e personale specializzato gli ambiti di sviluppo su cui è concentrata l’attenzione di pubblico e privato. Da MedicaAir nuovi studi per migliorare la consistenza dei cibi per pazienti con insufficienza respiratoria
Pediatri, medici del 118, guardie mediche: la carenza di camici bianchi investe il Molise
Nella regione si registra una grave carenza di pediatri ospedalieri e il Punto nascite di Isernia rischia di chiudere. Crudele (OMCeO Isernia): «Non bisogna fare avvisi per sei mesi a tempo determinato, ma concorsi che diano una stabilità». De Gregorio (OMCeO Campobasso): «La coperta è corta, abbiamo troppe sedi di guardia medica»
di Francesco Torre
Quali sono i sintomi del Long Covid nei bambini?
Il Long Covid non risparmia neanche i bambini. Molti i sintomi: da affaticamento persistente a mal di testa fino a problemi di concentrazione, diarrea, mal di stomaco e altri ancora
“Sciroppo di Teatro”: il nuovo toccasana per bambini prescritto da pediatri e farmacisti
Volta (pediatra): «Il teatro è riso, sogno, creatività, immaginazione, tutti determinanti di salute dell’età evolutiva». In 21 comuni dell’Emilia Romagna, grazie ad un progetto della Fondazione Ater, i bambini dai 3 agli 8 anni potranno andare a teatro, assieme ai loro accompagnatori, con soli due euro
Tamponi rapidi, Nas chiudono 21 punti prelievo. 18 operatori lavoravano senza Green pass
I servizi di controllo hanno interessato 1.360 farmacie e centri di analisi, rilevando 170 irregolarità e 282 violazioni. Dall’uso di tamponi e kit reagenti non regolari alla mancata identificazione delle persone fino all’effettuazione dei test da personale non qualificato e in ambienti non idonei
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 9 agosto, sono 585.421.147 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.420.315 i decessi. Ad oggi, oltre 12,01 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale