Salute 10 Febbraio 2021 09:44

Tamponi antigenici rapidi, i pediatri di famiglia chiedono garanzie a Regione Lombardia e ATS

Missaglia (SIMPeF): «Disponibili ad applicare il protocollo se ATS mette a disposizione personale e logistica quando necessario»

di Federica Bosco
Tamponi antigenici rapidi, i pediatri di famiglia chiedono garanzie a Regione Lombardia e ATS

A una settimana di distanza dall’accordo raggiunto con le farmacie, l’assessore al Welfare e vicepresidente di Regione Lombardia Letizia Moratti replica con i pediatri di famiglia, che potranno effettuare tamponi antigenici rapidi nei propri studi. Un protocollo d’intesa stipulato lo scorso novembre, ma mai decollato, che Regione Lombardia ha rilanciato per il 2021 con un milione e cinquecento mila euro a copertura del costo delle attività previste.

Casi in aumento, ma asintomatici

I medici pediatri nella voce del segretario nazionale SiMPeF, Rinaldo Missaglia, chiedono garanzie di fattibilità. «I pediatri si rendono disponibili ad applicare il protocollo, ma non possono trascurare le carenze mostrate da ATS (Agenzie per la tutela della salute) – sottolinea Missaglia –. L’accordo era stato raggiunto lo scorso mese di novembre, ma il progetto non era partito in quanto mancavano alcuni elementi fondamentali».

Accordo sì, ma collaborazione attiva di ATS

Con il nuovo anno e il cambio ai vertici dell’assessorato al Welfare di Regione Lombardia la situazione sembra essersi sbloccata e i pediatri sono pronti a recepire il protocollo «a patto che ATS dia il proprio contributo – ribadisce a più riprese il segretario nazionale SIMPeF -. In questo momento i casi pediatrici stanno aumentando, ma la malattia è scarsamente sintomatica e non ha complicazioni gravi, il tracciamento con questi tamponi può quindi essere molto utile. Ciò che è fondamentale è la collaborazione attiva delle agenzie per la tutela della salute».

Locali e personale a supporto dei pediatri

Due gli interventi che Missaglia individua come fondamentali per la buona riuscita del progetto: «Innanzitutto le ATS dovrebbero mettere a disposizione i propri locali e le attrezzature per i medici che ne siano sprovvisti e poi garantire il personale infermieristico e di segretaria per la gestione del flusso. In quel caso il pediatra avrebbe il ruolo di prestatore d’opera non solo per i propri assistiti, ma per tutti i soggetti indicati dai dipartimenti. Un tracciamento di questo tipo potrebbe essere un valido aiuto per individuare la malattia e limitarne la diffusione», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
GIMBE: «3,8 milioni i lavoratori non vaccinati, rischio caos tamponi»
«Il fabbisogno settimanale stimato di tamponi antigenici rapidi è compreso tra 7,5 e 11,5 milioni. L’attuale sistema che punta su farmacie e centri autorizzati non potrà garantire, almeno nel breve termine, un’adeguata offerta di test a prezzi calmierati. Considerare obbligo vaccinale»
Congresso Fimp, Biasci: «Troppi casi di violenza e violazioni dei diritti dei più piccoli. Porre un argine forte»
I pediatri di famiglia lanciano la carta dei diritti del bambino e adolescente. «È importante che i bimbi siano condotti con regolarità ai controlli periodici»
A Varese prove generali di sanità del futuro con la Clinica Isber
Nella storica cornice della casa generalizia delle Ancelle di San Giuseppe è stata inaugurata il centro privato accreditato realizzato con tecnologie avanzate e robotica
Scuola, appello ai pediatri: «Parlate a genitori e ragazzi, il vaccino è fondamentale per la didattica in presenza»
Di Mauro (SIPPS) punta sulla corretta informazione scientifica per fugare dubbi e paure. Barbi (FIASO): «I giovani chiedono di vaccinarsi, mentre i genitori temono effetti collaterali a lunga scadenza. È importante tranquillizzarli»
di Federica Bosco
L’appello dei pediatri: «Vaccino anti-Covid sia reso obbligatorio per gli studenti»
Il presidente della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale Giuseppe Di Mauro: «I vaccini sono sicuri, l'unico strumento di prevenzione primaria contro il Covid-19»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 ottobre, sono 241.152.349 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.906.104 i decessi. Ad oggi, oltre 6,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?