Politica 11 Gennaio 2021 08:42

Lombardia, Letizia Moratti al Welfare punta su squadra e territorio per rilanciare la sanità

Il neoassessore: «In settimana tavolo con ATS, ASST e sindacati di medici ed infermieri per una pronta riorganizzazione e un piano per il rafforzamento degli operatori sanitari. Se vince la Lombardia vince l’Italia»

di Federica Bosco

«Da questa emergenza possiamo uscire se saremo uniti, se sapremo lavorare insieme: medici, infermieri, operatori sanitari e con la disponibilità di un confronto con il governo nazionale. Bisogna vincere questa battaglia contro il virus per far ripartire la Lombardia e di conseguenza il Paese». Per Letizia Moratti, neoassessore al Welfare e vicepresidente di Regione Lombardia chiamata dal governatore Attilio Fontana per sostituire Giulio Gallera, la ricetta per ripartire passa necessariamente da un lavoro di squadra. Ed è sul territorio che intende indirizzare i suoi sforzi per vincere la sfida.

La ricetta di Letizia Moratti: «Avvicinare la sanità al territorio»

«La sanità lombarda è di eccellenza, ci sono cose da migliorare – ha sottolineato la Moratti –. È necessario rivedere la legge di riordino della sanità in tempi rapidi per incrementare da subito un’organizzazione strutturata da applicare non solo all’emergenza, ma anche alla gestione delle altre patologie e alle liste d’attesa. Questo permetterà di avere una sanità più vicina al territorio. Dovremo fare i conti, però, con i fondi, che negli anni sono diminuiti – ha aggiunto -. Con il Recovery Fund si è passati dalla prima bozza dove erano destinati solo 9 miliardi per la sanità, alla versione più recente dove sono saliti a 19 proprio per la medicina del territorio, per l’innovazione e la telemedicina, quindi ci auguriamo che questo sia di aiuto».

Più medici ed infermieri sul territorio

Sul tavolo di lavoro, che aprirà già da questa settimana con ATS, ASST e sindacati di medici ed infermieri, tra le priorità per Letizia Moratti c’è la necessità di incrementare il numero degli operatori sanitari per gestire al meglio i malati Covid, ma anche le altre patologie che per troppo tempo sono state dimenticate, smaltire le lunghe liste d’attesa e organizzare il piano vaccinale. «Sto studiando per un rafforzamento che non è di totale competenza della regione, quindi cercherò di vedere in che modo poter migliorare tutto ciò che è possibile fare, il mio obiettivo è quello di dare un servizio sempre migliore ai cittadini».

Da Gallera un saluto sui social

Nessun commento da Giulio Gallera. L’ex assessore al Welfare non ha rilasciato interviste, ma ha affidato ai social il saluto ai suoi follower. Dichiarando di andare avanti sempre a testa alta, ha spiegato di essere provato da questa lunga pandemia ed ha ringraziato medici, infermieri ed operatori della sanità ospedaliera e territoriale per l’intenso lavoro svolto.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
A Varese prove generali di sanità del futuro con la Clinica Isber
Nella storica cornice della casa generalizia delle Ancelle di San Giuseppe è stata inaugurata il centro privato accreditato realizzato con tecnologie avanzate e robotica
Interventi oculistici solo negli ospedali: la SOI chiama in causa Regione Lombardia che respinge le accuse
Dallo scorso mese di giugno gli interventi oculistici ambulatoriali sono stati sospesi a favore dell’ospedale dove però, a detta di Matteo Piovella, Presidente SOI, non ci sarebbero i requisiti minimi di sicurezza. Immediata la replica della Regione con Emanuele Monti, Presidente della Commissione Sanità parla di nuove strutture territoriali
di Federica Bosco
Carenza medici di famiglia in Lombardia, le proposte dei consiglieri regionali
Lega, Forza Italia, M5S e Pd al lavoro. Approvata in giunta una mozione per incrementare i finanziamenti delle borse di studio in medicina generale e istituire un tirocinio professionalizzante
di Federica Bosco
Regione Lombardia: immunità di gregge, mix di vaccini e piano famiglia gli obiettivi di Moratti e Bertolaso
Presentati questa mattina in conferenza stampa i risultati della campagna vaccinale della regione prima in Italia che punta al traguardo di 10 milioni di somministrazioni entro il 10 luglio
di Federica Bosco
Piano di sviluppo della sanità di Regione Lombardia, critiche dai sindacati
Rossi (SNAMI): «Case della salute e ospedali territoriali superati, servono maggiori risorse e una formazione più adeguata». Barbieri (FP Cgil): «Poco dialogo con i sindacati confederati e liste d’attesa dimenticate». Mazzacane (ex Cisl medici): «Bene il concetto One Health, ma attenzione alla fuga dei camici bianchi»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 ottobre, sono 245.021.851 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.972.731 i decessi. Ad oggi, oltre 6,88 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Assicurativo

Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?

Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in qu...