Politica 11 Gennaio 2021 08:42

Lombardia, Letizia Moratti al Welfare punta su squadra e territorio per rilanciare la sanità

Il neoassessore: «In settimana tavolo con ATS, ASST e sindacati di medici ed infermieri per una pronta riorganizzazione e un piano per il rafforzamento degli operatori sanitari. Se vince la Lombardia vince l’Italia»

di Federica Bosco

«Da questa emergenza possiamo uscire se saremo uniti, se sapremo lavorare insieme: medici, infermieri, operatori sanitari e con la disponibilità di un confronto con il governo nazionale. Bisogna vincere questa battaglia contro il virus per far ripartire la Lombardia e di conseguenza il Paese». Per Letizia Moratti, neoassessore al Welfare e vicepresidente di Regione Lombardia chiamata dal governatore Attilio Fontana per sostituire Giulio Gallera, la ricetta per ripartire passa necessariamente da un lavoro di squadra. Ed è sul territorio che intende indirizzare i suoi sforzi per vincere la sfida.

La ricetta di Letizia Moratti: «Avvicinare la sanità al territorio»

«La sanità lombarda è di eccellenza, ci sono cose da migliorare – ha sottolineato la Moratti –. È necessario rivedere la legge di riordino della sanità in tempi rapidi per incrementare da subito un’organizzazione strutturata da applicare non solo all’emergenza, ma anche alla gestione delle altre patologie e alle liste d’attesa. Questo permetterà di avere una sanità più vicina al territorio. Dovremo fare i conti, però, con i fondi, che negli anni sono diminuiti – ha aggiunto -. Con il Recovery Fund si è passati dalla prima bozza dove erano destinati solo 9 miliardi per la sanità, alla versione più recente dove sono saliti a 19 proprio per la medicina del territorio, per l’innovazione e la telemedicina, quindi ci auguriamo che questo sia di aiuto».

Più medici ed infermieri sul territorio

Sul tavolo di lavoro, che aprirà già da questa settimana con ATS, ASST e sindacati di medici ed infermieri, tra le priorità per Letizia Moratti c’è la necessità di incrementare il numero degli operatori sanitari per gestire al meglio i malati Covid, ma anche le altre patologie che per troppo tempo sono state dimenticate, smaltire le lunghe liste d’attesa e organizzare il piano vaccinale. «Sto studiando per un rafforzamento che non è di totale competenza della regione, quindi cercherò di vedere in che modo poter migliorare tutto ciò che è possibile fare, il mio obiettivo è quello di dare un servizio sempre migliore ai cittadini».

Da Gallera un saluto sui social

Nessun commento da Giulio Gallera. L’ex assessore al Welfare non ha rilasciato interviste, ma ha affidato ai social il saluto ai suoi follower. Dichiarando di andare avanti sempre a testa alta, ha spiegato di essere provato da questa lunga pandemia ed ha ringraziato medici, infermieri ed operatori della sanità ospedaliera e territoriale per l’intenso lavoro svolto.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Regione Lombardia investe 7,5 milioni di euro nelle cure domiciliari
Nuove tecnologie, telemedicina e personale specializzato gli ambiti di sviluppo su cui è concentrata l’attenzione di pubblico e privato. Da MedicaAir nuovi studi per migliorare la consistenza dei cibi per pazienti con insufficienza respiratoria
Regione Lombardia investe 10 milioni di euro nel “ponte digitale” tra ospedale e territorio
Il 2022 sarà l’anno decisivo per la realizzazione di una piattaforma centralizzata in grado di mettere in rete le strutture ospedaliere, le case di comunità e creare percorsi di telemedicina a cui avranno accesso i cittadini
Stop ai dubbi: la maratona scientifica di Regione Lombardia spiega tutto su Omicron e vaccini
Oltre mille domande su terza dose, effetti collaterali e varianti a cui i massimi esperti hanno risposto in tre ore di diretta televisiva
di Federica Bosco
A Varese prove generali di sanità del futuro con la Clinica Isber
Nella storica cornice della casa generalizia delle Ancelle di San Giuseppe è stata inaugurata il centro privato accreditato realizzato con tecnologie avanzate e robotica
Interventi oculistici solo negli ospedali: la SOI chiama in causa Regione Lombardia che respinge le accuse
Dallo scorso mese di giugno gli interventi oculistici ambulatoriali sono stati sospesi a favore dell’ospedale dove però, a detta di Matteo Piovella, Presidente SOI, non ci sarebbero i requisiti minimi di sicurezza. Immediata la replica della Regione con Emanuele Monti, Presidente della Commissione Sanità parla di nuove strutture territoriali
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 1 dicembre 2022, sono 643.396.783 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.635.192 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa