Politica 11 Gennaio 2021 08:42

Lombardia, Letizia Moratti al Welfare punta su squadra e territorio per rilanciare la sanità

Il neoassessore: «In settimana tavolo con ATS, ASST e sindacati di medici ed infermieri per una pronta riorganizzazione e un piano per il rafforzamento degli operatori sanitari. Se vince la Lombardia vince l’Italia»

di Federica Bosco

«Da questa emergenza possiamo uscire se saremo uniti, se sapremo lavorare insieme: medici, infermieri, operatori sanitari e con la disponibilità di un confronto con il governo nazionale. Bisogna vincere questa battaglia contro il virus per far ripartire la Lombardia e di conseguenza il Paese». Per Letizia Moratti, neoassessore al Welfare e vicepresidente di Regione Lombardia chiamata dal governatore Attilio Fontana per sostituire Giulio Gallera, la ricetta per ripartire passa necessariamente da un lavoro di squadra. Ed è sul territorio che intende indirizzare i suoi sforzi per vincere la sfida.

La ricetta di Letizia Moratti: «Avvicinare la sanità al territorio»

«La sanità lombarda è di eccellenza, ci sono cose da migliorare – ha sottolineato la Moratti –. È necessario rivedere la legge di riordino della sanità in tempi rapidi per incrementare da subito un’organizzazione strutturata da applicare non solo all’emergenza, ma anche alla gestione delle altre patologie e alle liste d’attesa. Questo permetterà di avere una sanità più vicina al territorio. Dovremo fare i conti, però, con i fondi, che negli anni sono diminuiti – ha aggiunto -. Con il Recovery Fund si è passati dalla prima bozza dove erano destinati solo 9 miliardi per la sanità, alla versione più recente dove sono saliti a 19 proprio per la medicina del territorio, per l’innovazione e la telemedicina, quindi ci auguriamo che questo sia di aiuto».

Più medici ed infermieri sul territorio

Sul tavolo di lavoro, che aprirà già da questa settimana con ATS, ASST e sindacati di medici ed infermieri, tra le priorità per Letizia Moratti c’è la necessità di incrementare il numero degli operatori sanitari per gestire al meglio i malati Covid, ma anche le altre patologie che per troppo tempo sono state dimenticate, smaltire le lunghe liste d’attesa e organizzare il piano vaccinale. «Sto studiando per un rafforzamento che non è di totale competenza della regione, quindi cercherò di vedere in che modo poter migliorare tutto ciò che è possibile fare, il mio obiettivo è quello di dare un servizio sempre migliore ai cittadini».

Da Gallera un saluto sui social

Nessun commento da Giulio Gallera. L’ex assessore al Welfare non ha rilasciato interviste, ma ha affidato ai social il saluto ai suoi follower. Dichiarando di andare avanti sempre a testa alta, ha spiegato di essere provato da questa lunga pandemia ed ha ringraziato medici, infermieri ed operatori della sanità ospedaliera e territoriale per l’intenso lavoro svolto.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Regione Lombardia: immunità di gregge, mix di vaccini e piano famiglia gli obiettivi di Moratti e Bertolaso
Presentati questa mattina in conferenza stampa i risultati della campagna vaccinale della regione prima in Italia che punta al traguardo di 10 milioni di somministrazioni entro il 10 luglio
di Federica Bosco
Piano di sviluppo della sanità di Regione Lombardia, critiche dai sindacati
Rossi (SNAMI): «Case della salute e ospedali territoriali superati, servono maggiori risorse e una formazione più adeguata». Barbieri (FP Cgil): «Poco dialogo con i sindacati confederati e liste d’attesa dimenticate». Mazzacane (ex Cisl medici): «Bene il concetto One Health, ma attenzione alla fuga dei camici bianchi»
di Federica Bosco
Regione Lombardia disegna la sanità territoriale del futuro: cosa prevede la riforma
Dopo l’approvazione in Giunta, oggi in Commissione Sanità presentate dalla vicepresidente e assessore al Welfare Letizia Moratti le linee di sviluppo che prevedono un potenziamento della rete territoriale, della telemedicina e un approccio One Health per la promozione della salute globale
di Federica Bosco
Lombardia, Moratti: «Tutti vaccinati entro 30 luglio». E pensa ad un centro di ricerca sulle malattie infettive
Intervista all'Assessore alla sanità Letizia Moratti: «Ecco la ricetta dell'inversione di marcia nella campagna vaccinale. Ora puntiamo su territorio e telemedicina»
di Federica Bosco
Lombardia, al via il primo progetto pilota per vaccinare i lavoratori in azienda
Siglato l’accordo con Confindustria, Confapi e Anma. A somministrare le dosi saranno i medici competenti
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 giugno, sono 179.164.193 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.882.531 i decessi. Ad oggi, oltre 2,68 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM