Salute 24 Giugno 2022 15:37

Talent Identification cycling Camp, in Toscana per scoprire giovani talenti del ciclismo con diabete

Novo Nordisk, prima squadra internazionale composta interamente da atleti con diabete, ha convocato 25 giovani ciclisti tra i 15 e i 18 anni provenienti da tutto il mondo per misurare le loro capacità sportive ma anche per valutare la loro tenuta psicologica e scegliere i campioni di domani

Sono giovani, hanno talento nel ciclismo e un denominatore comune, hanno tutti il diabete di tipo 1. Sono i ciclisti impegnati nel Talent Identification Cycling Camp di Novo Nordisk, prima squadra internazionale composta interamente da atleti con diabete.

Dagli allenamenti virtuali alla pratica su strada

Dal 20 al 26 giugno 25 giovani ciclisti tra i 15 e i 18 anni provenienti da tutto il mondo sono stati convocati a Poggio dell’Agnello in Toscana, per misurarsi su strada e in palestra per conquistare un posto squadra. «Il nostro team sviluppa talenti e li coltiva – spiega Charlotte Hayas a capo del team che si occupa di diabete, benessere e istruzione della società Novo Nordisk –. Questi giovani atleti hanno dimostrato, attraverso allenamenti virtuali, di avere una certa attitudine verso il ciclismo. Abbiamo analizzato i loro allenamenti, i report delle loro gare e quelli che hanno dimostrato di essere particolarmente portati per questo sport, e avere grandi potenzialità, sono stati invitati a partecipare al camp in Toscana».

Nova Nordisk dal 2012 punta su atleti con diabete

Nata nel 2012 la squadra è cresciuta con un obiettivo preciso voluto dal CEO della società Phil Southerland e condiviso dalla casa farmaceutica danese che l’ha sostenuta: ispirare, educare e incoraggiare con le imprese sportive quanti hanno il diabete affinché la loro condizione non impedisca di inseguire i sogni. «Per questo ci occupiamo anche della loro istruzione, oltre che degli allenamenti fisici, insegniamo ad essere ciclisti, ma prima di tutto atleti in grado di saper gestire sé stessi, la malattia e l’alimentazione».

Prima regola: saper gestire la malattia in gara

Il camp oltre a scoprire il talento, forgia il carattere e per questo motivo è strutturato in due parti: una teorica con lezioni tenute da nutrizionisti, coach ed esperti di diabete, e una seconda con prove di velocità e resistenza sulle due ruote «Li osserviamo nelle gare di durata, in gruppo, sulle strade di campagna, e vediamo come sanno gestire la loro malattia – spiega la coach –. È fondamentale in prospettiva dell’impegno agonistico che li attende, perché il diabete è tutt’altro che semplice da gestire. In particolare, devono avere un’alimentazione equilibrata, in grado di dare loro l’energia di cui hanno bisogno. Ricordo che tutti questi atleti prendono l’insulina, e devono sviluppare anche la capacità di gestire questo aspetto durante una situazione di grande stress fisico».

Mangiare bene, dormire un tempo sufficiente, avere tenacia, capacità di resistere, e saper affrontare un lavorare duro, sono queste le caratteristiche che devono avere gli atleti del gruppo Novo Nordisk per arrivare al risultato. «Il ciclismo è considerato uno sport molto duro – conclude Charlotte – ogni atleta ha una sua forma mentale particolare. Ciascuno di loro è focalizzato su sé stesso, ma deve anche divertirsi nella competizione e avere l’attitudine al duro lavoro per rimanere in condizioni fisiche ottimali». Tra gli aspiranti ciclisti provenienti da tutto il mondo, ci sono anche quattro atleti italiani. Al termine del camp alcuni di loro saranno selezionati per entrare a far parte del Development Team 2023 con l’opportunità di gareggiare un giorno tra i professionisti.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Diabete e obesità in aumento, colpa dell’inquinamento e del Covid
Presentato a Milano il programma Cities Changing Diabetes action plan 2022-2025 per invertire la curva di crescita della malattia e porre la salute dei cittadini al centro dello sviluppo urbano
Diabete, al via il corso di formazione per medici libici della Società Italiana di Diabetologia
Il corso a distanza prenderà il via il 16 maggio. Il diabete è in aumento esponenziale soprattutto nei paesi in via di sviluppo come quelli africani affacciati sul Mediterraneo
Diabete e Sars-CoV-2: una relazione pericolosa. Con la minaccia del Long Covid
L’intervista al presidente della Società Italiana di Diabetologia (SID): «Le persone con diabete e obese che contraggono l‘infezione hanno un rischio di andare in ospedale, in rianimazione e morire dalle 2 alle 4 volte più alto. Il Long Covid può aumentare i livelli di glucosio nel sangue tra le persone con diabete di tipo 1 e 2». Vediamo perché
Giulio Gaetani, campione di scherma con diabete, racconta la sua battaglia per entrare nei gruppi sportivi militari
Lo scorso 6 aprile ha preso parte ad un incontro con società scientifiche, associazioni di pazienti, il sottosegretario Valentina Vezzali e l’onorevole Roberto Pella per cercare di superare l’ostacolo. «È un punto di partenza per trovare la soluzione migliore per riuscire a cambiare il sistema. Se così fosse, sarebbe una grande svolta»
AME Diabetes Update, Settembrini: «Pandemia in crescita. Spazio a farmaci moderni e innovativi»
«Una terapia mirata e precoce con farmaci innovativi permette di ridurre i costi dei ricoveri, bloccare l'evoluzione, le complicanze e la mortalità». Focus sul diabete mellito, la tre giorni in programma a Napoli dal 17 al 19 marzo sarà ricca di spunti, approfondimenti e discussioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale