Salute 24 Giugno 2022 15:37

Talent Identification cycling Camp, in Toscana per scoprire giovani talenti del ciclismo con diabete

Novo Nordisk, prima squadra internazionale composta interamente da atleti con diabete, ha convocato 25 giovani ciclisti tra i 15 e i 18 anni provenienti da tutto il mondo per misurare le loro capacità sportive ma anche per valutare la loro tenuta psicologica e scegliere i campioni di domani

Sono giovani, hanno talento nel ciclismo e un denominatore comune, hanno tutti il diabete di tipo 1. Sono i ciclisti impegnati nel Talent Identification Cycling Camp di Novo Nordisk, prima squadra internazionale composta interamente da atleti con diabete.

Dagli allenamenti virtuali alla pratica su strada

Dal 20 al 26 giugno 25 giovani ciclisti tra i 15 e i 18 anni provenienti da tutto il mondo sono stati convocati a Poggio dell’Agnello in Toscana, per misurarsi su strada e in palestra per conquistare un posto squadra. «Il nostro team sviluppa talenti e li coltiva – spiega Charlotte Hayas a capo del team che si occupa di diabete, benessere e istruzione della società Novo Nordisk –. Questi giovani atleti hanno dimostrato, attraverso allenamenti virtuali, di avere una certa attitudine verso il ciclismo. Abbiamo analizzato i loro allenamenti, i report delle loro gare e quelli che hanno dimostrato di essere particolarmente portati per questo sport, e avere grandi potenzialità, sono stati invitati a partecipare al camp in Toscana».

Nova Nordisk dal 2012 punta su atleti con diabete

Nata nel 2012 la squadra è cresciuta con un obiettivo preciso voluto dal CEO della società Phil Southerland e condiviso dalla casa farmaceutica danese che l’ha sostenuta: ispirare, educare e incoraggiare con le imprese sportive quanti hanno il diabete affinché la loro condizione non impedisca di inseguire i sogni. «Per questo ci occupiamo anche della loro istruzione, oltre che degli allenamenti fisici, insegniamo ad essere ciclisti, ma prima di tutto atleti in grado di saper gestire sé stessi, la malattia e l’alimentazione».

Prima regola: saper gestire la malattia in gara

Il camp oltre a scoprire il talento, forgia il carattere e per questo motivo è strutturato in due parti: una teorica con lezioni tenute da nutrizionisti, coach ed esperti di diabete, e una seconda con prove di velocità e resistenza sulle due ruote «Li osserviamo nelle gare di durata, in gruppo, sulle strade di campagna, e vediamo come sanno gestire la loro malattia – spiega la coach –. È fondamentale in prospettiva dell’impegno agonistico che li attende, perché il diabete è tutt’altro che semplice da gestire. In particolare, devono avere un’alimentazione equilibrata, in grado di dare loro l’energia di cui hanno bisogno. Ricordo che tutti questi atleti prendono l’insulina, e devono sviluppare anche la capacità di gestire questo aspetto durante una situazione di grande stress fisico».

Mangiare bene, dormire un tempo sufficiente, avere tenacia, capacità di resistere, e saper affrontare un lavorare duro, sono queste le caratteristiche che devono avere gli atleti del gruppo Novo Nordisk per arrivare al risultato. «Il ciclismo è considerato uno sport molto duro – conclude Charlotte – ogni atleta ha una sua forma mentale particolare. Ciascuno di loro è focalizzato su sé stesso, ma deve anche divertirsi nella competizione e avere l’attitudine al duro lavoro per rimanere in condizioni fisiche ottimali». Tra gli aspiranti ciclisti provenienti da tutto il mondo, ci sono anche quattro atleti italiani. Al termine del camp alcuni di loro saranno selezionati per entrare a far parte del Development Team 2023 con l’opportunità di gareggiare un giorno tra i professionisti.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
L’olio evo contrasta diabete, ipertensione e sindrome metabolica
L'olio extravergine di oliva (Evo) gioca un ruolo chiave nel contrastare l'insorgenza delle patologie cronico-degenerative non trasmissibili come il diabete mellito, l'ipertensione arteriosa, la sindrome metabolica, i tumori, le malattie a carico del sistema nervoso e la malattia renale cronica. Lo confermano le ricerche condotte e in corso all'Università degli Studi di Roma Tor Vergata
di V.A.
Diabete di tipo 2: remissione possibile con stile di vita sano, benefici anche per cuore e reni
Il diabete di tipo 2 può essere "curato" perdendo peso e, in generale, adottando uno stile di vita sano, riducendo significativamente il rischio di malattie cardiovascolari e renali. Queste sono le conclusioni di uno studio dell’Associazione europea per lo studio del diabete (EASD), pubblicato sulla rivista Diabetologia
Diabete di tipo 1, se compare in bimbi under 10 ruba 16 anni di vita
L'Italia è il primo paese al mondo ad aver istituito uno screening del diabete di tipo 1 che come prima e importante conseguenza positiva consentirà di prevenire la chetoacidosi. Oggi infatti il 40% delle diagnosi di diabete di tipo 1 avviene in ritardo a seguito di un esordio drammatico, Senza contare che, quando la malattia ha un esordio precoce, prima dei 10 anni di età, si possono arrivare a perdere ben 16 anni di aspettativa di vita. Questi sono i messaggi lanciati da Valentino Cherubini, presidente della Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica (Siedp) che lancia un appello in occasione della Giornata Mondiale del Diabete che si celebra domani
di V.A.
Diabete: nuove linee guida per il trattamento delle malattie cardiovascolari
Sono state pubblicate le nuove linee guida per le malattie cardiovascolari nelle persone con diabete. Molti i temi trattati: dalla stratificazione del rischio cardiovascolare allo screening fino alla diagnosi e il trattamento. Le linee guida valutano e riassumono le evidenze scientifiche disponibili al momento della loro stesura, con l’obiettivo di supportare gli operatori sanitari nel proporre il miglior approccio diagnostico o terapeutico
Diabete: dieta sana non basta se a tavola ci sono cibi ultra-processati
Una ricerca condotta dal Dipartimento di Epidemiologia e Prevenzione dell’I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli, pubblicata sull'American Journal of Clinical Nutrition, dimostra che il consumo di cibi ultraprocessati aumenta sensibilmente il rischio di morte per persone con diabete di tipo 2, indipendentemente dalla qualità nutrizionale di una dieta attenta e salutare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...