Salute 29 Luglio 2020

Svenimenti e cadute più frequenti in estate: attenzione ai campanelli d’allarme

Al Centro Auxologico San Luca di Milano uno staff multidisciplinare guidato dal professor Brignole indaga le cause e definisce la terapia

di Federica Bosco

Al mare o in città, il gran caldo estivo spesso è causa di svenimenti improvvisi e cadute. Si valuta che almeno una persona su due nella vita abbia sperimentato una sincope (breve mancanza di ossigeno al cervello), mentre oltre il 30% degli over 65 sia finito a terra per ragioni non imputabili a un terreno bagnato o ad uno scalino mancato. Per questo è necessario individuare la causa responsabile degli svenimenti e delle cadute al fine di iniziare una terapia specifica efficace.

SVENIMENTI, NON SOTTOVALUTARE I CAMPANELLI DI ALLARME

«Spesso ci sono delle avvisaglie. Queste però non sono percepite dal paziente che occasionalmente ha uno svenimento», ci introduce nell’argomento il professor Michele Brignole che dirige il Centro svenimenti e cadute di Auxologico presso l’Ospedale San Luca di Milano.

«Chi invece è soggetto più di frequente a svenimenti o cadute impara col tempo a riconoscerle. Possono durare da pochi secondi fino ad un minuto o due e sono preziosissimi, perché se il paziente realizza che questi sintomi predicono uno svenimento imminente può agire tempestivamente, prendendo le giuste precauzioni».

«La più importante è coricarsi – spiega il primario -, perché mettersi orizzontale evita un trauma e di perdere completamente conoscenza. Mi rendo conto che molte volte non è possibile se ci si trova in un contesto sociale come per strada, in un supermercato o in un negozio; allora ci sono manovre fisiche che permettono di alzare la pressione in maniera efficace per il tempo necessario a dare al soggetto in difficoltà la possibilità di sedersi o coricarsi. Queste manovre rappresentano uno dei punti di forza del programma del Centro».

UN PERCORSO GUIDATO CON TEST PER INDIVIDUARE LE CAUSE DEGLI SVENIMENTI

Coloro che hanno di costituzione la pressione bassa o prendono farmaci ipertensivi che la abbassa rappresentano i soggetti più a rischio, che non devono mancare l’appuntamento con il team guidato dal professor Brignole all’interno dell’unità operativa di Cardiologia dell’Ospedale San Luca di Milano.

«La parola magica è proprio presa in carico – prosegue il primario del Centro svenimenti -, ovvero il paziente segue un percorso che va dalla diagnosi e prima visita, dagli esami necessari per individuare il problema, fino alla verifica della terapia e al follow up».

«Questa è la procedura vincente – ribadisce Brignole -, perché svenimenti e cadute non sono malattie, ma sono sintomi che appartengono a tante malattie diverse. Per questo è fondamentale una squadra multidisciplinare, dove il paziente possa arrivare ad una conclusione, attraverso una figura di riferimento in grado di fare la sintesi».

«Questo è lo scopo del Centro svenimenti e cadute: avere specialisti in grado di giungere ad una diagnosi e alla terapia. Se sono aritmie le curiamo; se sono cadute dovute a problemi di turba dell’equilibrio o a pressione bassa, curiamo l’origine del problema; se sono sincopi riflesse diamo una terapia personalizzata per alzare la pressione ed impedire il rallentamento del ritmo cardiaco».

«Per fare questo – continua il medico – sono fondamentali alcuni test come quello del lettino inclinato, che consiste nel tenere il paziente in una posizione a 60 gradi per circa 45 minuti e si riproduce in laboratorio la sincope spontanea. Altri test importanti sono il monitoraggio della pressione che viene fatto con l’holter pressorio e il monitoraggio elettrocardiografico prolungato che può essere fatto non invasivo oppure con l’impianto loop recorder impiantabile. Questi sono indispensabili, ma non unici. Occorre fare poi un’altra serie di esami che solo un centro sincope localizzato in una struttura ospedaliera generale può fare».

DALLA DIAGNOSI AL FOLLOW UP

Elemento chiave è la multidisciplinarietà dei professionisti in grado di riconoscere attraverso i diversi esami i segnali che possono portare a svenimenti e cadute e anticipare le eventuali recidive che possono presentarsi anche a distanza di tempo, specie nelle persone anziane.

«Il percorso tipico è una prima visita – riprende il professore – in cui si cerca di individuare il problema. Poi si prescrivono gli accertamenti necessari che possono essere uno, due o tre esami. Quindi, una seconda visita conclusiva. Se non è sufficiente, si prescrive una seconda serie di esami e una terza visita. Infine si individua la terapia e si conclude il percorso con il follow up. Non sempre la prima scelta è quella vincente, allora se c’è da cambiare la terapia si interviene anche successivamente. Noi non lasciamo il paziente solo, lo curiamo finché il problema non è risolto», conclude il professor Brignole.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Boom allergie, i consigli degli esperti per non rovinarsi le vacanze
Pollini, insetti e alimenti: fondamentale proteggere i bambini e non confondere i sintomi allergici con quelli del Covid-19 o di banali dermatiti. Il corso di formazione di Consulcesi
Estate e Parkinson: le precauzioni da adottare per contrastare i problemi del caldo
La Società Italiana di Neurologia spiega quali sono le precauzioni da adottare per contrastare gli eventi sfavorevoli causati dal caldo
Infortuni estivi, è il tuffo l’attività sportiva più pericolosa. Come comportarsi al mare e in montagna
Claudio Seddio, medico radiologo, ortopedico e medico dello sport, elenca i traumi tipici degli sport estivi, tra rimedi e precauzioni: «Questi incidenti possono capitare a chiunque. Tra i bambini è l’insolazione quello più diffuso»
di Isabella Faggiano
Covid-19 e spiagge, le regole dell’Iss per andare al mare in sicurezza
Prenotazioni in orari scaglionati per evitare assembramenti e larga parte del controllo affidata ai sindaci delle località balneari: così potremmo andare in vacanza questa estate. Per gli esperti «rischio trascurabile in acqua, ma sulla sabbia bisogna fare attenzione»
Coronavirus, continuano le occasioni di vacanze gratuite per medici, infermieri e sanitari
Solidarietà, riconoscenza ma anche voglia di ripartire per le strutture turistiche: possibilità dalla Puglia alla Riviera
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 18 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto