Salute 27 Settembre 2019 11:00

Suicidio assistito, Don Angelelli (Pastorale Salute CEI): «Stato non invada sfera delle scelte personali»

Il Direttore dell’Ufficio Nazionale per la pastorale della salute della Conferenza Episcopale Italiana è intervenuto al Congresso ANTEL per parlare del rapporto tra etica e lavoro nella sanità. Sul fine vita sottolinea: «Si parla di grande libertà, ma noi sappiamo che la libertà è vera nel momento in cui è orientata al bene e terminare anticipatamente la vita non so quanto sia bene»

Nonostante fosse un tema ostico, il suo intervento al Congresso dell’Associazione dei Tecnici di Laboratorio (ANTEL) ha riscosso tanti applausi. Monsignor Massimo Angelelli, Direttore dell’Ufficio Nazionale per la pastorale della salute della Conferenza Episcopale Italiana, è riuscito però di parlare di temi etici senza cadere nella retorica e conquistando anche una platea composta da tanti giovani tecnici di laboratorio. Al centro del suo intervento quello che potrebbe essere la base di un codice etico comune delle professioni sanitarie, la salvaguardia della sfera di libertà etica del lavoratore anche in relazione al rapporto con il paziente. Angelelli, che ha già collaborato alla stesura del Codice etico degli infermieri, non poteva non toccare il tema del suicidio assistito dopo la sentenza della Consulta che ha aperto, in casi limitati, a questa possibilità: «Si parla di grande libertà, ma noi sappiamo che la libertà è vera nel momento in cui è orientata al bene e terminare anticipatamente la vita non so quanto sia bene».

Quali sono i valori che devono ispirare l’operato dei professionisti sanitari che poi potrebbero essere inseriti in un codice etico comune?

«Il mio intervento al Congresso ANTEL riguarda la dimensione deontologica della professione, quindi ciò che ogni professionista sanitario deve fare, quali sono i comportamenti propri delle scelte individuali anche nell’ambito della professione. Poi si apre uno spiraglio sulle scelte morali della persona, che a volte potrebbero anche entrare in conflitto con alcune richieste dei pazienti o con alcune normative che invadono la sfera deontologica. A quel punto si pone il problema in coscienza di quali sono le scelte che deve fare l’operatore e quello è uno spazio molto personale di libertà personale nel quale avvengono le scelte che fanno riferimento all’apparto valoriale della persona».

LEGGI ANCHE: ETICA E SANITA’, PARLA DON ANGELELLI (CEI): «GARANTIRE LIBERTA’ AGLI OPERATORI SANITARI. SANITA’ CATTOLICA HA RINCORSO MODELLO AZIENDALISTICO, TORNARE ALLE ORIGINI»

Sullo sfondo c’è il grande tema del fine vita…

«In questi giorni se ne parla tanto, anche questo è un tema che può riguardare i professionisti sanitari. Io mi sono posto tante domande in questo periodo riguardo al fine vita. Parto dal presupposto che è un tema estremamente delicato che va trattato con grande attenzione e grande prudenza perché riguarda uno dei tratti più fragili della vita delle persone. Ho l’impressione che lo Stato voglia invadere la sfera delle scelte personali. Si parla di grande libertà, ma noi sappiamo che la libertà è vera nel momento in cui è orientata al bene e terminare anticipatamente la vita non so quanto sia bene».

Articoli correlati
La storia di Elena ci suggerisce che le cure palliative ancora devono affermarsi nella pratica clinica quotidiana
Di Bruno Nicora, Medico palliativista
di Bruno Nicora, Medico palliativista
Fine vita: via libera alla Camera. Ora serve il sì del Senato
Il disegno di legge sul fine vita è stato approvato alla Camera. Ora spetterà al Senato esprimersi
Suicidio assistito, Mario è il primo malato che ha ottenuto il via libera in Italia
Restano da individuare tipologia e posologia del farmaco eutanasico. Gallo (Coscioni): «Forniremo, in collaborazione con un esperto, il dettaglio delle modalità di autosomministrazione del farmaco che, in base alle condizioni di Mario, risulterà più idoneo»
di Isabella Faggiano
Eutanasia, il 25 ottobre il testo unificato sbarca alla Camera. Battaglia sugli emendamenti: 400 in tutto
Allargare o restringere le maglie per accedere al suicidio medicalmente assistito: si gioca su questo la partita della legge sul fine vita. Il centrodestra punta ad introdurre l’obiezione di coscienza per medici e sanitari. Intanto vola la raccolta firme per il referendum: oltre un milione quelle raccolte
di Francesco Torre
«Macchine non possono sostituire la relazione di cura. Su eutanasia no a ideologismi». Intervista a Don Angelelli (CEI)
Il Direttore Ufficio Nazionale per la Pastorale della Salute CEI: «Interporre una macchina, una mediazione digitale tra il curante e il curato sarebbe un passo indietro»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa