Salute 12 luglio 2018

Sugar tax anche in Italia? Ricciardi (ISS): «Buona soluzione per salute pubblica ma per fasce meno abbienti può essere boomerang»

A tre mesi dall’introduzione della tassazione per le bevande zuccherate in UK il bilancio è positivo. Walter Ricciardi: «Provvedimento utile ma risorse da reinvestire per migliorare condizioni di vita»

Bibite gassate al bando. Le bevande con le bollicine, nella maggior parte dei casi, contengono moltissimi zuccheri dunque vengono regolarmente vietate nelle diete contro l’obesità ma soprattutto nel regime alimentare dei diabetici. Proprio per questo in molti paesi, compresa l’Italia, più volte è stata invocata la ‘sugar tax’ un provvedimento che, come per le sigarette, potrebbe essere un utile disincentivo a consumare questo genere di prodotti.

In Gran Bretagna la tassa sulle bevande zuccherate è in vigore da aprile scorso e da un primo bilancio il provvedimento sembrerebbe aver ottenuto i risultati sperati; sono diminuite la quantità di zuccheri nelle bibite proprio per rendere i prodotti più appetibili sul mercato migliorando di conseguenze l’impatto sulla salute pubblica.

LEGGI ANCHE: DIABETE E OBESITA’, RAPPORTO IBDO: E’ BOOM AL SUD. RICCIARDI (ISS): «E’ UNA PANDEMIA. AIUTIAMO I CITTADINI A CAMBIARE STILI DI VITA»

«La tassazione sulle bibite gassate, come quella sul fumo e sull’alcol può aiutare nella lotta contro determinate patologie», osserva Walter Ricciardi, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità. «Tuttavia è bene sottolineare che questo genere di provvedimenti sebbene utili alla salute pubblica, non devono andare a inficiare lo stile di vita delle fasce di popolazione meno abbienti».

«Infatti – prosegue Ricciardi – quando viene alzata o introdotta la tassazione su prodotti destinati al consumo di massa, spesso a rimetterci sono le persone con situazioni economicamente critiche. Ne consegue che queste fasce di popolazione fanno quindi riferimento a prodotti meno costosi ricorrendo ad alternative anche peggiori e ancor più nocive per la salute».

«Penso che la tassazione sulle bevande zuccherate – conclude – sia un intervento importante che può ricavare risorse pubbliche che però devono essere poi reinvestite per cercare di migliorare le condizioni di vita dei cittadini meno benestanti».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Gioco d’azzardo, ISS e Vicariato di Roma uniscono le forze. Pacifici (ISS): «Nasce Numero Verde per ludopatici e famiglie»
«Più della metà delle telefonate arrivano dai familiari disperati. Serve un sostegno efficace», spiega Roberta Pacifici dell'Istituto Superiore di Sanità
DiaDay, ecco i dati della prima edizione: 19mila casi di diabete, ma il 3% non lo sapeva
SINTESI DEI DATI DEL DIADAY 2017, PRIMA CAMPAGNA NAZIONALE DI SCREENING GRATUITO DEL DIABETE IN FARMACIA Nell’ambito della campagna DiaDay realizzata in 5.671 farmacie italiane sono stati monitorati gratuitamente 160.313 individui in soli 11 giorni. Si tratta di un chiaro esempio di come la farmacia possa essere un soggetto di primaria importanza nell’attuazione di screening […]
Nazioni Unite, Novo Nordisk e Governo danese: insieme per sconfiggere le malattie non trasmissibili
Novo Nordisk finanzierà con un contributo di 5 milioni di dollari la Defeat-NCD Partnership, creata per sconfiggere le malattie non trasmissibili (NCD) nei Paesi a basso reddito. L’annuncio è stato dato nel corso di un evento alle Nazioni Unite congiuntamente al Governo danese, che sosterrà a sua volta l’iniziativa con un fondo di 3 milioni […]
Salute riproduttiva, Studio nazionale: solo 5% adulti sa che dopo 30 anni donne hanno meno possibilità di avere figli
Il 94% degli adolescenti ritiene che debba essere la scuola a garantire l’informazione sui temi della sessualità e riproduzione. Tra gli adulti, solo il 5% è consapevole che le possibilità biologiche per una donna di avere figli iniziano a ridursi già dopo i 30 anni. Sono alcuni dei dati che emergono dallo Studio nazionale fertilità […]
Stretta a spot e cibi grassi da distributori: nuove misure contro obesità infantile. D’Arrando (M5S): «Serve educazione alimentare»
Nel testo della risoluzione presentata in Commissione Affari Sociali l’idea di vietare l'utilizzo dei personaggi dei cartoon e delle trasmissioni televisive per promuovere il cibo ad alto contenuto di grassi, zuccheri e sale. E poi l’ipotesi di etichette che indichino il rischio obesità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...