Salute 21 Aprile 2020 15:10

Stress da Covid-19, al Niguarda ippoterapia per medici ed operatori sanitari

Il progetto del Centro Vittorio Di Capua è stato realizzato grazie alla collaborazione tra dipartimento di Neuropsichiatria infantile e Psicologia clinica. Quattro incontri per recuperare energie con l’aiuto del cavallo

di Federica Bosco

L’ippoterapia per aiutare medici ed operatori sanitari impegnati nella dura battaglia contro il Coronavirus. Il progetto, realizzato dal centro Vittorio Di Capua, è un servizio ospedaliero della struttura complessa di Neuropsichiatria dell’ospedale Niguarda di Milano, promosso dal dipartimento materno infantile, diretto dal dottor De Giacomo, e dalla Psicologia clinica, diretta dal dottor Umberto Mazza, che abbiamo raggiunto via Skype.

«Credo che non sia retorico dire che non avremmo mai immaginato qualcosa di così agghiacciante come quello che abbiamo vissuto negli ultimi due mesi – sottolinea il dottor Mazza -. In questa situazione generale affrontare la cura delle persone, la cura per la relazione delle persone e dei famigliari e la cura e la relazione di noi stessi non è stato facile. L’iniziativa che abbiamo avviato qui al Niguarda grazie ai colleghi del centro Vittorio di Capua credo vada in questa direzione».

Tra l’uomo e il cavallo si crea un feeling che cura la psiche, stimola il senso di autostima e di serenità grazie allo sviluppo degli ormoni del benessere. In un momento di stress psicofisico per medici e infermieri, la mediazione del cavallo è molto utile, come conferma la dottoressa Michela Riceputi, coordinatrice del progetto: «L’idea è di offrire a questi operatori uno spazio e un tempo per se stessi, per ricaricare le proprie energie e per potersi ritrovare, rilassare, riprendere dalle fatiche dei grandi turni di lavoro, in compagnia di un cavallo. Quindi coloro che si presentano e sono interessati al progetto devono sapere che non devono fare nulla, ma solo stare».

LEGGI ANCHE: IPPOTERAPIA, LA PSICOLOGA: «MIGLIORA CAPACITA MOTORIE E DIMINUISCE ANSIA E DEPRESSIONE»

«Ciò che è importante per noi – continua la dottoressa Riceputi – è lasciare che scelgano un cavallo per affinità o per diversità e poi le proposte si declinano in base a come si sente l’operatore. C’è chi ha paura del cavallo, ma non per questo ha creato un limite, anzi: con questa persona abbiamo passato del tempo seduti ad osservare il cavallo che pascolava. Abbiamo avuto dei rimandi importanti dagli operatori che ci dicono “il tempo è volato”, o ancora “non sembra di stare in ospedale”. Noi cerchiamo di offrire degli interventi che si collocano o prima di un turno lavorativo o alla fine, quindi la persona può scegliere a seconda di come si sente. L’intervento può essere individuale o in piccoli gruppi, massimo tre, o ancora c’è la possibilità di fare un’esperienza che noi chiamiamo di vissuto sul cavallo perché non è la classica esperienza di equitazione, ma è un’esperienza sul cavallo senza sella, quindi focalizzata su un aspetto più percettivo  per cogliere il movimento ondulatorio del cavallo e accarezzarne il pelo. Questa è un’esperienza che va a completare il percorso di chi fa le quattro sedute e dà la percezione di aver instaurato un legame forte con l’animale che al termine del percorso lo riconosce, proprio grazie ad aver fatto esperienze diverse, ma complete».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Medicina di genere, Daiichi Sankyo e Onda supportano la formazione dei medici per una “Cardiologia al Femminile”
In occasione della Giornata Internazionale delle Donne, Daiichi Sankyo Italia e Fondazione O.N.D.A. - Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna e di genere, supportano “Cardiologia al Femminile”, due corsi di formazione per medici tenuti da alcune delle maggiori esperte italiane
Vaccino Astrazeneca, il Ministero della Salute lo estende agli over 65
La circolare firmata da Gianni Rezza parla chiaro: AstraZeneca anche agli over 65, fuori però gli estremamente vulnerabili
8 marzo 2021. La voce delle donne in Sanità
In occasione della Festa della Donna, quattro professioniste - una geriatra, una psicologa, una neolaureata in Medicina e un’infermiera - raccontano, a Sanità Informazione, le difficoltà che una donna affronta nel mondo del lavoro ai tempi del Covid-19
di Isabella Faggiano
Covid-19, ogni 100 contagi professionali, 70 riguardano le donne
Giuseppe Carbone, Segretario generale Fials: «Drammatica disparità di genere. Numeri drammatici che ci allarmano e destano preoccupazione per questa terza ondata»
Covid e scenari futuri, l’infettivologo Stefano Vella: «Immunità di gregge? Meglio trovare strategie di convivenza»
«Vaccinare i fragili in via prioritaria. Un altro lockdown nazionale porterebbe al tracollo finanziario, l'Italia non può permetterselo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’8 marzo, sono 116.859.911 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.593.931 i decessi. Ad oggi, oltre 300,10 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elabo...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...