Salute 2 Gennaio 2020

#StorieRare | Lucia e la sindrome di Sjögren: «Cinque anni di calvario, poi la diagnosi. Una condanna a morte»

Malattia autoimmune, sistemica e degenerativa, la sindrome di Sjögren provoca secchezza di vari organi e può aggredire l’apparato osteo-articolare, l’apparato cardiovascolare e quello respiratorio. La presidente della Onlus A.N.I.Ma.S.S.: «Deve essere riconosciuta come malattia rara»

Lucia ha dovuto aspettare cinque anni per ricevere la diagnosi di sindrome di Sjögren. Cinque anni trascorsi «senza essere creduta nemmeno dalla famiglia», che pensava fosse «depressa, ansiosa o bisognosa di cure psichiatriche». Intanto, il suo corpo si seccava.

È la secchezza – «se lo vogliamo banalizzare» – il sintomo principale della sindrome di Sjögren. Malattia autoimmune, sistemica e degenerativa, colpisce le ghiandole esocrine provocando, in primis, secchezza degli occhi e della bocca, ma poi può aggredire tutte le mucose dell’organismo fino ad arrivare agli organi vitali come cuore, fegato, reni, pancreas. Sintomi complessi da interpretare che rendono quindi difficile la diagnosi, ma da non sottovalutare: «La secchezza può diventare fatale – spiega ai nostri microfoni Lucia Marotta, che presiede la Onlus A.N.I.Ma.S.S. (Associazione nazionale italiana malati sindrome di Sjögren) -, perché ad esempio la cornea può facilmente lesionarsi e portare alla perdita del visus e l’assenza di saliva può rendere difficile l’alimentazione. Ma oltre ad avere conseguenze sulla qualità della vita, la sindrome di Sjögren è la malattia autoimmune con il più alto tasso di incidenza del linfoma non Hodgkin».

Lucia Marotta ha raccontato in un libro cosa significa convivere con questa malattia: «Ho scritto la storia di 50 donne che soffrono di questa sindrome. Una malattia invisibile, subdola e misteriosa, che pochi conoscono e che, appunto, colpisce soprattutto le donne, in particolar modo tra i 20 e i 30 anni e durante la menopausa. Persone, circa 16mila in Italia, che soffrono in silenzio, che aspettano anni per avere una diagnosi, che vivono il dramma ulteriore di non essere credute. Perché essere malati non è certo piacevole, ma essere malati e non creduti, mi creda, è una cosa terribile», aggiunge la presidente della Onlus.

LEGGI ANCHE: SINDROME DI SJOGREN, IL SI DI AIFI ALLA FISIOTERAPIA DI INIZIATIVA

Quando, poi, per Lucia è arrivato il momento della diagnosi, pensava di «aver raggiunto un grande obiettivo», e invece «è stata una condanna a morte». «Io l’ho vissuta così – spiega – perché 20 anni fa la conoscenza di questa sindrome era molto limitata. Per questo ho iniziato a combattere per dar voce a chi ne soffre creando l’associazione e scrivendo diversi libri, che sono stati anche tradotti in cortometraggi».

Due gli obiettivi che si è posta: «Far conoscere il dramma di chi vive con questa patologia e sensibilizzare medici e istituzioni perché questa malattia sia riconosciuta, nella forma primaria sistemica, come rara. Cosa che consentirebbe una presa in carico che oggi non esiste, la creazione di ambulatori specifici che non ci sono; che aprirebbe le porte alla ricerca su una malattia ancora troppo poco conosciuta e al riconoscimento dei farmaci, sostitutivi ma vitali per chi soffre di questa patologia».

Una cura per la sindrome di Sjögren, infatti, non c’è: «Ci sono palliativi che consentono di alleviare il dolore con cui altrimenti saremmo costretti a vivere. Dal cortisone agli immunosoppressori, dagli antistaminici agli oppioidi. C’è anche chi sta provando la cannabis terapeutica, ma a sue spese, cosa che non trovo corretta».

«I medici devono conoscere questa malattia – continua Lucia Marotta -. Il sospetto diagnostico dei medici di medicina generale potrebbe essere di grande aiuto, e la creazione di una rete tra ospedale e territorio, che consenta lo scambio di esperienze tra diversi specialisti, sarebbe fondamentale. Senza dimenticare la necessità di frequentare corsi di formazione, dedicati in particolare alle malattie rare, quelle meno conosciute. In fondo – conclude – chiediamo solo più attenzione e un amore sincero verso chi soffre».

Articoli correlati
Bambino Gesù, scoperta nuova malattia rara che ha colpito 7 bambini nel mondo. Intervista al dottor Tartaglia
Con il dottor Tartaglia (Bambino Gesù) parliamo della scoperta fatta grazie al gene MAPK1. Era l'ultimo a non essere associato a una malattia genetica. Due dei sette bambini colpiti nel mondo sono italiani
Lo screening neonatale per la SMA ha cambiato la vita di sei bambini
I risultati del progetto nel Lazio e in Toscana. Il genetista: «Diagnosticare la malattia nella fase pre-sintomatica permette alla maggior parte dei bambini di compiere tutte le tappe motorie»
di Isabella Faggiano
Dl Rilancio, FAVO-FISH-AIL-UNIAMO: «Approvare emendamenti per lavoratori con disabilità»
Secondo le quattro associazioni ci sono modifiche da apportare su sorveglianza sanitaria (art.83) e sostegni economici per autonomi (art. 75 e 86) 
Il 31 maggio 2020 è il “Sibling Day”, giornata europea dei fratelli e sorelle di malati rari
In Italia, 450 mila ragazzi sotto i 16 anni vivono accanto a una persona con malattia rara
Ciancaleoni Bartoli (OMAR): «Necessario tornare, almeno parzialmente, alla centralizzazione del Ssn»
Il contributo di Ilaria Ciancaleoni Bartoli, Direttore dell'Osservatorio Malattie Rare
di Ilaria Ciancaleoni Bartoli, Direttore OMAR
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...