Salute 22 dicembre 2017

Stefania Burbo, (Gcap Italia): «Salute delle donne? Mancano impegni finanziari specifici e concreti»

La co-portavoce di Gcap Italia, denuncia a Sanità Informazione: «C’è ancora tanto da fare contro la discriminazione di genere e per i diritti sessuali e riproduttivi delle donne»

Immagine articolo

Rafforzare l’accesso di tutte le donne ai servizi per la salute sessuale e riproduttiva. Promuovere politiche che eliminino le disparità, gli stereotipi e i pregiudizi di genere a tutti i livelli. Combattere ogni forma di violenza, da quella verbale e fisica a quella sessuale e psicologica. Queste le richieste della coalizione italiana contro la povertà nelle parole della sua co-portavoce Stefania Burbo, intervistata a margine dell’evento ‘Orizzonte e prospettive G7: dall’Italia al Canada, le raccomandazioni sulla salute globale’, che si è svolto di recente a Roma.

Tutelare la salute femminile a 360 gradi: qual è il bilancio delle azioni avviate per combattere ogni forma di violenza?

«Sicuramente c’è ancora tanto da fare. Se pensiamo ai risultati della Presidenza italiana del G7 che si conclude a fine mese, il tema della salute è stato affrontato ma c’è ancora tanto la lavorare perché non ci sono impegni finanziari concreti. A novembre, a Milano, c’è stata un’importante riunione dei Ministri della Salute dei Paesi G7 e in quell’occasione sono state affrontate varie questioni, tra le quali la salute della donna, ma non sono state esaminate tutte quelle tematiche che riguardano i loro diritti sessuali e riproduttivi. Il riconoscimento della libertà e il rispetto dei diritti delle donne richiede sforzi e azioni concrete. Ancora oggi mancano degli impegni finanziari effettivi e per questo porteremo le nostre raccomandazioni al Canada, che assumerà la Presidenza del G7 a partire dal 1 gennaio, affinché il tema della salute globale sia un tema prioritario nell’agenda del G7 dell’anno prossimo».

Articoli correlati
Amsterdam International Aids Conference 2018: “Rompere le barriere, costruire ponti”
La 22° Conferenza internazionale sull’Aids si terrà ad Amsterdam dal 23 al 27 luglio. Anche l’Osservatorio AiDS – Aids Diritti Salute parteciperà ai lavori insieme alle reti internazionali della società civile, agli attivisti e attiviste che animeranno il corteo del 23 luglio per le vie di Amsterdam, le istituzioni e le agenzie internazionali che operano sui temi della conferenza: dall’uso dei […]
Aidos: «Disparità di genere, conseguenze gravi su tessuto sociale e su economia»
L’Associazione Italiana Donne per lo Sviluppo lancia l’allarme: «Donne maltrattate e senza reddito condizionano la comunità socialmente, culturalmente ed economicamente»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...
Formazione

Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi

Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esa...