Salute 22 Dicembre 2017 09:02

Stefania Burbo, (Gcap Italia): «Salute delle donne? Mancano impegni finanziari specifici e concreti»

La co-portavoce di Gcap Italia, denuncia a Sanità Informazione: «C’è ancora tanto da fare contro la discriminazione di genere e per i diritti sessuali e riproduttivi delle donne»

Stefania Burbo, (Gcap Italia): «Salute delle donne? Mancano impegni finanziari specifici e concreti»

Rafforzare l’accesso di tutte le donne ai servizi per la salute sessuale e riproduttiva. Promuovere politiche che eliminino le disparità, gli stereotipi e i pregiudizi di genere a tutti i livelli. Combattere ogni forma di violenza, da quella verbale e fisica a quella sessuale e psicologica. Queste le richieste della coalizione italiana contro la povertà nelle parole della sua co-portavoce Stefania Burbo, intervistata a margine dell’evento ‘Orizzonte e prospettive G7: dall’Italia al Canada, le raccomandazioni sulla salute globale’, che si è svolto di recente a Roma.

Tutelare la salute femminile a 360 gradi: qual è il bilancio delle azioni avviate per combattere ogni forma di violenza?

«Sicuramente c’è ancora tanto da fare. Se pensiamo ai risultati della Presidenza italiana del G7 che si conclude a fine mese, il tema della salute è stato affrontato ma c’è ancora tanto la lavorare perché non ci sono impegni finanziari concreti. A novembre, a Milano, c’è stata un’importante riunione dei Ministri della Salute dei Paesi G7 e in quell’occasione sono state affrontate varie questioni, tra le quali la salute della donna, ma non sono state esaminate tutte quelle tematiche che riguardano i loro diritti sessuali e riproduttivi. Il riconoscimento della libertà e il rispetto dei diritti delle donne richiede sforzi e azioni concrete. Ancora oggi mancano degli impegni finanziari effettivi e per questo porteremo le nostre raccomandazioni al Canada, che assumerà la Presidenza del G7 a partire dal 1 gennaio, affinché il tema della salute globale sia un tema prioritario nell’agenda del G7 dell’anno prossimo».

Articoli correlati
Amsterdam International Aids Conference 2018: “Rompere le barriere, costruire ponti”
La 22° Conferenza internazionale sull’Aids si terrà ad Amsterdam dal 23 al 27 luglio. Anche l’Osservatorio AiDS – Aids Diritti Salute parteciperà ai lavori insieme alle reti internazionali della società civile, agli attivisti e attiviste che animeranno il corteo del 23 luglio per le vie di Amsterdam, le istituzioni e le agenzie internazionali che operano sui temi della conferenza: dall’uso dei […]
Aidos: «Disparità di genere, conseguenze gravi su tessuto sociale e su economia»
L’Associazione Italiana Donne per lo Sviluppo lancia l’allarme: «Donne maltrattate e senza reddito condizionano la comunità socialmente, culturalmente ed economicamente»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio, sono 113.025.730 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.507.803 i decessi. Ad oggi, oltre 221,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Professioni Sanitarie

Osteopati, raggiunto l’accordo per la definizione del profilo professionale ma manca il decreto attuativo

Sciomachen (ROI): «Il Miur istituirà il percorso di laurea triennale in osteopatia. A completare l’iter verso il riconoscimento tra le professioni sanitarie sarà, poi, l’equipollenza dei titoli...
di Isabella Faggiano