Mondo 28 Marzo 2017

Perché si mettono in discussione gli spaghetti? Dubbi su una ricerca e la tracciabilità dei prodotti alimentari…

Si discute molto di una ricerca che rintraccia DON, glifosato e cadmio nella pasta di noti produttori. Ma i ricercatori e (ovviamente) le aziende demoliscono la scientificità e le conclusioni dell’indagine. Resta in piedi solo la necessità di garantire una migliore tracciabilità dei prodotti alimentari

Spaghetti al pomodoro, ottimo rimedio secondo la dieta mediterranea, accusati di non essere salutari. A sostenere questa tesi l’associazione Granosalus che raccoglie i produttori di grano duro a difesa dei consumatori. L’associazione, infatti, dopo una serie di analisi condotte in un laboratorio europeo, sarebbe arrivata alla conclusione che la pasta venduta dai più grandi marchi europei, potrebbe essere contaminata da DON (micotossina), glifosato e cadmio. Il DON è un composto tossico prodotto da alcuni funghi che in particolari condizioni climatiche possono produrre micotossine. Il glifosato è uno degli erbicidi disseccanti più diffusi al mondo, mentre il cadmio è un metallo pesante che penetra nell’ambiente.

Tutte queste sostanze sono rigorosamente presenti nel continente americano, in particolare in Canada. Infatti, secondo Granosalus, proprio dal Canada arriverebbe il grano contaminato. Grazie all’accordo ‘Canada Grain Act’ (CGA) e alle ordinanze emesse dalla ‘Canadian Grain Commission’ (che riporta direttamente al Ministero dell’Agricoltura), il Paese in nord America ha sviluppato una legislazione e una politica strutturale per coltivare ed esportare grano duro ed altri cereali a livello mondiale.

Tuttavia è bene segnalare che l’associazione Granosalus, oltre a non essere perfettamente definita (sul sito mancano alcuni riferimenti sostanziali) come segnala Wired.itnon ha reso noto il nome e i dettagli del laboratorio di analisi dove avrebbe fatto le indagini suddette. I dati incriminati sono stati resi noti esclusivamente dall’associazione che ha pubblicato una tabella (poco approfondita) e non ha dato modo ad altri di verificare l’attendibilità delle analisi condotte. Inoltre gli stessi valori denunciati dall’associazione, sarebbero in ogni caso conformi ai limiti imposti dalla normativa vigente.

Le risposte delle aziende produttrici di pasta non si sono fatte attendere. Alcuni dei principali marchi, in risposta alle accuse prive di fondatezza dell’associazione, hanno dichiarato di produrre pasta esclusivamente con grano aureo coltivato in Italia. Altre hanno ribadito di aver sempre dichiarato in totale trasparenza la provenienza in parte italiana e in parte estera del grano, spiegando che in molti casi la produzione in Italia non è sufficiente a soddisfare le esigenze del mercato. Insomma le aziende produttrici hanno sostenuto l’assoluta infondatezza delle accuse mosse dall’associazione sprovviste di prove efficaci e di analisi attendibili. Nel dibattito sono scese in campo anche le associazioni dei consumatori che hanno ribadito l’esistenza di un ‘Piano Nazionale per il controllo delle Micotossine’ che garantirebbe un controllo a tappeto dei prodotti messi in commercio da parte delle Asl e dagli enti di controllo.

Dunque si tratta di allarmismo infondato? Di fatto, come segnalato da Agi.it, sui prodotti alimentari in Italia, come nel caso della pasta, in etichetta è indicato solo l’ultimo luogo di trasformazione, che per la legislazione in vigore corrisponde al luogo di produzione. Ecco probabilmente su questo elemento rispetto alla catena di produzione che caratterizza la filiera alimentare, andrebbe fatta maggiore chiarezza.

Articoli correlati
Medici veterinari, la svolta della REV nella lotta alle antibiotico-resistenze
All’indomani della presentazione del rapporto Censis che ha evidenziato luci e ombre di una professione in cerca della propria identità, l’entrata in vigore della Ricetta Veterinaria Elettronica rende l’Italia «un modello virtuoso in Europa». L’intervista ad Antonio Limone, tesoriere FNOVI
Glifosato, Bayer condannata. Ma ecco cosa dicono i dati sulla tossicità: l’analisi della Società Italiana di Tossicologia, tra scienza e bufale
Una giuria USA ha fatto condannare Bayer per oltre 80 miliardi ritenendola responsabile della malattia di un uomo. L’erbicida glifosato, prodotto dalla multinazionale, è anche nel mirino dei movimenti ambientalisti, ma né le giurie né gli ambientalisti sono scienziati. Da che parte sta la verità? Proviamo a fare chiarezza attraverso l’analisi della Società Italiana di […]
Pasta Day, i trucchi dell’endocrinologa per una spaghettata senza rimorsi: «Così non fa ingrassare e rende felici»
La dottoressa Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista, in occasione della Giornata Mondiale della Pasta svela una serie di trucchi per mangiarla senza sensi di colpa
Allarme glifosato ingiustificato: non ci sono rischi per la salute umana
L’allarmismo che è nato attorno al glifosato, erbicida brevettato nel 1974 e fuori tutele dal 2001, è immotivato: per superare i limiti di sicurezza, infatti, bisognerebbe superare i 200 kg di cibo al giorno. Sono i dati scientifici rilasciati dall’OMS – Organizzazione Mondiale della Sanità che si riferiscono alle dosi rinvenibili nel prodotto alimentare finito e in […]
La pasta alla carbonara rende felici, aiuta a dormire e fa anche dimagrire…
I 5 consigli dell’endrocrinologa Serena Missori per un piatto di spaghetti a tutta salute. Basta con i falsi miti sulla pasta: non è vero che non si può mangiare la sera, e perché mai privarsi di una bella carbonara? Stimola la tiroide e fa bene anche all’umore...
di Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali