Salute 10 Maggio 2019

Medici veterinari, la svolta della REV nella lotta alle antibiotico-resistenze

All’indomani della presentazione del rapporto Censis che ha evidenziato luci e ombre di una professione in cerca della propria identità, l’entrata in vigore della Ricetta Veterinaria Elettronica rende l’Italia «un modello virtuoso in Europa». L’intervista ad Antonio Limone, tesoriere FNOVI

Curano la salute e il benessere dei 32 milioni di animali domestici che il 52% degli italiani tiene in casa. Ma sono anche responsabili dei controlli igienico-sanitari negli allevamenti, garantiscono qualità e sicurezza della filiera alimentare, si occupano della salvaguardia dell’ambiente e della protezione delle specie in via di estinzione. Eppure, l’importanza del ruolo dei medici veterinari spesso non viene percepita fino in fondo dall’opinione pubblica. Il rapporto Censis presentato a Roma  ha messo in evidenza luci e ombre che aleggiano sulla professione sottolineando un persistente problema di consapevolezza riguardo ai compiti che sono appannaggio di questa categoria, compiti legati alla sanità pubblica che devono essere valorizzati per portare alla luce il reale valore sociale del professionista veterinario. Sanità Informazione ha intervistato il dottor Antonio Limone, direttore dell’Istituto Zooprofilattico del Mezzogiorno e Tesoriere della Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani (FNOVI).

«Il rapporto Censis è molto prezioso perchè se da un lato analizza la percezione che il cittadino ha di noi, cioè di professionisti che si occupano prevalentemente della cura degli animali da compagnia, offre anche la possibilità di comprendere il ruolo fondamentale che rivestiamo nell’ambito della sanità pubblica e della prevenzione. Un ruolo che viene svolto in ogni Asl e anche dall’attività dei liberi professionisti, perché il benessere dell’animale domestico contribuisce ad una sanità di prevenzione anche a carico dell’uomo. Il 75% di tutte le patologie, infatti, sono antropozoonosiche, provengono cioè dagli animali e si trasmettono all’uomo».

LEGGI ANCHE: QUANDO IL NOSTRO ANGELO CUSTODE E’…IL VETERINARIO. INTERVISTA A GAETANO PENOCCHIO FNOVI

Per quanto riguarda invece le attività connesse alla filiera alimentare quali sono i compiti del medico veterinario per garantire la sicurezza e la trasparenza di tutti i processi?

«Anche qui il nostro ruolo è determinante a tutela della salute del consumatore. L’attività di controllo viene esercitata dai medici veterinari in tutte le fasi di preparazione, trasformazione e trasporto degli alimenti. La tracciabilità di un cibo, infatti, racconta la sua storia, ne identifica le caratteristiche e ne garantisce la sicurezza. Tutto questo sforzo per garantire alimenti sani sulle nostre tavole ogni giorno è dato dai tanti medici veterinari che nel nostro Paese attuano una vera e propria rete di epidemiosorveglianza».

Lei prima parlava di antibiotico-resistenze, a questo proposito la recente entrata in vigore della REV (Ricetta Veterinaria Elettronica) obbligatoria è una novità importante anche in questo senso…

«Il Ministero della Salute insieme alla FNOVI, alla sanità pubblica veterinaria tutta e agli istituti zooprofilattici italiani, costruiscono un sistema virtuoso che è un modello, il primo in Europa. La grande scommessa della lotta alle antibiotico-resistenze, che è una vera zoonosi emergente, la più importante dal punto di vista della difficoltà che crea e delle vittime che può causare in termini di vite umane, viene finalmente affrontata in modo intelligente. La REV è un tentativo intelligente di avere il controllo di un farmaco, che ci permette di essere vigili e attenti su determinati processi, è una conquista di una sanità che si evolve e che guarda al riflesso del farmaco sulla salute. Un medico veterinario che vuole farsi portavoce di una sanità di prevenzione non può sottrarsi a un meccanismo del genere. Credo che averlo creato, in questa filiera così istituzionalmente valida che dal Ministero ricade sul territorio, ci porterà nell’arco degli anni ad incidere davvero sulla lotta all’antibiotico-resistenza».

Articoli correlati
Contratto medici, Grasselli (FVM): «Sicuramente è la migliore ipotesi contrattuale possibile»
La Federazione Veterinari Medici e Dirigenti Sanitari (FVM) plaude all'accordo raggiunto: «Abbiamo cercato di fare un contratto per i giovani e per mettere più risorse sulle posizioni fisse di chi sta per uscire dal lavoro»
Maratona Patto Salute, Grasselli (SIVeMP): «Nessuna traccia di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare»
Oggi alla partenza della Maratona di audizioni del Ministero sul Patto per la salute il Segretario Nazionale SIVeMP Aldo Grasselli ha esordito così rivolgendosi al Ministro della salute Giulia Grillo: “Prendendo la parola in questo consesso sento che tutto, tranne la sua personale cortesia – gentile Ministro Grillo – è contro di me. Si parla […]
Ccnl medici veterinari e sanitari, oggi riprende il confronto in Aran
Riprende oggi il confronto in Aran per il contratto di medici veterinari e sanitari. Dopo l’accordo preliminare sulle risorse economiche si passa ora alla parte normativa necessaria per destinare le disponibilità sulle voci stipendiali. “Le proposte Aran – afferma Aldro Grasselli, Presidente FVM (Federazione Veterinari Medici e Dirigenti Sanitari) – contengono palesi contraddizioni e alcune […]
Pierpaolo Sileri (M5S): «Allarme infezioni ospedaliere, ecco le proposte per prevenirle e combatterle»
«L’utilizzo adeguato degli antibiotici è il primo passo, la corretta informazione su come e quando assumerli il secondo, il terzo è investire sempre di più nella gestione degli ospedali». La strategia del presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato per contrastare una grave minaccia per la salute globale
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone