Salute 10 Maggio 2019 15:16

Medici veterinari, la svolta della REV nella lotta alle antibiotico-resistenze

All’indomani della presentazione del rapporto Censis che ha evidenziato luci e ombre di una professione in cerca della propria identità, l’entrata in vigore della Ricetta Veterinaria Elettronica rende l’Italia «un modello virtuoso in Europa». L’intervista ad Antonio Limone, tesoriere FNOVI

Curano la salute e il benessere dei 32 milioni di animali domestici che il 52% degli italiani tiene in casa. Ma sono anche responsabili dei controlli igienico-sanitari negli allevamenti, garantiscono qualità e sicurezza della filiera alimentare, si occupano della salvaguardia dell’ambiente e della protezione delle specie in via di estinzione. Eppure, l’importanza del ruolo dei medici veterinari spesso non viene percepita fino in fondo dall’opinione pubblica. Il rapporto Censis presentato a Roma  ha messo in evidenza luci e ombre che aleggiano sulla professione sottolineando un persistente problema di consapevolezza riguardo ai compiti che sono appannaggio di questa categoria, compiti legati alla sanità pubblica che devono essere valorizzati per portare alla luce il reale valore sociale del professionista veterinario. Sanità Informazione ha intervistato il dottor Antonio Limone, direttore dell’Istituto Zooprofilattico del Mezzogiorno e Tesoriere della Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani (FNOVI).

«Il rapporto Censis è molto prezioso perchè se da un lato analizza la percezione che il cittadino ha di noi, cioè di professionisti che si occupano prevalentemente della cura degli animali da compagnia, offre anche la possibilità di comprendere il ruolo fondamentale che rivestiamo nell’ambito della sanità pubblica e della prevenzione. Un ruolo che viene svolto in ogni Asl e anche dall’attività dei liberi professionisti, perché il benessere dell’animale domestico contribuisce ad una sanità di prevenzione anche a carico dell’uomo. Il 75% di tutte le patologie, infatti, sono antropozoonosiche, provengono cioè dagli animali e si trasmettono all’uomo».

LEGGI ANCHE: QUANDO IL NOSTRO ANGELO CUSTODE E’…IL VETERINARIO. INTERVISTA A GAETANO PENOCCHIO FNOVI

Per quanto riguarda invece le attività connesse alla filiera alimentare quali sono i compiti del medico veterinario per garantire la sicurezza e la trasparenza di tutti i processi?

«Anche qui il nostro ruolo è determinante a tutela della salute del consumatore. L’attività di controllo viene esercitata dai medici veterinari in tutte le fasi di preparazione, trasformazione e trasporto degli alimenti. La tracciabilità di un cibo, infatti, racconta la sua storia, ne identifica le caratteristiche e ne garantisce la sicurezza. Tutto questo sforzo per garantire alimenti sani sulle nostre tavole ogni giorno è dato dai tanti medici veterinari che nel nostro Paese attuano una vera e propria rete di epidemiosorveglianza».

Lei prima parlava di antibiotico-resistenze, a questo proposito la recente entrata in vigore della REV (Ricetta Veterinaria Elettronica) obbligatoria è una novità importante anche in questo senso…

«Il Ministero della Salute insieme alla FNOVI, alla sanità pubblica veterinaria tutta e agli istituti zooprofilattici italiani, costruiscono un sistema virtuoso che è un modello, il primo in Europa. La grande scommessa della lotta alle antibiotico-resistenze, che è una vera zoonosi emergente, la più importante dal punto di vista della difficoltà che crea e delle vittime che può causare in termini di vite umane, viene finalmente affrontata in modo intelligente. La REV è un tentativo intelligente di avere il controllo di un farmaco, che ci permette di essere vigili e attenti su determinati processi, è una conquista di una sanità che si evolve e che guarda al riflesso del farmaco sulla salute. Un medico veterinario che vuole farsi portavoce di una sanità di prevenzione non può sottrarsi a un meccanismo del genere. Credo che averlo creato, in questa filiera così istituzionalmente valida che dal Ministero ricade sul territorio, ci porterà nell’arco degli anni ad incidere davvero sulla lotta all’antibiotico-resistenza».

Articoli correlati
Cosa unisce cambiamenti climatici, malattie infettive e crisi alimentari? Il punto di Sorice (Simevep)
A Sanità Informazione, il Presidente della Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva spiega qual è il filo conduttore che unisce tre delle principali problematiche mondiali degli ultimi anni
Non solo peste suina. Grasselli (Sivemp): «Il 70% delle malattie infettive è di origine animale»
Al via il 51° Congresso Nazionale del Sindacato Italiano Veterinari di Medicina Pubblica sui temi di “Agenda 2030 per la Veterinaria Pubblica: malattie infettive, cambiamenti climatici e crisi alimentari”. Il Segretario nazionale: «Cambiamenti climatici fanno migrare animali che portano con sé le loro patologie». Attenzione anche ad antibiotico-resistenza e crisi alimentari (peggiorate dalla guerra)
Sivemp scrive al Ministro Speranza: «Rischio imminente di inadeguatezza organici veterinari nel Ssn»
di Aldo Grasselli, Segretario Nazionale Sivemp
di Aldo Grasselli, Segretario Nazionale Sivemp
A Bologna si apre il consiglio nazionale FNOVI
Tutto è pronto per l’appuntamento a Bologna dall’8 al 10 aprile prossimo che vedrà riuniti i Presidenti dei 100 Ordini provinciali dei medici veterinari
Veterinari, Penocchio (FNOVI): «Pericoloso vietare antibiotici per gli animali. Rafforzata sorveglianza su peste suina»
Il Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Veterinari Gaetano Penocchio commenta l’ultima legge di Bilancio: «Confidiamo che l’IVA agevolata possa arrivare con un riordino complessivo». E poi aggiunge: «Ci aspettiamo un ripristino delle Piante organiche a supporto del PNRR»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali