Salute 8 giugno 2018

Sostenibilità SSN, Brunetta (Forza Italia): «Sanità in crisi, puntare su welfare aziendale e semplificazione fiscale»

L’ex ministro ha commentato il rapporto Censis-Rbm che ha certificato l’aumento della spesa sanitaria privata e l’insoddisfazione degli italiani per la sanità pubblica. La proposta: «Lasciamo libertà ai cittadini dopo aver ovviamente assicurato uno zoccolo universalistico proprio per garantire il benessere sanitario a tutti, come quello pensionistico»

La sostenibilità del Servizio sanitario nazionale è uno dei temi al centro del dibattito pubblico. Il Rapporto Gimbe pubblicato pochi giorni fa ha ricordato che ormai il definanziamento dell’Ssn è un dato di fatto: la percentuale di spesa sanitaria pubblica rispetto al Pil diminuisce costantemente, e anche le previsioni dell’ultimo Def non sono incoraggianti. Inevitabilmente aumenta la spesa sanitaria privata che, come ha sottolineato il Rapporto Censis-Rbm, quest’anno raggiungerà la cifra di 40 miliardi di euro. Sul tema è intervenuto anche l’ex Ministro della Pubblica amministrazione e deputato di Forza Italia Renato Brunetta che ai microfoni di Sanità Informazione ha sottolineato come i fondi sanitari integrativi potrebbero giocare un ruolo importante in futuro: «La Sanità pubblica universalistica è in crisi, quella privata deve ancora trovare la propria strada – ha spiegato Brunetta – Il risultato è diseguaglianza, rancore, rabbia perché gli italiani sono costretti a pagare due volte: per la sanità pubblica con i contributi obbligatori e di tasca propria per integrare e rispondere ai loro bisogni, alle loro esigenze. A questo punto occorre puntare molto di più sul welfare aziendale, ai piani di assicurazione mirati in base alla posizione lavorativa. E poi bisogna puntare alle forme di altruismo che sono legate al dono, alle charity, agli investimenti individuali per il benessere collettivo, tornando quasi alle origini del welfare, vale a dire al welfare caritatevole ma nel senso moderno del termine, cioè investimenti privati non per fini egoistici ma per il benessere collettivo».

Di fronte alla crisi di sostenibilità del Sistema sanitario nazionale, per Brunetta, la politica ha l’obbligo di provare a fornire soluzioni: «Di tutto questo se ne parla poco – afferma l’ex ministro – La cosa che il politico può fare è liberare risorse dalle forme di tassazione, quindi serve flat tax, semplificazione fiscale, semplificazione contributiva. Lasciamo libertà ai cittadini dopo aver ovviamente assicurato uno zoccolo universalistico proprio per garantire il benessere sanitario a tutti, come quello pensionistico. Ma per il resto torniamo alla persona».

Articoli correlati
Gemelli, da dicembre accesso h 24 nella Terapia Intensiva Neonatale
Da dicembre 2018 verrà garantito l’accesso ai genitori h 24 nei Reparti di Terapia Intensiva Neonatale (TIN), Sub-TIN e Patologia Neonatale della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS al fine di promuovere un più stretto contatto tra i genitori e i piccoli prematuri, anche attraverso la “Kangaroo mother care”, la pratica di fornire un continuo […]
Chirurgia Vertebrale: a Bologna il Memorial Patrizio Parisini
Un meeting scientifico per ricordare, a dieci anni dalla sua scomparsa, il chirurgo Patrizio Parisini, che ha diretto per 18 anni la Divisione di Chirurgia Ortopedica traumatologica vertebrale dell’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna. L’appuntamento con il “Memorial Patrizio Parisini” – organizzato dall’Istituto Ortopedico Rizzoli e dalla Società scientifica SICV&GIS – è per il 23 e […]
Morbillo, arriva piano del Ministero. Il Sottosegretario Bartolazzi: «Vaccino obbligatorio per adulti e operatori sanitari»
Il Sottosegretario alla Salute annuncia piano per l’eradicazione della malattia ospite delle celebrazioni per i 40 anni del SSN. E si dice solidale con lo sciopero dei medici: «Dobbiamo parlare con regioni per trovare risorse per il rinnovo»
di Cesare Buquicchio e Serena Santi
La FNOMCeO festeggia i 40 anni del SSN. Censis: «Medici pilastro della buona sanità e garanti interesse paziente»
Per il 53% degli italiani tetti di spesa, linee guida e protocolli sono utili, ma al medico deve essere lasciata la libertà di decidere. Perché il rapporto è basato sulla fiducia. L’87% si fida del medico di medicina generale. Per il 72% è la prima fonte di informazione. E per il 45% è fondamentale la dimensione psicologica e relazionale
“La violenza fisica e psichica sulla persona”: il convegno a Sassari
La violenza fisica e psichica sulla persona” è il titolo del convegno in programma venerdì 16 novembre, alle ore 15, nell’aula magna della Facoltà di Medicina e Chirurgia, in viale San Pietro a Sassari. L’incontro, organizzato dal Centro di vittimologia della Clinica psichiatrica dell’Aou di Sassari e dell’Università di Sassari in collaborazione con la Società, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Liste d’attesa, Aceti (Cittadinanzattiva): «Prima voce di segnalazione per malcontento cittadini. Ecco cosa cambia con Piano Nazionale»

«50 milioni per abbattimento e interventi regionali. Ridiamo le gambe al SSN per tornare in piedi» Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...