Salute 7 Giugno 2021 15:12

Sindrome di Sjögren, obiettivo Lea. Marotta (Animass) : «Una battaglia di dignità»

Nuova proposta di legge per l’inserimento della patologia nel novero delle Malattie Rare e nei Lea. Ad oggi, le terapie sono tutte a carico dei pazienti e le liste d’attesa infinite. Per una sindrome che, in molti casi, non viene nemmeno riconosciuta

Sindrome di Sjögren, obiettivo Lea. Marotta (Animass) : «Una battaglia di dignità»

Una malattia subdola, debilitante, che coinvolge più organi e funzioni impattando enormemente sulla qualità della vita di chi ne soffre. Donne, perlopiù. Che in due casi su tre non sanno neppure di esserne affette. Parliamo della sindrome di Sjögren, malattia rara autoimmune, sistemica, degenerativa e inguaribile, che colpisce in grande maggioranza le donne (9 a 1). Può attaccare tutte le mucose dell’organismo: occhi, bocca, naso, reni, pancreas, fegato, cuore, apparato cardiocircolatorio, apparato osteo-articolare e polmonare, e spesso si associa ad altre patologie autoimmuni con conseguenze mortali per il 5-8% dei circa 12.000-16.000 malati. Una patologia, inoltre, che causa effetti deleteri non soltanto sotto l’aspetto clinico ma anche nei confronti della vita sociale e affettiva.

La Sindrome di Sjögren primaria sistemica non è ancora inserita nei LEA e nel Registro Nazionale delle malattie rare, cosa che aumenta il disagio e la sofferenza dei malati per i quali non ci sono farmaci curativi, ed inoltre l’uso di farmaci sostitutivi, farmaci di fascia C, terapie riabilitative fisiche e cure odontoiatriche sono a  carico del paziente.

Lo scorso 4 giugno, in occasione del XII Convegno Nazionale “Sindrome di Sjögren Primaria Sistemica: malattia rara, degenerativa e multiorgano”, l’A.N.I.Ma.S.S. ODV, Associazione Nazionale Italiana Malati Sindrome di Sjögren, ha organizzato un incontro via webinar per confrontare e approfondire prospettive della malattia e evidenziare criticità e bisogni inevasi, oltre che ribadire nuovamente l’assoluta urgenza di inserire la patologia nei LEA come malattia rara.

L’incontro, patrocinato dalla presidente. A.N.I.Ma.S.S. Lucia Marotta ha evidenziato un’unanimità e comunione di intenti trasversale tra istituzioni, politica, e operatori sanitari sull’opportunità di concretizzare una migliore presa in carico dei pazienti Sjögren. La speranza è riposta in una proposta di legge ancora da calendarizzare per l’inserimento, appunto, di questa patologia nei Lea.

Presenti all’incontro, con i loro contributi, gli specialisti che si occupano di riconoscere e trattare i sintomi della patologia: oculisti, otorinolaringoiatri, reumatologi, odontoiatri, ginecologi. I primi sintomi della malattia sono spesso di natura oftalmica, ma anche odontostomatologica, con bruciore e secchezza del cavo orale ed effetti che, se non intercettati in tempo, possono portare alla degenerazione totale dei tessuti.

La gestione di queste problematiche si somma alle altre caratteristiche della malattia, comportando per i pazienti spese insostenibili. I pazienti necessitano di sedute di riabilitazione fisioterapica, così come di un supporto psicologico o talvolta psichiatrico per gestire le problematiche di ansia più impattanti, e di attenzione alla sfera ginecologica e sessuale, dal momento che la secchezza delle mucose, e quindi anche degli organi sessuali, crea difficoltà anche da questo punto di vista, acuendosi in periodi ormonali particolari quali gravidanza o menopausa.

Da qui l’esigenza di una presa in carico specifica e multidisciplinare, con ambulatori dedicati, come sottolineato dalla presidente Marotta: «Formazione e informazione sono fondamentali, non solo il riconoscimento come malattia rara. Bisogna creare le competenze a 360 gradi, il malato deve avere attenzione e risposte in tempi congrui. Il progredire della malattia è strettamente correlato alla precocità della presa in carico e alle cure, per questo le istituzioni non possono più restare sorde a questo appello. È soprattutto essenziale che la presa in carico sia uniforme sul territorio nazionale, che non ci siano, anche per questa patologia, 21 sistemi sanitari diversi. Lotteremo – dichiara Marotta – per il riconoscimento e l’inserimento della malattia nei Lea come atto di giustizia ed equità. Così come lotteremo per avere ambulatori dedicati, per i farmaci riconosciuti di fascia C, per una migliore riabilitazione nei centri dedicati».

Altra questione aperta per quanto riguarda la sindrome di Sjogren è la lunghezza delle liste d’attesa per i primi accessi, un problema sottolineato da Annamaria Bigon, vicepresidente della commissione Sanità in Regione Veneto: «In Veneto è all’ordine del giorno una mozione per inserire questa sindrome nei Lea in quanto consideriamo il diritto alla giusta cura e all’accesso ai farmaci una battaglia di dignità. Allo stesso modo – aggiunge la consigliera – l’obiettivo deve essere quello di abbattere le liste d’attesa, perché per chi soffre di questa sindrome la precocità della diagnosi è essenziale».

Proprio in tema di diagnosi precoce, inoltre, si è parlato della necessità di approntare nuovi test di screening (su cui è già in campo un progetto di ricerca) per arrivare ad identificare precocemente la malattia.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
ASMD o Malattia di Niemann Pickpazienti, associazioni e clinici fanno il punto sulle novità
Al termine del mese dedicato alla patologia, un evento al MoMec di Roma promosso dall’Associazione Italiana Niemann Pick ONLUS, in partnership con Sanofi e con la collaborazione di OMaR
Malattie rare, Bologna (IAC): «Proseguire anche nella prossima legislatura lavoro su decreti attuativi»
«L’approvazione della legge sulle malattie rare, di cui sono stata firmataria e relatrice, è stato un grande traguardo di questa legislatura; una legge di iniziativa parlamentare che ha richiesto tre anni e mezzo di lavoro ed é riuscita a superare molti ostacoli, costruendo una cornice normativa per la tutela di due milioni di malati e […]
Testo unico malattie rare, 6 mesi sono già stati persi. Omar consegna una ‘road map’ alle istituzioni
Macchia (OMaR): «I tempi sono stretti, per questo abbiamo raccolto criticità e indicazioni che speriamo possano essere usati dalle istituzioni competenti per procedere con i decreti e regolamenti attuativi»
Parte la terza edizione di HackeRare, l’hackaton sulle malattie rare: la sfida del 2022 parla di comunicazione intra e multidisciplinare
Sono le parole e le relazioni al centro della nuova edizione di HackeRare, l’hackaton sulle malattie rare realizzato da CSL Behring con il contributo scientifico-culturale della SIFO (Società Italiana di Farmacia Ospedaliera). I lavori, della durata di una settimana, si svolgeranno online e la sfida su cui si confronteranno i farmacisti ospedalieri, con il supporto […]
Per i farmacisti ospedalieri manca formazione su comunicazione e relazioni
Solo il 10% della formazione è dedicato alla comunicazione e alle relazioni, gap da colmare. Il tema al centro della terza edizione di HackeRare è la comunicazione intra e multidisciplinare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 6 febbraio 2023, sono 671.739.364 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.844.833 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...