Salute 6 Novembre 2019 12:05

Sicurezza sul lavoro, parla Di Giusto (UNPISI): «Non basta inasprimento pene, servono incentivi e strategia culturale»

Il Presidente dell’Unione nazionale personale ispettivo sanitario d’Italia sottolinea: «Oggi la politica guarda esclusivamente alla parte sanzionatoria mentre la cultura della sicurezza e della prevenzione dovrebbe essere favorita». La professione dei tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi lavoro è confluita nel maxi Ordine TSRM e PSTRP

Sicurezza sul lavoro, parla Di Giusto (UNPISI): «Non basta inasprimento pene, servono incentivi e strategia culturale»

In Italia serve una svolta dal punto di vista normativo e culturale che vada a modificare completamente il paradigma della sicurezza sui luoghi di lavoro. Ad affermarlo è Maurizio Di Giusto, Presidente dell’UNPISI, Unione nazionale personale ispettivo sanitario d’Italia, che rappresenta una delle professioni confluite nel maxi Ordine TSRM e PSTRP che ha celebrato il primo Congresso a Rimini. Il tema della sicurezza sui luoghi di lavoro continua a tenere banco nel dibattito pubblico tanto che è stato al centro anche di un tavolo tra il Ministro della Salute Roberto Speranza, quello del Lavoro Nunzia Catalfo e i rappresentanti sindacali. I tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi lavoro, circa 18mila in Italia, hanno un ruolo essenziale avendo compiti di prevenzione, verifica e controllo in materia di igiene e sicurezza ambientale nei luoghi di vita e di lavoro, di igiene degli alimenti e delle bevande, di igiene di sanità pubblica e veterinaria.  A tal proposito l’Ordine TSRM e PSTRP, in occasione della giornata nazionale delle vittime sul lavoro, ha sottolineato il rischio dell’impoverimento dei servizi delle Asl deputate alle funzioni di vigilanza, a causa del fatto che nei prossimi tre anni oltre il 35% degli operatori andrà in pensione e ha auspicato investimenti pubblici nel settore.

LEGGI ANCHE: MORTI SUL LAVORO, L’ALLARME DELL’ORDINE TSRM E PSTRP: «SERVIZI A RISCHIO, IN TRE ANNI 35% ADDETTI ALLA VIGILANZA DELLE ASL ANDRÀ IN PENSIONE»

Presidente, a Rimini si è svolto il Primo congresso della Federazione degli ordini delle professioni sanitarie. Siete soddisfatti del processo di creazione degli ordini?

«Siamo molto soddisfatti perché questo rappresenta il completamento di un processo di regolamentazione delle professioni sanitarie. Va quindi a creare quel legittimo riconoscimento sia dal punto di vista professionale–normativo che di identità nei confronti del cittadino che ha la certezza di avere professionisti che sono qualificati per l’esercizio delle attività che tutti i giorni vengano effettuate».

Voi quanti siete come professionisti?

«Noi siamo circa 18mila. Lavoriamo sostanzialmente o nei Dipartimenti della prevenzione per l’attività pubblica o nelle Agenzie regionali di protezione ambientali. Un’altra parte numerosa di colleghi lavora nelle aziende private o come libero professionista».

Come categoria cosa chiedete alla politica?

«Quello che chiediamo più che a noi occorre al sistema della salute e sicurezza negli ambienti di vita e di lavoro. I temi che a noi sono cari sono quelli della sicurezza alimentare, dalla protezione ambientale e alla sicurezza nei luoghi di lavoro. Noi siamo quei professionisti che quotidianamente si interfacciano con le aziende da un lato per vigilare e dall’altro per promuovere quella che è la cultura della prevenzione primaria. La sicurezza negli ambienti di lavoro, le morti sul lavoro, gli incidenti sono un fenomeno oggi molto importante e purtroppo se ne parla solo nel momento in cui capitano eventi nefasti su cui i media sono sempre pronti a porre l’accento. Mentre quello che la politica dovrebbe fare è elaborare una strategia dal punto di vista normativo e culturale che vada a modificare completamente il paradigma della sicurezza sui luoghi di lavoro. Oggi noi pensiamo solo ed esclusivamente alla sicurezza. Anche la politica sta programmando solo di revisionare la normativa, di inasprire le pene o guarda esclusivamente alla parte sanzionatoria mentre la cultura della sicurezza e della prevenzione dovrebbe essere una cultura che viene incentivata, che viene favorita. Le imprese dovrebbero trovare un guadagno e un beneficio nell’investire in sicurezza. Questo è il nostro impegno verso la politica: portare la nostra esperienza per modificare quelli che sono i contesti attuali. Un approccio completamente diverso che deve essere un approccio di sistema tra gli organi di controllo ma anche di favorire le imprese nei loro investimenti».

Articoli correlati
«Troppi pochi dietisti nel Ssn, ma con la giusta alimentazione migliori esiti e meno spesa sanitaria». Parla Marco Tonelli, presidente Cda Dietisti
In tutto seimila i dietisti in Italia, solo un terzo nel servizio pubblico. Il presidente della Cda nazionale lancia la proposta del dietista di comunità che lavora in équipe con MMG, PLS e gli altri professionisti sanitari. Spiega Tonelli: «Oggi l’assistenza nutrizionale, settore fondamentale per la salute dei cittadini, non è riconducibile a prestazioni assistenziali chiaramente definite»
di Francesco Torre
Terapisti Occupazionali e Disability Manager, Parone (AITO): «Insieme per abbattere le barriere nel mondo del lavoro»
Il presidente AITO: «Il Terapista Occupazionale ha un ruolo fondamentale nel rientro lavorativo della persona non solo dopo infortunio o patologia, ma anche dopo il Covid-19. Anche in Italia, seppur ancora limitatamente, stanno emergendo esempi in questo campo»
Podologia, Cassano (CdA Podologi): «Oggi costi delle cure in gran parte a carico dei cittadini, più colpiti i redditi bassi»
Il Presidente della Commissione d’Albo nazionale dei Podologi Vito Michele Cassano chiede più sedi universitarie per formare i podologi e ribadisce l’importanza della presenza del podologo nelle équipe multidisciplinari
di Francesco Torre
Osteopatia pediatrica. Petracca (ROI): «In uno studio gli effetti dei trattamenti per la plagiocefalia»
I risultati della ricerca saranno presentati ed ulteriormente approfondi in un workshop durante il 7° congresso nazionale ROI “Trent’anni di osteopatia in Italia: sviluppo, ricerca e identità” che si terrà il 24, 25 e 26 giugno a Napoli
«Troppo pochi chimici e fisici in sanità, servono investimenti». Parla Nausicaa Orlandi, Presidente della FNCF
Tra le priorità della presidente della Federazione Nausicaa Orlandi, appena riconfermata, la finalizzazione delle lauree professionalizzanti e il completamento del percorso per le scuole di specializzazione sanitaria per i Chimici. La preoccupazione per la guerra in Ucraina: «L’inquinamento generato dal conflitto non resterà confinato, serve informazione sull’esposizione ad agenti chimici e fisici»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 maggio, sono 524.674.670 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.281.271 i decessi. Ad oggi, oltre 11,42 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...