Salute 6 Novembre 2019

Sicurezza sul lavoro, parla Di Giusto (UNPISI): «Non basta inasprimento pene, servono incentivi e strategia culturale»

Il Presidente dell’Unione nazionale personale ispettivo sanitario d’Italia sottolinea: «Oggi la politica guarda esclusivamente alla parte sanzionatoria mentre la cultura della sicurezza e della prevenzione dovrebbe essere favorita». La professione dei tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi lavoro è confluita nel maxi Ordine TSRM e PSTRP

Immagine articolo

In Italia serve una svolta dal punto di vista normativo e culturale che vada a modificare completamente il paradigma della sicurezza sui luoghi di lavoro. Ad affermarlo è Maurizio Di Giusto, Presidente dell’UNPISI, Unione nazionale personale ispettivo sanitario d’Italia, che rappresenta una delle professioni confluite nel maxi Ordine TSRM e PSTRP che ha celebrato il primo Congresso a Rimini. Il tema della sicurezza sui luoghi di lavoro continua a tenere banco nel dibattito pubblico tanto che è stato al centro anche di un tavolo tra il Ministro della Salute Roberto Speranza, quello del Lavoro Nunzia Catalfo e i rappresentanti sindacali. I tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi lavoro, circa 18mila in Italia, hanno un ruolo essenziale avendo compiti di prevenzione, verifica e controllo in materia di igiene e sicurezza ambientale nei luoghi di vita e di lavoro, di igiene degli alimenti e delle bevande, di igiene di sanità pubblica e veterinaria.  A tal proposito l’Ordine TSRM e PSTRP, in occasione della giornata nazionale delle vittime sul lavoro, ha sottolineato il rischio dell’impoverimento dei servizi delle Asl deputate alle funzioni di vigilanza, a causa del fatto che nei prossimi tre anni oltre il 35% degli operatori andrà in pensione e ha auspicato investimenti pubblici nel settore.

LEGGI ANCHE: MORTI SUL LAVORO, L’ALLARME DELL’ORDINE TSRM E PSTRP: «SERVIZI A RISCHIO, IN TRE ANNI 35% ADDETTI ALLA VIGILANZA DELLE ASL ANDRÀ IN PENSIONE»

Presidente, a Rimini si è svolto il Primo congresso della Federazione degli ordini delle professioni sanitarie. Siete soddisfatti del processo di creazione degli ordini?

«Siamo molto soddisfatti perché questo rappresenta il completamento di un processo di regolamentazione delle professioni sanitarie. Va quindi a creare quel legittimo riconoscimento sia dal punto di vista professionale–normativo che di identità nei confronti del cittadino che ha la certezza di avere professionisti che sono qualificati per l’esercizio delle attività che tutti i giorni vengano effettuate».

Voi quanti siete come professionisti?

«Noi siamo circa 18mila. Lavoriamo sostanzialmente o nei Dipartimenti della prevenzione per l’attività pubblica o nelle Agenzie regionali di protezione ambientali. Un’altra parte numerosa di colleghi lavora nelle aziende private o come libero professionista».

Come categoria cosa chiedete alla politica?

«Quello che chiediamo più che a noi occorre al sistema della salute e sicurezza negli ambienti di vita e di lavoro. I temi che a noi sono cari sono quelli della sicurezza alimentare, dalla protezione ambientale e alla sicurezza nei luoghi di lavoro. Noi siamo quei professionisti che quotidianamente si interfacciano con le aziende da un lato per vigilare e dall’altro per promuovere quella che è la cultura della prevenzione primaria. La sicurezza negli ambienti di lavoro, le morti sul lavoro, gli incidenti sono un fenomeno oggi molto importante e purtroppo se ne parla solo nel momento in cui capitano eventi nefasti su cui i media sono sempre pronti a porre l’accento. Mentre quello che la politica dovrebbe fare è elaborare una strategia dal punto di vista normativo e culturale che vada a modificare completamente il paradigma della sicurezza sui luoghi di lavoro. Oggi noi pensiamo solo ed esclusivamente alla sicurezza. Anche la politica sta programmando solo di revisionare la normativa, di inasprire le pene o guarda esclusivamente alla parte sanzionatoria mentre la cultura della sicurezza e della prevenzione dovrebbe essere una cultura che viene incentivata, che viene favorita. Le imprese dovrebbero trovare un guadagno e un beneficio nell’investire in sicurezza. Questo è il nostro impegno verso la politica: portare la nostra esperienza per modificare quelli che sono i contesti attuali. Un approccio completamente diverso che deve essere un approccio di sistema tra gli organi di controllo ma anche di favorire le imprese nei loro investimenti».

Articoli correlati
«Alcune proposte per i massofisioterapisti»
di Alessandro Bagattini, Matteo Zaffagnini, Fabrizio Lorenzoni, Paolo Pasqualetto e Marco Bettin (Massofisioterapisti iscritti all'elenco speciale ad esaurimento)
di Massofisioterapisti iscritti all'elenco speciale ad esaurimento
Fno Tsrm-Pstrp: «Non solo medici. Scuole devono poter contare sul contributo di tutte le professioni sanitarie»
Per migliorare il legame tra istruzione e sanità: integrare le attività didattiche con incontri tra diversi professionisti sanitari e gli studenti
Test Professioni Sanitarie, Consulcesi: «Domande poco pertinenti rischiano di lasciare fuori i più meritevoli»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Un altro pasticcio. Anche questa volta a decidere chi entrerà o meno sarà il numero chiuso»
Giornata Mondiale Fisioterapia dedicata al Covid. Cecchetto (AIFI): «Nostro ruolo decisivo in tante patologie. Ecco i luoghi comuni da sfatare»
In un video pubblicato su AIFI Channel tanti pazienti hanno scelto di raccontare il loro percorso di guarigione accanto al proprio fisioterapista
Diete squilibrate e salute, i Presidenti degli albi dei Dietisti prendono posizione contro Panzironi
I Dietisti si sono da tempo pronunciati sulla pericolosità di diete fasulle, informazioni non verificate e consigli miracolosi forniti da sedicenti esperti, chiedendo che le Istituzioni mettessero in campo azioni di tutela della salute pubblica in ambito nutrizionale.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 17 settembre, sono 29.868.230 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 940.716 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 17 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

«La prima ondata? Non è mai finita. Ora però risparmiamoci un altro lockdown»

Intervista all'infettivologo Stefano Vella: «Doveva finire la fase del terrore, non della paura. La paura in questi casi ci salva la vita»