Salute 20 Settembre 2019

Sicurezza delle cure, OMS: «Diagnosi, infezioni e operazioni chirurgiche tra gli eventi più a rischio per il paziente»

L’Organizzazione mondiale della sanità ha raccolto i risultati di uno studio sulla frequenza e prevedibilità di eventi avversi negli ospedali di otto paesi a basso e medio reddito. Errori che costano miliardi alle tasche degli Stati

Immagine articolo

Un paziente su dieci è vittima di un evento avverso durante le cure ospedaliere, si tratta di errori terapeutici molto spesso prevedibili, ma che ogni anno danneggiano milioni di pazienti in tutto il mondo, con un costo di miliardi di dollari per la collettività. Lo rivela uno studio condotto dallOrganizzazione mondiale della sanità in occasione della Giornata mondiale sulla sicurezza dei pazienti, che ha raccolto i dati di frequenza e prevedibilità di eventi avversi in 26 ospedali in otto paesi a basso e medio reddito.

Secondo quanto emerso, il tasso di eventi avversi si aggira intorno all’8%. Di questi eventi, l’83% era prevenibile, mentre circa il 30% era associato alla morte del paziente. Il verificarsi di eventi avversi, derivanti da cure non sicure, è probabilmente una delle 10 principali cause di morte e disabilità in tutto il mondo. Prove recenti suggeriscono che ogni anno si verificano 134 milioni di eventi avversi a causa di cure non sicure negli ospedali dei paesi a basso e medio reddito (LMIC), con un conseguente aumento di 2,6 milioni di decessi ogni anno.

A livello globale, ben quattro pazienti su 10 sono danneggiati mentre ricevono assistenza sanitaria primaria e ambulatoriale, con fino all’80% dei danni considerati prevenibili. Gli errori più dannosi sono legati alla diagnosi, alla prescrizione e all’uso di medicinali. Il danno nelle cure primarie e ambulatoriali porta spesso al ricovero in ospedale. È stato riscontrato che nei paesi dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), i danni ai pazienti possono rappresentare oltre il 6% dei giorni di degenza ospedaliera e oltre 7 milioni di ricoveri.

LEGGI: GIORNATA SICUREZZA DELLE CURE, MAXI ORDINE PROFESSIONI SANITARIE LANCIA “SISTEMA DI PROTEZIONE” PER PAZIENTI E OPERATORI

Una diagnosi imprecisa o ritardata è una delle cause più comuni di danno ai pazienti. Dosaggi o infusioni errati, istruzioni poco chiare, uso di abbreviazioni e prescrizioni inappropriate sono una delle principali cause di danni evitabili nelle cure sanitarie in tutto il mondo. Le infezioni ospedaliere colpiscono fino a 10 pazienti su 100 in ospedale, mentre più di 1 milione di pazienti muoiono ogni anno per complicazioni dovute all’intervento chirurgico.

Le pratiche terapeutiche non sicure e gli errori terapeutici danneggiano milioni di pazienti e costano miliardi di dollari ogni anno. Il costo associato agli errori terapeutici è stato stimato in 42 miliardi di dollari USA ogni anno, senza contare i salari persi, la produttività o i costi sanitari. Ciò rappresenta quasi l’1% della spesa globale per la salute. Gli errori terapeutici possono verificarsi quando sistemi di farmaci deboli e / o fattori umani come affaticamento, cattive condizioni di lavoro o carenza di personale influenzano le pratiche di prescrizione, conservazione, preparazione, distribuzione, amministrazione e monitoraggio. Qualcuno o una combinazione di questi possono causare gravi danni al paziente, disabilità e persino la morte.

LEGGI ANCHE: CONTENZIOSI MEDICI-PAZIENTI, PIERPAOLO SILERI (M5S): «ARBITRATO SALUTE IDEA VINCENTE, RIDUCE I COSTI PER IL SSN E SCORAGGIA LA MEDICINA DIFENSIVA»

Gli investimenti nel miglioramento della sicurezza dei pazienti possono portare a significativi risparmi finanziari e, soprattutto, a risultati migliori per i pazienti. Questo perché il costo della prevenzione è in genere molto più basso del costo del trattamento a causa di danni. Ad esempio, solo negli Stati Uniti, miglioramenti mirati della sicurezza hanno portato a un risparmio stimato di 28 miliardi di dollari negli ospedali Medicare tra il 2010 e il 2015.

Un maggiore coinvolgimento dei pazienti è la chiave per un’assistenza più sicura. Coinvolgere i pazienti non è costoso e rappresenta un buon valore. Se fatto bene, può ridurre l’onere del danno fino al 15%, risparmiando miliardi di dollari ogni anno – un ottimo ritorno sugli investimenti.

Articoli correlati
Cina, una misteriosa epidemia di polmonite virale spaventa l’Oriente
Cinquantanove le persone contagiate in pochi giorni: la causa sembra essere un nuovo ceppo di coronavirus della stessa famiglia della Sars e della Mers. Allertati aeroporti e stazioni, l'Oms monitora la situazione
Veneto, Aodi (Amsi): «Dottoresse rifiutate da pazienti e direttori sanitari perché indossano il velo islamico»
La denuncia di Foad Aodi, presidente AMSI e UMEM: «Ginecologhe e pediatre somale, sudanesi, palestinesi e irachene discriminate a Vicenza, Verona e Padova»
Il 2020 sarà l’anno di infermieri e ostetriche. Oms: «Nel mondo ne serviranno 9 milioni entro il 2030»
Non va meglio in Italia dove la carenza è stimata in oltre 50mila unità. Il 12 maggio 2020 sarà celebrata la giornata internazionale dell’infermiere e il 200º anniversario della nascita di Florence Nightingale
Endowiki e Ambulatorio Virtuale: le soluzioni digitali di Ame. Agrimi: «Qualità e innovazione per medici e pazienti»
I due progetti innovativi in ambito assistenziale di Ame offrono vantaggi a professionisti e utenti: «I pazienti beneficiano di un ambiente qualificato in cui lo scambio di dati sensibili e personali avviene in tutta sicurezza; i medici possono garantire la continuità della cura al di fuori dell’ambulatorio fisico» ha spiegato la Responsabile Sanità Digitale di Ame Daniela Agrimi a Sanità Informazione
Infezioni correlate all’assistenza e lotta all’antibiotico resistenza, da Napoli la call for ideas per adottare linee guida nazionali
Le infezioni correlate all’assistenza ospedaliera (ICA) sono sempre più causate da batteri resistenti e rappresentano la prima causa di morte per infezioni nel nostro Paese. L’incontro, presso l’ospedale “Antonio Cardarelli” di Napoli, ha acceso i riflettori sull’importanza di una corretta gestione del rischio clinico e del necessario coinvolgimento attivo del paziente nel processo di informazione e prevenzione.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook

Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto ...