Salute 20 Settembre 2019

Sicurezza delle cure, OMS: «Diagnosi, infezioni e operazioni chirurgiche tra gli eventi più a rischio per il paziente»

L’Organizzazione mondiale della sanità ha raccolto i risultati di uno studio sulla frequenza e prevedibilità di eventi avversi negli ospedali di otto paesi a basso e medio reddito. Errori che costano miliardi alle tasche degli Stati

Immagine articolo

Un paziente su dieci è vittima di un evento avverso durante le cure ospedaliere, si tratta di errori terapeutici molto spesso prevedibili, ma che ogni anno danneggiano milioni di pazienti in tutto il mondo, con un costo di miliardi di dollari per la collettività. Lo rivela uno studio condotto dallOrganizzazione mondiale della sanità in occasione della Giornata mondiale sulla sicurezza dei pazienti, che ha raccolto i dati di frequenza e prevedibilità di eventi avversi in 26 ospedali in otto paesi a basso e medio reddito.

Secondo quanto emerso, il tasso di eventi avversi si aggira intorno all’8%. Di questi eventi, l’83% era prevenibile, mentre circa il 30% era associato alla morte del paziente. Il verificarsi di eventi avversi, derivanti da cure non sicure, è probabilmente una delle 10 principali cause di morte e disabilità in tutto il mondo. Prove recenti suggeriscono che ogni anno si verificano 134 milioni di eventi avversi a causa di cure non sicure negli ospedali dei paesi a basso e medio reddito (LMIC), con un conseguente aumento di 2,6 milioni di decessi ogni anno.

A livello globale, ben quattro pazienti su 10 sono danneggiati mentre ricevono assistenza sanitaria primaria e ambulatoriale, con fino all’80% dei danni considerati prevenibili. Gli errori più dannosi sono legati alla diagnosi, alla prescrizione e all’uso di medicinali. Il danno nelle cure primarie e ambulatoriali porta spesso al ricovero in ospedale. È stato riscontrato che nei paesi dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), i danni ai pazienti possono rappresentare oltre il 6% dei giorni di degenza ospedaliera e oltre 7 milioni di ricoveri.

LEGGI: GIORNATA SICUREZZA DELLE CURE, MAXI ORDINE PROFESSIONI SANITARIE LANCIA “SISTEMA DI PROTEZIONE” PER PAZIENTI E OPERATORI

Una diagnosi imprecisa o ritardata è una delle cause più comuni di danno ai pazienti. Dosaggi o infusioni errati, istruzioni poco chiare, uso di abbreviazioni e prescrizioni inappropriate sono una delle principali cause di danni evitabili nelle cure sanitarie in tutto il mondo. Le infezioni ospedaliere colpiscono fino a 10 pazienti su 100 in ospedale, mentre più di 1 milione di pazienti muoiono ogni anno per complicazioni dovute all’intervento chirurgico.

Le pratiche terapeutiche non sicure e gli errori terapeutici danneggiano milioni di pazienti e costano miliardi di dollari ogni anno. Il costo associato agli errori terapeutici è stato stimato in 42 miliardi di dollari USA ogni anno, senza contare i salari persi, la produttività o i costi sanitari. Ciò rappresenta quasi l’1% della spesa globale per la salute. Gli errori terapeutici possono verificarsi quando sistemi di farmaci deboli e / o fattori umani come affaticamento, cattive condizioni di lavoro o carenza di personale influenzano le pratiche di prescrizione, conservazione, preparazione, distribuzione, amministrazione e monitoraggio. Qualcuno o una combinazione di questi possono causare gravi danni al paziente, disabilità e persino la morte.

LEGGI ANCHE: CONTENZIOSI MEDICI-PAZIENTI, PIERPAOLO SILERI (M5S): «ARBITRATO SALUTE IDEA VINCENTE, RIDUCE I COSTI PER IL SSN E SCORAGGIA LA MEDICINA DIFENSIVA»

Gli investimenti nel miglioramento della sicurezza dei pazienti possono portare a significativi risparmi finanziari e, soprattutto, a risultati migliori per i pazienti. Questo perché il costo della prevenzione è in genere molto più basso del costo del trattamento a causa di danni. Ad esempio, solo negli Stati Uniti, miglioramenti mirati della sicurezza hanno portato a un risparmio stimato di 28 miliardi di dollari negli ospedali Medicare tra il 2010 e il 2015.

Un maggiore coinvolgimento dei pazienti è la chiave per un’assistenza più sicura. Coinvolgere i pazienti non è costoso e rappresenta un buon valore. Se fatto bene, può ridurre l’onere del danno fino al 15%, risparmiando miliardi di dollari ogni anno – un ottimo ritorno sugli investimenti.

Articoli correlati
Tamponi e test sugli anticorpi, il ruolo dei laboratori privati nella lotta al Covid-19
Le amministrazioni locali reclutano i centri dotati di biologia molecolare. Lamberti (presidente Federlab): «Impensabile far fronte all’emergenza senza schierare tutta la forza laboratoristica presente in Italia»
Giornata Mondiale Lipodistrofia: ritardi nella diagnosi fino a 14 anni. Il monito degli esperti europei
La Giornata Mondiale della Lipodistrofia 2020 è l’occasione per ricordare l’importanza di una maggiore consapevolezza sulle lipodistrofie, un gruppo di malattie ultra-rare che si stima colpiscano nel mondo almeno 4 persone su 1 milione. «Quando si parla di lipodistrofia – commenta il Professor Ferruccio Santini, responsabile del Centro Obesità e Lipodistrofie dell’Università di Pisa – […]
Lenti a contatto, uso non corretto aumenta rischio infezioni: i consigli dell’esperto
«Chirurgia refrattiva soluzione più adatta», spiega Vincenzo Orfeo, Direttore dell’unità operativa di Oculistica della Clinica Mediterranea di Napoli e docente per la Superficie Oculare all’Università di Trieste
WHO Director General: «Social distancing measures are not enough. Our key message is test, test, test»
«Covid-19 is a serious disease. Young people, including children, have died. We’re all in this together. And we can only succeed together»
Coronavirus, Bustreo: «OMS si è mossa tardi. In Italia serve Centro di controllo malattie su modello USA»
Flavia Bustreo, epidemiologa ed ex Vice Direttore Generale Salute della famiglia, delle donne e dei bambini dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, spiega: «Cina ha quasi sconfitto coronavirus anche grazie al contact-tracing tecnologico». Poi aggiunge: «Cambiamenti climatici influiscono sulla diffusione di molti vettori di malattie, come per malaria e zika»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 aprile, sono 1.016.534 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 53.164 i decessi e 211.856 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollett...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...