Salute 20 Settembre 2019 13:07

Sicurezza delle cure, OMS: «Diagnosi, infezioni e operazioni chirurgiche tra gli eventi più a rischio per il paziente»

L’Organizzazione mondiale della sanità ha raccolto i risultati di uno studio sulla frequenza e prevedibilità di eventi avversi negli ospedali di otto paesi a basso e medio reddito. Errori che costano miliardi alle tasche degli Stati

Sicurezza delle cure, OMS: «Diagnosi, infezioni e operazioni chirurgiche tra gli eventi più a rischio per il paziente»

Un paziente su dieci è vittima di un evento avverso durante le cure ospedaliere, si tratta di errori terapeutici molto spesso prevedibili, ma che ogni anno danneggiano milioni di pazienti in tutto il mondo, con un costo di miliardi di dollari per la collettività. Lo rivela uno studio condotto dallOrganizzazione mondiale della sanità in occasione della Giornata mondiale sulla sicurezza dei pazienti, che ha raccolto i dati di frequenza e prevedibilità di eventi avversi in 26 ospedali in otto paesi a basso e medio reddito.

Secondo quanto emerso, il tasso di eventi avversi si aggira intorno all’8%. Di questi eventi, l’83% era prevenibile, mentre circa il 30% era associato alla morte del paziente. Il verificarsi di eventi avversi, derivanti da cure non sicure, è probabilmente una delle 10 principali cause di morte e disabilità in tutto il mondo. Prove recenti suggeriscono che ogni anno si verificano 134 milioni di eventi avversi a causa di cure non sicure negli ospedali dei paesi a basso e medio reddito (LMIC), con un conseguente aumento di 2,6 milioni di decessi ogni anno.

A livello globale, ben quattro pazienti su 10 sono danneggiati mentre ricevono assistenza sanitaria primaria e ambulatoriale, con fino all’80% dei danni considerati prevenibili. Gli errori più dannosi sono legati alla diagnosi, alla prescrizione e all’uso di medicinali. Il danno nelle cure primarie e ambulatoriali porta spesso al ricovero in ospedale. È stato riscontrato che nei paesi dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), i danni ai pazienti possono rappresentare oltre il 6% dei giorni di degenza ospedaliera e oltre 7 milioni di ricoveri.

LEGGI: GIORNATA SICUREZZA DELLE CURE, MAXI ORDINE PROFESSIONI SANITARIE LANCIA “SISTEMA DI PROTEZIONE” PER PAZIENTI E OPERATORI

Una diagnosi imprecisa o ritardata è una delle cause più comuni di danno ai pazienti. Dosaggi o infusioni errati, istruzioni poco chiare, uso di abbreviazioni e prescrizioni inappropriate sono una delle principali cause di danni evitabili nelle cure sanitarie in tutto il mondo. Le infezioni ospedaliere colpiscono fino a 10 pazienti su 100 in ospedale, mentre più di 1 milione di pazienti muoiono ogni anno per complicazioni dovute all’intervento chirurgico.

Le pratiche terapeutiche non sicure e gli errori terapeutici danneggiano milioni di pazienti e costano miliardi di dollari ogni anno. Il costo associato agli errori terapeutici è stato stimato in 42 miliardi di dollari USA ogni anno, senza contare i salari persi, la produttività o i costi sanitari. Ciò rappresenta quasi l’1% della spesa globale per la salute. Gli errori terapeutici possono verificarsi quando sistemi di farmaci deboli e / o fattori umani come affaticamento, cattive condizioni di lavoro o carenza di personale influenzano le pratiche di prescrizione, conservazione, preparazione, distribuzione, amministrazione e monitoraggio. Qualcuno o una combinazione di questi possono causare gravi danni al paziente, disabilità e persino la morte.

LEGGI ANCHE: CONTENZIOSI MEDICI-PAZIENTI, PIERPAOLO SILERI (M5S): «ARBITRATO SALUTE IDEA VINCENTE, RIDUCE I COSTI PER IL SSN E SCORAGGIA LA MEDICINA DIFENSIVA»

Gli investimenti nel miglioramento della sicurezza dei pazienti possono portare a significativi risparmi finanziari e, soprattutto, a risultati migliori per i pazienti. Questo perché il costo della prevenzione è in genere molto più basso del costo del trattamento a causa di danni. Ad esempio, solo negli Stati Uniti, miglioramenti mirati della sicurezza hanno portato a un risparmio stimato di 28 miliardi di dollari negli ospedali Medicare tra il 2010 e il 2015.

Un maggiore coinvolgimento dei pazienti è la chiave per un’assistenza più sicura. Coinvolgere i pazienti non è costoso e rappresenta un buon valore. Se fatto bene, può ridurre l’onere del danno fino al 15%, risparmiando miliardi di dollari ogni anno – un ottimo ritorno sugli investimenti.

Articoli correlati
Vaccini, Oms e Unicef: “Oltre 120mila bambini a ‘dose zero” tra Europa e Asia Centrale”
La specialista regionale dell'UNICEF per le vaccinazioni in Europa e Asia Centrale: "Non c’è ragione per cui i bambini debbano correre il rischio di morire per malattie prevenibili con un vaccino. Dare priorità ai finanziamenti e investimenti sui programmi di immunizzazione e sistemi sanitari”
Morbillo: allarme Oms Europa, 30 volte più casi nel 2023
"La regione europea sta registrando un aumento allarmante dei casi di morbillo". E' il monito dell'ufficio regionale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per l'Europa. "Tra gennaio e ottobre 2023 sono stati segnalati oltre 30mila casi da 40 dei 53 Stati membri della regione. Rispetto ai 941 segnalati in tutto il 2022, è un aumento di oltre 30 volte", avverte l'agenzia Onu per la salute
di V.A.
Tumori del sangue, creato algoritmo che potrebbe migliorare diagnosi e cure
I ricercatori di Genomics England, dell'Università di Trieste e del Great Ormond Street Hospital for Children dell’NHS Foundation Trust hanno sviluppato un nuovo algoritmo per rendere più accurata l'analisi del sequenziamento completo del genoma, effettuato con tecniche di Whole Genome Sequencing (WGS) in pazienti con tumori del sangue
di V.A.
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Anemia da malattia renale cronica, un peso da alleggerire
Promuovere la conoscenza dell'Anemia, fare una diagnosi tempestiva, gestire il paziente con malattia renale cronica in maniera multidisciplinare, realizzare una presa in carico in maniera omogenea sul territorio e monitorare l'Anemia lungo tutto il percorso del paziente sono le proposte per salvaguardare qualità di vita delle persone con Anemia da malattia renale cronica.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici di famiglia, Scotti (Fimmg): “Entro il 2026 15 milioni di italiani saranno senza” 

Intanto scoppia il 'caos estate': “I sostituti sono introvabili e c'è chi va in pensione anticipata per concedersi le ferie”
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...