Salute 20 Settembre 2019 13:07

Sicurezza delle cure, OMS: «Diagnosi, infezioni e operazioni chirurgiche tra gli eventi più a rischio per il paziente»

L’Organizzazione mondiale della sanità ha raccolto i risultati di uno studio sulla frequenza e prevedibilità di eventi avversi negli ospedali di otto paesi a basso e medio reddito. Errori che costano miliardi alle tasche degli Stati

Sicurezza delle cure, OMS: «Diagnosi, infezioni e operazioni chirurgiche tra gli eventi più a rischio per il paziente»

Un paziente su dieci è vittima di un evento avverso durante le cure ospedaliere, si tratta di errori terapeutici molto spesso prevedibili, ma che ogni anno danneggiano milioni di pazienti in tutto il mondo, con un costo di miliardi di dollari per la collettività. Lo rivela uno studio condotto dallOrganizzazione mondiale della sanità in occasione della Giornata mondiale sulla sicurezza dei pazienti, che ha raccolto i dati di frequenza e prevedibilità di eventi avversi in 26 ospedali in otto paesi a basso e medio reddito.

Secondo quanto emerso, il tasso di eventi avversi si aggira intorno all’8%. Di questi eventi, l’83% era prevenibile, mentre circa il 30% era associato alla morte del paziente. Il verificarsi di eventi avversi, derivanti da cure non sicure, è probabilmente una delle 10 principali cause di morte e disabilità in tutto il mondo. Prove recenti suggeriscono che ogni anno si verificano 134 milioni di eventi avversi a causa di cure non sicure negli ospedali dei paesi a basso e medio reddito (LMIC), con un conseguente aumento di 2,6 milioni di decessi ogni anno.

A livello globale, ben quattro pazienti su 10 sono danneggiati mentre ricevono assistenza sanitaria primaria e ambulatoriale, con fino all’80% dei danni considerati prevenibili. Gli errori più dannosi sono legati alla diagnosi, alla prescrizione e all’uso di medicinali. Il danno nelle cure primarie e ambulatoriali porta spesso al ricovero in ospedale. È stato riscontrato che nei paesi dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), i danni ai pazienti possono rappresentare oltre il 6% dei giorni di degenza ospedaliera e oltre 7 milioni di ricoveri.

LEGGI: GIORNATA SICUREZZA DELLE CURE, MAXI ORDINE PROFESSIONI SANITARIE LANCIA “SISTEMA DI PROTEZIONE” PER PAZIENTI E OPERATORI

Una diagnosi imprecisa o ritardata è una delle cause più comuni di danno ai pazienti. Dosaggi o infusioni errati, istruzioni poco chiare, uso di abbreviazioni e prescrizioni inappropriate sono una delle principali cause di danni evitabili nelle cure sanitarie in tutto il mondo. Le infezioni ospedaliere colpiscono fino a 10 pazienti su 100 in ospedale, mentre più di 1 milione di pazienti muoiono ogni anno per complicazioni dovute all’intervento chirurgico.

Le pratiche terapeutiche non sicure e gli errori terapeutici danneggiano milioni di pazienti e costano miliardi di dollari ogni anno. Il costo associato agli errori terapeutici è stato stimato in 42 miliardi di dollari USA ogni anno, senza contare i salari persi, la produttività o i costi sanitari. Ciò rappresenta quasi l’1% della spesa globale per la salute. Gli errori terapeutici possono verificarsi quando sistemi di farmaci deboli e / o fattori umani come affaticamento, cattive condizioni di lavoro o carenza di personale influenzano le pratiche di prescrizione, conservazione, preparazione, distribuzione, amministrazione e monitoraggio. Qualcuno o una combinazione di questi possono causare gravi danni al paziente, disabilità e persino la morte.

LEGGI ANCHE: CONTENZIOSI MEDICI-PAZIENTI, PIERPAOLO SILERI (M5S): «ARBITRATO SALUTE IDEA VINCENTE, RIDUCE I COSTI PER IL SSN E SCORAGGIA LA MEDICINA DIFENSIVA»

Gli investimenti nel miglioramento della sicurezza dei pazienti possono portare a significativi risparmi finanziari e, soprattutto, a risultati migliori per i pazienti. Questo perché il costo della prevenzione è in genere molto più basso del costo del trattamento a causa di danni. Ad esempio, solo negli Stati Uniti, miglioramenti mirati della sicurezza hanno portato a un risparmio stimato di 28 miliardi di dollari negli ospedali Medicare tra il 2010 e il 2015.

Un maggiore coinvolgimento dei pazienti è la chiave per un’assistenza più sicura. Coinvolgere i pazienti non è costoso e rappresenta un buon valore. Se fatto bene, può ridurre l’onere del danno fino al 15%, risparmiando miliardi di dollari ogni anno – un ottimo ritorno sugli investimenti.

Articoli correlati
Vaiolo delle scimmie, cresce emergenza e ora 1 italiano su 3 lo teme
L'Oms ha dichiarato che il vaiolo delle scimmie è un'emergenza sanitaria globale. Sono stati registrati 17mila casi in 70 paesi. l'Italia è fra i 10 paesi più colpiti e forse per questo 1 italiano su 3 ammette di avere paura
Le associazioni dei pazienti contro il Piano oncologico: «Si rischia di sprecare occasione PNRR»
Il Piano oncologico, appena varato dal Ministero della Salute, non convince le associazioni dei pazienti. Per Elisabetta Iannelli (FAVO) «manca una visione strategica a monte», mentre per Francesca Traclò (AIMAC) «il sistema è intrappolato sui numeri e le prestazioni e non si guarda alla qualità delle cure». Polemiche per la scomparsa dell’esenzione 048 temporanea e per l’assenza di riferimenti all’assistenza psicologica
di Francesco Torre
Non voler visitare un paziente può essere reato
Una recente sentenza sancisce che il non voler visitare un paziente può portare ad una richiesta di risarcimento danni o peggio
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Chiaramonte: «Noi malati di Porpora Trombotica Trombocitopenica. Invisibili tra gli invisibili»
«Fermarci ad ascoltare chi soffre. Stabilire una relazione diretta con i malati. Accendere i riflettori su questa piccola comunità di persone. Ecco le nostre richieste». Così Massimo Chiaramonte, Presidente dell’Associazione Nazionale Porpora Trombotica Trombocitopenica Onlus a Sanità Informazione
«Coinvolgeteci nei processi decisionali sui farmaci come fa EMA». La richiesta di 43 associazioni dei pazienti ad AIFA
Per Annamaria Mancuso, Coordinatrice del Gruppo “La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere”, «occorre trasparenza, vogliamo capire come vengono assunte alcune decisioni che incidono sulle nostre vite». L’EMA ha istituzionalizzato il coinvolgimento già dal 2005
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...