Salute 4 Aprile 2022 13:10

Sesso, il Punto G non esiste, ma ci sono 5 aree erogene femminili

Un gruppo di esperti di salute sessuale dicono che il Punto G non esiste, ma che invece bisognerebbe parlare di Zona G

Sesso, il Punto G non esiste, ma ci sono 5 aree erogene femminili

Non chiamatelo più Punto G. Perché nella realtà non esiste un unico punto all’interno della vagina che, quando viene stimolato, scatena orgasmi intensi. Sarebbe invece più corretto parlare di Zona G, un totale di cinque tessuti separati erogeni che producono quelle sensazioni di piacere attribuite, probabilmente per errore, al Punto G. Questo è quanto sostiene un  gruppo di specialisti della sessualità in un editoriale pubblicato sulla rivista Sexual Medicine Reviews.

La mappa della Zona G, le 5 aree erogene della donna

Per anni è stato detto che nella donna ci fosse un punto esatto da dove parte ed esplode il piacere sessuale. Ci sono stati anche dei tentativi di localizzarlo: si è ipotizzato che si trovasse a pochi centimetri all’interno della vagina, sulle pareti superiori. Ma in realtà pare che ci siano ben 5 aree legate al piacere femminile e sono: la crura del clitoride, il bulbo clitorideo, le ghiandole periuretrali, l’uretra e la parete vaginale anteriore. Per questo gli specialisti ritengono che il «termine corretto» non dovrebbe essere Punto G ma «Zona G». Per arrivare a queste conclusioni gli specialisti hanno riesaminato la descrizione originale dell’area erogena femminile fatta per la prima volta dal ginecologo tedesco Ernst Gräfenberg, che negli anni ’50 scoprì l’area dove nasce l’orgasmo.

La zona erogena svolge tre importanti funzioni del piacere sessuale femminile

Il nome «Punto G» è stato coniato in seguito da Frank Addiego e altri suoi colleghi, che negli anni ’80 hanno scritto l’eiaculazione femminile. «Sulla base della descrizione di Gräfenberg della parete vaginale anteriore come contenente una ‘zona erogena distinta‘, riteniamo che il successivo uso del termine ‘Punto G‘, coniato 31 anni dopo da Addiego et al, sia fuorviante», hanno scritto gli esperti, i quali ricordano che Gräfenberg attribuiva originariamente tre funzioni alla «zona erotica»: sensazioni piacevoli, rigonfiamento ed eiaculazione fluida. Poiché nessun singolo punto è responsabile di tutte le funzioni, secondo gli specialisti, è probabile che siano coinvolti cinque tessuti separati.

Per gli esperti è necessario ripensare al Punto G per ricerche future

«Suggeriamo che l’attuale termine ‘Punto G’ sia fuorviante e quindi inappropriato», hanno scritto. «Le cinque regioni erogene della parete vaginale anteriore sono denominate in modo più accurato e appropriato con ‘Zona di Gräfenberg o Zona G‘». Gli autori dell’editoriale esortano quindi gli esperti di salute sessuale a considerare questo cambio di nome per ricerche future. La scienza dietro il Punto G è controversa, con vari studi che affermano che non esiste perché nemmeno i ricercatori possono trovarlo.

I Punto G è introvabile come la città perduta di Atlantide

Fino allo scorso anno, un gruppo di scienziati portoghesi che lavorava da anni alla ricerca del Punto G non sono riusciti a individuarne la posizione, le dimensioni o la natura. Tanto che lo hanno descritto emblematicamente come la città perduta di Atlantide. Un’altra ipotesi è che il Punto G sia semplicemente una parte interna profonda del clitoride stimolata durante il sesso. Alcuni esperti, tuttavia, ritengono che gli studi che affermano l’inesistenza del Punto G contrastano con le esperienze di molte donne convinte invece di averne uno. Altri sostengono che l’eccessiva attenzione al Punto G, in termini di piacere sessuale femminile, potrebbe far sentire «inadeguati o anormali» tutte quelle donne che hanno problemi a raggiungere l’orgasmo in quella che potrebbe essere una vana ricerca del fantomatico Punto G.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Il sesso (e i relativi problemi) nell’epoca del metaverso
Intervista alla dottoressa Annalisa Baldi, psicoterapeuta breve strategica: «A volte la realizzazione del piacere diventa una vera e propria dipendenza»
Giovani e sesso, non più “fuoco e fiamme”: è boom di impotenza tra gli under 25
L’allarme dell’andrologo Iacono (Federico II): «Fermiamo lo shopping online di sostanze a rischio»
La sessualità dopo il cancro si può, via all’iniziativa «Ballata Sensuale»
Abbattere i tabù sulla sessualità e il cancro. Questo è l’obiettivo dell’evento pop-up «Sexandthecancer– Ballata Sensuale», una tre giorni dedicata alla divulgazione scientifica attraverso l'arte
di Redazione
La pandemia ha modificato la sessualità dei giovani. Meno rapporti reali e più porno online
Un'indagine della Fiss mostra che la pandemia ha cambiato la sessualità dei giovani, riducendo i rapporti reali e aumentando il consumo di porno online
Salute: quasi 1 donna su 2 ha problemi con il sesso. É tempo di “divulvare”: arriva il nuovo corso Consulcesi per formare i camici bianchi
Dal dolore durante i rapporti sessuali, a contrazioni involontarie dolorose dei muscoli intorno alla vagina, fino alla mancanza di desiderio e problemi con l’eccitazione o l'orgasmo. Sono molte le questioni che spesso vengono lasciate irrisolte nella sfera intima
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...