Salute 7 Giugno 2018

“Senti chi fuma”, la spinta “gentile” per smettere. Il libro che dà voce ai fumatori

Scritto a quattro mani dal dottor Fabio Beatrice, Direttore del Centro Antifumo dell’Ospedale San Giovanni Bosco di Torino e dalla giornalista medico-scientifica Johann Rossi Mason, è stato presentato all’Istituto Superiore di Sanità in occasione del World No-Tobacco Day

Immagine articolo

Esistono tante categorie di fumatori: c’è chi fuma per calmare lo stress e chi è rassegnato, il fumatore che smette perché si sposa o per la nascita di un figlio e quello che proprio non riesce a liberarsi da questa dipendenza.

Per tutti, ad un certo punto della vita, nasce il desiderio di smettere. Ma come? La disassuefazione al fumo è una prova dura e difficile: molti libri hanno affrontato il tema della cessazione, attraverso le indicazioni di medici e psicologi, ma nessuno si era mai preoccupato di ascoltare i diretti interessati, che sono poi i pazienti. È quello che hanno fatto gli autori di “Senti chi fuma”: in questo libro, presentato all’Istituto Superiore di Sanità, sono i fumatori a parlare con le loro richieste, paure, difficoltà e bisogni.

«Per la prima volta, dopo una serie di manuali che, dall’alto, hanno proposto metodi per dire addio alle sigarette, noi abbiamo voluto ascoltare la loro voce – spiega Johann Rossi Mason, co-autore, a Sanità Informazione -.  Abbiamo raccolto più di venti interviste: i nomi sono di fantasia, ma le storie tutte reali. Una panoramica estremamente eterogenea che corrisponde a quanti modelli di fumatori esistono: da quello più fragile a quello più forte, passando per chi ha provato a smettere da solo e ci è riuscito a quello che ha fallito, per arrivare a chi c’è ricaduto tante volte e non riesce mai a liberarsene».

E allora, come si fa a smettere di fumare? La buona volontà non basta: per ottenere buoni risultati è fondamentale essere seguiti e supportati da medici specialisti formati per proporre terapie individuali, tagliate su misura per il paziente. «Non esiste una ricetta unica, è necessario un approccio personalizzato per ciascun fumatore» specifica Johann Rossi Mason. Su questo concorda anche l’autore del libro, il dottor Fabio Beatrice, Direttore del Centro Antifumo dell’Ospedale San Giovanni Bosco di Torino: «L’esperto, anziché dare regole e ordini, deve ascoltare il paziente cercando di individuare strategie per arrivare alla cessazione o almeno determinare un miglioramento della posizione di partenza. Tra questi, ci sono anche i prodotti a cosiddetto “rischio ridotto” per ridurre la tossicità, provocata in gran parte dalla combustione del monossido di carbonio» sottolinea il dottore.

LEGGI ANCHE: NO TOBACCO DAY, OMS: «IL FUMO NON CAUSA SOLO IL CANCRO, MA ANCHE INFARTI E ICTUS»

Un approccio di “riduzione del rischio”, dunque, che prevede anche il passaggio attraverso prodotti del tabacco meno nocivi – come ad esempio il cosiddetto fumo freddo – anche se smettere rimane l’obiettivo principale da perseguire: «Solo un 50% delle persone che si rivolgono ad un centro antifumo riesce a liberarsene; l’altro 50% non ce la fa, o riduce o sospende il tentativo. Per queste persone, la proposta di aiuto può essere calibrata avvalendoci dei nuovi prodotti presenti sul mercato: la ricevibilità e la riduzione del danno della sigaretta elettronica o del fumo freddo ne fanno degli strumenti “utili” non come medicinali ma come prodotti di consumo che ne sostituiscono altri. Non sono rimedi per la cessazione perché tendono a cronicizzare il consumo di nicotina: se li pensiamo come farmaci o presidi medicali non ne comprendiamo la sostanza e ci allontaniamo dalle richieste dei pazienti», specifica il dottor Beatrice.

LEGGI ANCHE: FUMO, AUMENTANO I CONSUMATORI. ROBERTA PACIFICI (ISS): «I GIOVANI SONO IL SERBATOIO DI RISERVA DEL TABAGISMO»

“Senti chi fuma” è un libro sulla salute, per tutti quelli che potranno farcela anche grazie alle preziose testimonianze raccolte dagli autori: «L’obiettivo è sensibilizzare le persone proponendo storie di successo per far capire che, oggi, esistono tanti strumenti, tutti egualmente accessibili, per vincere il tabagismo» ricorda Johann Rossi Mason. Una “spinta gentile” nella direzione della scelta che si desidera ottenere.

Articoli correlati
Cellule Staminali Cordonali salvano un paziente con leucemia a Vicenza
Un paziente affetto da leucemia, in gravi condizioni dopo il trapianto di midollo osseo, è stato salvato grazie alle cellule staminali del cordone ombelicale. Le cellule staminali mesenchimali del cordone ombelicale salvano ancora vite. L’Italia si sta aprendo a queste nuove terapie. Lo sta facendo in quelle Cell Factory che possono produrre farmaci a base di cellule staminali. […]
di Dott.ssa Pierangela Totta, Responsabile Scientifica Futura Stem Cells
“Donne e Covid-19”: Onda premia le professioniste impegnate in prima linea nell’emergenza
Il riconoscimento speciale è per le donne che si sono particolarmente distinte nello svolgimento del loro prezioso lavoro durante l’emergenza sanitaria. Gli ospedali, con i Bollini Rosa e non, potranno proporre la candidatura delle figure sanitarie prescelte entro il 31 luglio 2020 tramite il sito www.bollinirosa.it.
Tecnologia in medicina: l’American Society for Gastrointestinal Endoscopy premia Giovanni Di Napoli
Giovanni Di Napoli, vicepresidente e General Manager di Medtronic – multinazionale che opera nel settore della tecnologia medica con 360 sedi in 160 paesi – ha ricevuto dall’American Society for Gastrointestinal Endoscopy (ASGE) il prestigioso Crystal Awards Honoree nella categoria dei servizi industrali. A questo proposito, Di Napoli ha dichiarato che per lui lo spirito […]
Salute nelle città, Andrea Lenzi: «Dopo l’emergenza servirà un health city manager»
Andrea Lenzi, direttore del dipartimento di Medicina Sperimentale della Sapienza e presidente del Comitato Nazionale per la Biosicurezza, le Biotecnologie e le Scienze della Vita della Presidenza del Consiglio: «Abbiamo dimenticato il legame fra medicina e territorio»
di Tommaso Caldarelli
Epilessia e lockdown, problemi per il 40% dei pazienti. L’indagine LICE
Dal sondaggio condotto dalla lega italiana contro l’epilessia, emerge che su circa 1000 persone, di cui la metà affetti da epilessia, quasi 2 pazienti su 10 hanno manifestato il peggioramento dei propri sintomi durante la quarantena. Visite bloccate e difficoltà di gestire il follow-up della propria malattia per quasi 1 paziente su 2
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.106.155 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 332.978 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 22 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...