Salute 7 Giugno 2018 11:43

“Senti chi fuma”, la spinta “gentile” per smettere. Il libro che dà voce ai fumatori

Scritto a quattro mani dal dottor Fabio Beatrice, Direttore del Centro Antifumo dell’Ospedale San Giovanni Bosco di Torino e dalla giornalista medico-scientifica Johann Rossi Mason, è stato presentato all’Istituto Superiore di Sanità in occasione del World No-Tobacco Day

“Senti chi fuma”, la spinta “gentile” per smettere. Il libro che dà voce ai fumatori

Esistono tante categorie di fumatori: c’è chi fuma per calmare lo stress e chi è rassegnato, il fumatore che smette perché si sposa o per la nascita di un figlio e quello che proprio non riesce a liberarsi da questa dipendenza.

Per tutti, ad un certo punto della vita, nasce il desiderio di smettere. Ma come? La disassuefazione al fumo è una prova dura e difficile: molti libri hanno affrontato il tema della cessazione, attraverso le indicazioni di medici e psicologi, ma nessuno si era mai preoccupato di ascoltare i diretti interessati, che sono poi i pazienti. È quello che hanno fatto gli autori di “Senti chi fuma”: in questo libro, presentato all’Istituto Superiore di Sanità, sono i fumatori a parlare con le loro richieste, paure, difficoltà e bisogni.

«Per la prima volta, dopo una serie di manuali che, dall’alto, hanno proposto metodi per dire addio alle sigarette, noi abbiamo voluto ascoltare la loro voce – spiega Johann Rossi Mason, co-autore, a Sanità Informazione -.  Abbiamo raccolto più di venti interviste: i nomi sono di fantasia, ma le storie tutte reali. Una panoramica estremamente eterogenea che corrisponde a quanti modelli di fumatori esistono: da quello più fragile a quello più forte, passando per chi ha provato a smettere da solo e ci è riuscito a quello che ha fallito, per arrivare a chi c’è ricaduto tante volte e non riesce mai a liberarsene».

E allora, come si fa a smettere di fumare? La buona volontà non basta: per ottenere buoni risultati è fondamentale essere seguiti e supportati da medici specialisti formati per proporre terapie individuali, tagliate su misura per il paziente. «Non esiste una ricetta unica, è necessario un approccio personalizzato per ciascun fumatore» specifica Johann Rossi Mason. Su questo concorda anche l’autore del libro, il dottor Fabio Beatrice, Direttore del Centro Antifumo dell’Ospedale San Giovanni Bosco di Torino: «L’esperto, anziché dare regole e ordini, deve ascoltare il paziente cercando di individuare strategie per arrivare alla cessazione o almeno determinare un miglioramento della posizione di partenza. Tra questi, ci sono anche i prodotti a cosiddetto “rischio ridotto” per ridurre la tossicità, provocata in gran parte dalla combustione del monossido di carbonio» sottolinea il dottore.

LEGGI ANCHE: NO TOBACCO DAY, OMS: «IL FUMO NON CAUSA SOLO IL CANCRO, MA ANCHE INFARTI E ICTUS»

Un approccio di “riduzione del rischio”, dunque, che prevede anche il passaggio attraverso prodotti del tabacco meno nocivi – come ad esempio il cosiddetto fumo freddo – anche se smettere rimane l’obiettivo principale da perseguire: «Solo un 50% delle persone che si rivolgono ad un centro antifumo riesce a liberarsene; l’altro 50% non ce la fa, o riduce o sospende il tentativo. Per queste persone, la proposta di aiuto può essere calibrata avvalendoci dei nuovi prodotti presenti sul mercato: la ricevibilità e la riduzione del danno della sigaretta elettronica o del fumo freddo ne fanno degli strumenti “utili” non come medicinali ma come prodotti di consumo che ne sostituiscono altri. Non sono rimedi per la cessazione perché tendono a cronicizzare il consumo di nicotina: se li pensiamo come farmaci o presidi medicali non ne comprendiamo la sostanza e ci allontaniamo dalle richieste dei pazienti», specifica il dottor Beatrice.

LEGGI ANCHE: FUMO, AUMENTANO I CONSUMATORI. ROBERTA PACIFICI (ISS): «I GIOVANI SONO IL SERBATOIO DI RISERVA DEL TABAGISMO»

“Senti chi fuma” è un libro sulla salute, per tutti quelli che potranno farcela anche grazie alle preziose testimonianze raccolte dagli autori: «L’obiettivo è sensibilizzare le persone proponendo storie di successo per far capire che, oggi, esistono tanti strumenti, tutti egualmente accessibili, per vincere il tabagismo» ricorda Johann Rossi Mason. Una “spinta gentile” nella direzione della scelta che si desidera ottenere.

Articoli correlati
Obesità aumenta il rischio di un precursore del mieloma multiplo. Vitolo (Candiolo): “Fattore di rischio prevenibile”
Le persone obese hanno un rischio più alto di oltre il 70% più alto di sviluppare la gammopatia monoclonale di significato indeterminato, una condizione benigna del sangue che però può precedere il mieloma multiplo, un tumore delle plasmacellule. A scoprirlo è uno studio condotto dagli scienziati del Massachusetts General Hospital e pubblicato sulla rivista Blood Advances
Ecig e cerotti aiutano le donne a smettere di fumare senza rischi per la gravidanza
L'utilizzo di prodotti sostitutivi della nicotina durante la gravidanza non è associato a eventi avversi o a complicazioni. A dimostrarlo è una nuova analisi dei dati condotta su donne fumatrici incinte da un gruppo di ricercatori della Queen Mary University di Londra. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Addiction
Fumo: 91 esperti scrivono alla commissaria europea per la salute per sollecitare l’applicazione del principio di riduzione del danno
In occasione della Decima Conferenza delle Parti (COP10) che si terrà a Panama dal prossimo 25 Novembre, 91 esperti di salute pubblica e riduzione del danno hanno sottoscritto una lettera inviata alla commissaria europea per la Salute e la sicurezza alimentare, Stella Kyriakides, per sollecitare l’importanza dell’applicazione del principio della riduzione del rischio nella definizione delle politiche pubbliche di contrasto al fumo
Sigarette elettroniche e farmaci sono entrambi efficaci per smettere di fumare
Le sigarette elettroniche e i due farmaci chiamati vareniclina e citisina rappresentano gli strumenti migliori per aiutare le persone a smettere di fumare. A stabilirlo è una nuova revisione condotta dal gruppo indipendente Cochrane
Il fumo accelera l’invecchiamento, ma smettere può invertire il processo
Che il fumo abbia molteplici effetti negativi sulla salute è noto ormai da tempo. Ma ora uno studio della Hangzhou Normal University, in Cina, ha trovato le prove di un legame tra il fumo e l'invecchiamento accelerato. I risultati sono stati presentati in occasione del congresso della Società Respiratoria Europea
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...