Salute 1 Giugno 2018

Fumo, aumentano i consumatori. Roberta Pacifici (ISS): «I giovani sono il serbatoio di riserva del tabagismo»

«Da anni non vediamo importanti cambiamenti di rotta in Italia: giovani e giovanissimi alimentano la popolazione dei fumatori che non diminuisce». Così il Direttore del Centro Nazionale Dipendenze e Doping dell’Istituto Superiore di Sanità

Immagine articolo

La principale causa di morte in Italia è il fumo di tabacco. Un killer conosciuto ed “evitabile” da cui devono stare alla larga soprattutto giovani e giovanissimi. I dati emersi dall’OSSFAD del Centro Nazionale Dipendenza e Doping dell’Istituto Superiore di Sanità, che sono stati presentati in occasione della giornata mondiale #NOTOBACCODAY, ci consegnano un quadro allarmante: i ragazzi tra i 14 e i 17 anni accendono la prima sigaretta alle scuole superiori, una piccola parte perfino alle elementari ed uno su dieci è consumatore abituale di tabacco. I risultati del Rapporto sul fumo in Italia sono stati presentati dal Direttore del Centro, la dottoressa Roberta Pacifici, che ha acceso i riflettori sui rischi per gli adolescenti e ha indicato a Sanità Informazione le strategie di supporto alla cessazione dal fumo di tabacco.

Dottoressa che cosa emerge dai risultati del rapporto nazionale antifumo?

«Purtroppo emerge che abbiamo un aumento dei fumatori di un punto percentuale rispetto allo scorso anno e, soprattutto, il rapporto offre lo spaccato inquietante sui giovani. Tra gli adolescenti italiani – età compresa tra i 14 ed i 17 anni – l’11% fuma abitualmente, il 13% occasionalmente ed il 20% lo ha, in ogni caso, provato. È questo, secondo noi, l’aspetto più serio da prendere in considerazione: il 47% dei giovanissimi vengono comunque in contatto con i prodotti del tabacco. A tutto questo, è anche correlato uno stile di vita sbagliato. Questo è un segnale molto grave perché loro rappresentano il serbatoio di riserva per il tabagismo continuando ad alimentare la popolazione dei fumatori che non diminuisce. Chiaramente, è questo il motivo per cui ormai non vediamo importanti cambiamenti di rotta nella prevalenza dei fumatori in Italia».

Smettere di fumare non è semplice: per chi non riesce a farlo, esistono dei prodotti alternativi validi?

«Io consiglio a tutte le persone che sono veramente intenzionate a smettere di fumare di rivolgersi ai centri antifumo distribuiti su tutto il territorio nazionale. Vi operano professionisti che sanno personalizzare gli interventi: è molto importante comprendere che ogni fumatore ha una sua storia e deve essere preso in carico con la sua storia e la sua esperienza. Oggi, abbiamo molti strumenti efficaci a disposizione per affrontare e risolvere questo grave problema di salute pubblica: i farmaci, la terapia comportamentale individuale o di gruppo. Le risorse  per aiutare i fumatori ci sono ma è importante affidarsi agli specialisti».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Lazio, Senior Italia FederAnziani: «Ecco le soluzioni per ridurre le liste d’attesa»
Telemonitoraggio, aumento ore specialisti, informatizzazione. Le proposte lanciate da Senior Italia FederAnziani che ha messo a confronto società scientifiche e organizzazioni sindacali di medici con la Regione Lazio
Giovani e disturbo post-traumatico da pandemia, Starace: «Gli ostacoli si possono affrontare e superare. Ecco come»
Ansia, preoccupazione e irritazione. I mesi di lockdown hanno impattato sulla vita di bambini e adolescenti. Come tornare a una pseudonormalità? «Parlarne, concretizzare gli elementi che determinano i disturbi e ricreare una routine definendo priorità e precisi spazi per ciascuna attività, anche fisica». Così lo psichiatra Fabrizio Starace
Giovani medici in piazza con FNOMCeO. Cosa sta succedendo con i 13mila posti di Medicina e “l’imbuto formativo”
1500 posti in più e il rischio di allargare il bacino dei laureati precari. In piazza Giovani Medici con FNOMCeO e Anaao: «Chiediamo al Ministro contratti in rapporto 1:1 con le lauree, come in altri Paesi europei». Consulcesi: «Si tenga conto anche della meritocrazia. Ogni anno 18mila ricorsi per irregolarità ai test»
Consumerismo critica decreto Scuola: «L’eccellenza del nostro SSN svilita in Parlamento»
Secondo l'associazione dei consumatori, il bonus di 50 crediti ECM è «un sei politico per tutti che sa di premio alla mediocrità»
Lockdown, per 3 minori su 4 impatto psicologico importante. Disturbi del sonno, ansia e irritabilità i sintomi più comuni
I risultati di uno studio del Gaslini di Genova sugli effetti psicologici e comportamentali della pandemia su bambini e adolescenti. Zampa: «Comportamento esemplare dei ragazzi. Da questa prova usciranno più forti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 7 luglio, sono 11.626.265 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 538.079 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 6 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)