Salute 24 Settembre 2018 09:52

Sanità, le priorità di Giuditta Pini (PD): «Precariato ricade su medici e assistiti, servono più fondi a SSN per stabilizzazioni»

La deputata democratica, membro della Commissione Affari Sociali, annuncia opposizione costruttiva: «Incalzeremo il ministro Grillo ma daremo anche una mano». Continuerà il suo impegno sul riconoscimento della cefalea primaria cronica come malattia sociale

Sanità, le priorità di Giuditta Pini (PD): «Precariato ricade su medici e assistiti, servono più fondi a SSN per stabilizzazioni»

Vaccini, cefalea cronica e contraccezione gratuita per i ragazzi sotto i 25 anni. Sono alcune delle tematiche che vedranno impegnata la deputata del Partito Democratico Giuditta Pini da sempre attenta alle tematiche sanitarie e anche in questa legislatura (la sua seconda consecutiva) al lavoro nella Commissione Affari Sociali della Camera dei deputati. Lei promette opposizione costruttiva alla maggioranza giallo-verde in tema di salute anche se l’esordio del governo sulle tematiche di sanità «non lascia spazio all’ottimismo», soprattutto dopo il caos vaccini. Ma, sullo sfondo, l’obiettivo è quello di garantire ai lavoratori della sanità un futuro fatto di maggiori certezze: «È importante procedere a nuove assunzioni e stabilizzare i precari – spiega Pini a Sanità Informazione – Il precariato è un problema molto diffuso e ricade sia sui medici che sugli assistiti»

Di cosa si occuperà in Commissione Affari Sociali in questa legislatura?

«Innanzitutto portare avanti quelle proposte iniziate nella scorsa legislatura come per esempio il riconoscimento della cefalea primaria cronica come malattia sociale che era un progetto di legge che era nato da un intergruppo che è stato ripresentato e sarà incardinato a breve. Poi ci stiamo occupando dei vaccini, argomento tornato alla ribalta con il Milleproroghe. Sto anche lavorando ad una proposta di legge che presenterò a breve per attivare la contraccezione gratuita per i ragazzi sotto i 25 anni in base all’ISEE. Il mio impegno va sempre sulla prevenzione».

La convincono questi primi 100 giorni del Ministro Grillo?

«Non abbiamo ancora avuto modo di vedere bene cosa vuole fare. Purtroppo la prima cosa che ci è arrivata è stata quella delle vaccinazioni con tre cambi di linea da parte della maggioranza in pochi giorni. Ad oggi non siamo proprio ottimisti ma vedremo nei prossimi mesi».

LEGGI ANCHE: VACCINI, SIANI (PD): «AUTOCERTIFICAZIONE SIA TRANSITORIA. MANTENIAMO OBBLIGO PER DUE ANNI E POI PROVIAMO A CONVINCERE LE FAMIGLIE»

Oltre ai vaccini, qual è la priorità in questo momento nella sanità?

«Sono due. La prima è fare programmazione per non lasciare scoperti posti di formazione per medici specialisti, medicina generale e pediatri di libera scelta. Quindi programmare la formazione da qui ai prossimi anni, programmare la struttura del sistema sanitario nazionale che dovrà cambiare per forza perché la popolazione cambia e anche il Sistema sanitario nazionale cambia. Soprattutto serve trovare fondi per non tagliare il fondo sanitario nazionale perché senza quelli anche tutte le politiche di prevenzione, vaccini, farmaci innovativi, borse di studio per la formazione non possono andare avanti».

Il Ministro in realtà ha detto che si impegnerà per aumentare il fondo sanitario: voi la incalzerete da questo punto di vista?

«Noi la incalzeremo e sicuramente daremo anche una mano. Quando ci sarà la legge di stabilità troverà nel PD un alleato se vuole davvero aumentare i fondi al Sistema sanitario nazionale perché con fatica avevamo iniziato nelle scorse legislature. Sicuramente adesso è il momento non solo di non bloccare ma di aumentare. Se, ad esempio, vogliamo lavorare sull’attuazione dei LEA che adesso sono fermi o sui farmaci innovativi allora bisogna trovare nuovi fondi».

Quando incontra medici o cittadini che lavorano nell’ambito della salute, qual è la prima cosa che le chiedono?

«Dipende da regione a regione perché ognuna ha le sue peculiarità. Sicuramente è stato importante lo sblocco di alcuni contratti fatto alla fine della scorsa legislatura. È importante procedere a nuove assunzioni e stabilizzare i precari. Il precariato è un problema molto diffuso e ricade sia sui medici che sugli assistiti».

 

Articoli correlati
Elezioni, maggioranza al centrodestra e Meloni verso Palazzo Chigi. Ecco il programma sanità della coalizione
Oltre il 44% per il centrodestra, con Fdi primo partito al 26,15. Staccato il centrosinistra al 26,3%, M5S regge con il 15,5%. Tra le proposte di Fratelli d’Italia una commissione d’inchiesta sulla gestione del Covid e la creazione di una Autorità Garante della Salute. Cambiamenti attesi anche per la riforma della sanità territoriale
di Francesco Torre
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
Guglielmino (Siru): «Basta rimandare i Lea, 100mila coppie non possono più aspettare»
«Non è possibile attendere il nuovo governo per l’approvazione dei Lea, le coppie infertili non hanno tempo». È questo l’appello che arriva da Antonino Guglielmino, presidente dalla Società Italiana di Riproduzione Umana (Siru), a seguito delle voci secondo le quali la tanto attesa approvazione dei Lea rischia di essere ulteriormente rimandata. Il testo del Decreto […]
di Redazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi