Salute 24 Settembre 2018 09:52

Sanità, le priorità di Giuditta Pini (PD): «Precariato ricade su medici e assistiti, servono più fondi a SSN per stabilizzazioni»

La deputata democratica, membro della Commissione Affari Sociali, annuncia opposizione costruttiva: «Incalzeremo il ministro Grillo ma daremo anche una mano». Continuerà il suo impegno sul riconoscimento della cefalea primaria cronica come malattia sociale

Sanità, le priorità di Giuditta Pini (PD): «Precariato ricade su medici e assistiti, servono più fondi a SSN per stabilizzazioni»

Vaccini, cefalea cronica e contraccezione gratuita per i ragazzi sotto i 25 anni. Sono alcune delle tematiche che vedranno impegnata la deputata del Partito Democratico Giuditta Pini da sempre attenta alle tematiche sanitarie e anche in questa legislatura (la sua seconda consecutiva) al lavoro nella Commissione Affari Sociali della Camera dei deputati. Lei promette opposizione costruttiva alla maggioranza giallo-verde in tema di salute anche se l’esordio del governo sulle tematiche di sanità «non lascia spazio all’ottimismo», soprattutto dopo il caos vaccini. Ma, sullo sfondo, l’obiettivo è quello di garantire ai lavoratori della sanità un futuro fatto di maggiori certezze: «È importante procedere a nuove assunzioni e stabilizzare i precari – spiega Pini a Sanità Informazione – Il precariato è un problema molto diffuso e ricade sia sui medici che sugli assistiti»

Di cosa si occuperà in Commissione Affari Sociali in questa legislatura?

«Innanzitutto portare avanti quelle proposte iniziate nella scorsa legislatura come per esempio il riconoscimento della cefalea primaria cronica come malattia sociale che era un progetto di legge che era nato da un intergruppo che è stato ripresentato e sarà incardinato a breve. Poi ci stiamo occupando dei vaccini, argomento tornato alla ribalta con il Milleproroghe. Sto anche lavorando ad una proposta di legge che presenterò a breve per attivare la contraccezione gratuita per i ragazzi sotto i 25 anni in base all’ISEE. Il mio impegno va sempre sulla prevenzione».

La convincono questi primi 100 giorni del Ministro Grillo?

«Non abbiamo ancora avuto modo di vedere bene cosa vuole fare. Purtroppo la prima cosa che ci è arrivata è stata quella delle vaccinazioni con tre cambi di linea da parte della maggioranza in pochi giorni. Ad oggi non siamo proprio ottimisti ma vedremo nei prossimi mesi».

LEGGI ANCHE: VACCINI, SIANI (PD): «AUTOCERTIFICAZIONE SIA TRANSITORIA. MANTENIAMO OBBLIGO PER DUE ANNI E POI PROVIAMO A CONVINCERE LE FAMIGLIE»

Oltre ai vaccini, qual è la priorità in questo momento nella sanità?

«Sono due. La prima è fare programmazione per non lasciare scoperti posti di formazione per medici specialisti, medicina generale e pediatri di libera scelta. Quindi programmare la formazione da qui ai prossimi anni, programmare la struttura del sistema sanitario nazionale che dovrà cambiare per forza perché la popolazione cambia e anche il Sistema sanitario nazionale cambia. Soprattutto serve trovare fondi per non tagliare il fondo sanitario nazionale perché senza quelli anche tutte le politiche di prevenzione, vaccini, farmaci innovativi, borse di studio per la formazione non possono andare avanti».

Il Ministro in realtà ha detto che si impegnerà per aumentare il fondo sanitario: voi la incalzerete da questo punto di vista?

«Noi la incalzeremo e sicuramente daremo anche una mano. Quando ci sarà la legge di stabilità troverà nel PD un alleato se vuole davvero aumentare i fondi al Sistema sanitario nazionale perché con fatica avevamo iniziato nelle scorse legislature. Sicuramente adesso è il momento non solo di non bloccare ma di aumentare. Se, ad esempio, vogliamo lavorare sull’attuazione dei LEA che adesso sono fermi o sui farmaci innovativi allora bisogna trovare nuovi fondi».

Quando incontra medici o cittadini che lavorano nell’ambito della salute, qual è la prima cosa che le chiedono?

«Dipende da regione a regione perché ognuna ha le sue peculiarità. Sicuramente è stato importante lo sblocco di alcuni contratti fatto alla fine della scorsa legislatura. È importante procedere a nuove assunzioni e stabilizzare i precari. Il precariato è un problema molto diffuso e ricade sia sui medici che sugli assistiti».

 

Articoli correlati
Covid e quarta dose, dubbi e timori degli scienziati. «Un secondo booster inutile e rischioso»
Gli scienziati sono scettici e preoccupati degli effetti di un'eventuale quarta dose di vaccinazione anti-Covid per tutti. I dubbi riguardano sia l'efficacia che le probabilità di creare una sorta di "paralisi immunitaria"
Vaccini, tra obblighi e consenso informato
Il nuovo obbligo vaccinale per gli over 50, appena entrato in vigore, già divide l’opinione pubblica in fazioni. Chi lo ritiene insufficiente e lo vorrebbe esteso a tutti. Chi invece lo ritiene illegittimo, perché non sostenuto da effettive ragioni di tutela della salute pubblica. Si tratta, lo ricordiamo, di un trattamento sanitario obbligatorio ovviamente non […]
di Avvocato Maurizio Hazan (Hsm-Consulcesi)
Minacce e insulti social dei no vax ai ragazzi autistici di PizzAut. La risposta del fondatore
Nico Acampora: «Ringrazio Enrico Mentana, il ministro del lavoro Andrea Orlando e tutti coloro che sui social hanno speso parole per noi, ma ho voluto tenere i toni bassi per evitare di far crescere la divisione tra Guelfi e Ghibellini che si è generata sui vaccini e non alimentare l’odio per un gesto di ringraziamento. Lavoriamo invece per far crescere il progetto di inclusione sociale»
di Federica Bosco
Covid, Tozzi (Bambino Gesù): «Ricoverati bimbi di tutte le età. Vaccinate i più piccoli con estrema fiducia e tranquillità»
«Ci sono neonati di pochi giorni fino a ragazzi di 16. Tre sono in terapia intensiva. I vaccini anti Covid si sono dimostrati efficaci e sicuri in una quantità così grande di casi che non ci aspettiamo sorprese. Devono invece prevenire i guai che vediamo in questi giorni»
Cauda (consulente EMA): «Quarantena cautelativa misura a basso rischio»
L’infettivologo Roberto Cauda nominato consulente per le malattie infettive all’EMA nell'intervista a Sanità Informazione: «Flurona, almeno per ora, non ha rilevanza epidemiologica. Tra metà e fine gennaio il picco della quarta ondata. A lungo termine è ragionevole ipotizzare che non si parlerà più di pandemia, ma di endemia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 gennaio, sono 342.684.472 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.574.860 i decessi. Ad oggi, oltre 9,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre