Salute 30 Gennaio 2020

«Pagare per chiamare l’ambulanza? Assurdo». Le reazioni dei romani ai costi della sanità made in USA

VIDEO | 30mila dollari per un parto, 2500 per un braccio rotto, fino a 200mila dollari per un ciclo di chemioterapia. Sono alcuni esempi di quanto possa arrivare a costare la sanità negli Stati Uniti. Ma gli italiani si rendono conto della fortuna di avere un sistema sanitario pubblico e universale? Vediamo cosa ci hanno detto…

Strutture ospedaliere vecchie e da potenziare, carenza di personale, lunghe liste d’attesa e file al pronto soccorso. I problemi che investono il nostro servizio sanitario sono tanti e di natura diversa, e allora spesso cerchiamo in altri Paesi modelli da seguire e sogniamo i begli ospedali che gli Stati Uniti mostrano in film e serie Tv. Ma davvero l’erba del vicino è sempre più verde?

Negli USA, dove si accede alle cure pagando o tramite una polizza assicurativa, un parto naturale può generare una fattura di 30mila dollari, così come un’appendicite; chiamare un’ambulanza può costare tra i 400 e i 1500 dollari, e un braccio rotto 2500 dollari. Il Sistema italiano, invece, è pubblico e garantisce le cure a tutti, indipendentemente dalle condizioni economiche e dal ceto sociale. Per noi è normale che una persona malata possa avere un trapianto di cuore o un trattamento di chemioterapia senza dover neanche aprire il portafoglio. Ma forse non dovremmo darlo tanto per scontato…

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Nella compilazione di un questionario assicurativo cosa intendono le compagnie assicurative per atti invasivi diagnostici e terapeutici?
In fase di stipula di una polizza di assicurazione, è importante avere chiare le definizioni di atti invasivi diagnostici e terapeutici e di interventi chirurgici a cui le diverse Compagnie rimandano nel definire piani tariffari e condizioni della polizza Rc Medico. Mentre alcune Compagnie riportano indicazioni precise segnalando, tra le condizioni di una  polizza Rc […]
«I dati di Borrelli sono drogati, e non chiamateci eroi dopo aver reso miserabile la sanità». Lo sfogo (virale) di un medico sul web
L’intervista a Fabrizio Lucherini: «A troppe persone sintomatiche è stato rifiutato il tampone, il tasso di mortalità non può essere calcolato se il denominatore è sbagliato». Poi aggiunge: «Questa è una guerra che lascerà dietro di sé macerie 2.0. Servirà una Costituente per cambiare tante cose di questa Italia»
Coronavirus, Brancaccio (Università del Sannio): «Acquisire e rendere subito pubblici i brevetti di ricerca delle aziende farmaceutiche»
Insieme ad altri colleghi, l’economista ha firmato un piano di rilancio “anti-virus”, pubblicato sul Financial Times: «Combattere i “free riders” che speculano e intervenire, con forti investimenti, sul settore sanitario e sulla ricerca»
Dall’Antartide all’Africa, la storia del ‘medico delle situazioni estreme’ Andrea Molesi
Volontario del Soccorso alpino, Molesi è un anestesista rianimatore esperto di soccorsi in condizioni limite: «Al Polo Sud l’ospedale più vicino si poteva raggiungere in 12 ore. Per fortuna siamo riusciti a gestire bene tutte le situazioni critiche». Oggi ha lasciato il sistema sanitario nazionale e lavora come contractor di una agenzia medica internazionale
Coronavirus: il SSN e i suoi professionisti, i nostri eroi
di Filippo Marco Tambasco, Segretario Ordine TSRM e PSTRP di Salerno
di Filippo Marco Tambasco, Segretario Ordine TSRM e PSTRP di Salerno
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 aprile, sono 937.783 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 47.261 i decessi e 190.330 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle ...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...