Salute 6 Agosto 2019 09:57

Alimentazione, Traversetti (nutrizionista): «Sono i salumi i veri alleati degli sportivi»

L’esperto: «Non ci sono salumi vietati ed altri da preferire: come per tutti gli alimenti l’equilibrio sta nella giusta quantità. Sono ideali nel post-allenamento: quando finiamo l’attività fisica il nostro corpo ha fame di proteine ed è quindi questo il momento giusto per assumerle»

di Isabella Faggiano
Alimentazione, Traversetti (nutrizionista): «Sono i salumi i veri alleati degli sportivi»

«Non fanno male alla salute, anzi. I salumi sono dei veri e propri alleati degli sportivi, professionisti e non». È Lorenzo Traversetti, biologo nutrizionista, a sfatare una delle false credenze più diffuse in tema di alimentazione. «I salumi sono ricchi di tutte le proteine di cui abbiamo bisogno – sottolinea Traversetti -, di tutti e 20 gli amminoacidi necessari al nostro organismo, persino quelli ramificati, spesso consigliati prima dell’attività fisica. Il tutto – aggiunge l’esperto – abbinato ad un basso contenuto di grassi saturi e ad un maggiore contenuto di grassi mono e polinsaturi».

LEGGI ANCHE: L’ACQUA AIUTA A DIMAGRIRE: A PARITA’ DI DIETA UNA CORRETTA IDRATAZIONE FA PERDERE DUE CHILI IN PIU’

Tutte caratteristiche che fanno dei salumi un alimento ideale per chi si prepara all’attività fisica o per chi ha necessità di un recupero post-allenamento. «Questi alimenti dunque – spiega il biologo nutrizionista -, se mangiati nelle giuste quantità, possono essere un’arma efficace per migliorare la propria prestazione».

E per i buongustai, che amano anche tenersi in forma non rinunciando alle delizie del palato, le buone notizie non finiscono qui: «Non ci sono salumi vietati ed altri da preferire: come per tutti gli alimenti l’equilibrio sta nella giusta quantità. Di conseguenza, qualsiasi salume può essere integrato nella nostra alimentazione, purché se ne rispetti una dose limite. Salumi magri come la bresaola, il tacchino, il prosciutto crudo privato del grasso in eccesso, sono sicuramente degli alimenti che possono essere mangiati in quantità maggiori, ma anche la mortadella o la coppa, se moderate, possono rientrare tranquillamente all’interno di un regime alimentare corretto».

L’alimentazione dello sportivo, ovviamente, andrà tarata a seconda dell’attività praticata. «In generale – spiega Traversetti – i salumi possono essere mangiati sia prima che dopo l’allenamento. Dovendo scegliere uno di questi due momenti, il mio consiglio è di conservare lo spuntino a base di salumi per il post-allenamento: quando finiamo l’attività fisica il nostro corpo ha fame di proteine e di amminoacidi ed è quindi questo il momento giusto per assumerli. In questo modo il recupero del nostro corpo sarà massimo, favorendo la riduzione della massa grassa e l’incremento di quella magra».

LEGGI ANCHE: LA CARNE FA MALE? ECCO LE FAKE NEWS PIU’ DIFFUSE SECONDO “CARNI SOSTENIBILI”

E per chi pratica uno sport come il tennis, ecco come alimentarsi dopo un allenamento: «L’uomo può mangiare 50-60 grammi di bresaola, per la donna anche 40 grammi sono sufficienti, abbinati sempre ad una fonte di cereali, poiché le proteine da sole non garantiscono un pieno recupero nel post-attività fisica. È sufficiente un piatto di riso, qualche cracker o delle fette di pane integrale. Per concludere – consiglia lo specialista – è bene mangiare sempre un frutto,  perché anche gli zuccheri svolgono un ruolo fondamentale nel recupero fisico».

Via libera anche per i bambini: «Hanno necessità di amminoacidi e di proteine ancor più degli adulti, proprio perché sono in una fase di crescita. Quindi se i salumi sono indicati per i grandi – conclude – lo saranno ancor di più per i piccini».

Articoli correlati
Ipercolesterolemia, l’esperto: «Pazienti poco consapevoli dei rischi. Seguire dieta e terapia farmacologica»
«In Italia c’è scarsa consapevolezza del rischio cardiovascolare associato al colesterolo alto e non si adottano le corrette misure concrete per abbassarlo» così il cardiologo a Sanità informazione
Ambra Angiolini testimonial in Regione Lombardia della legge per la prevenzione e la cura dei disturbi alimentari
L’attrice realizzerà con le ragazze del centro pilota regionale degli Spedali Civili di Brescia un laboratorio teatrale «per raccontare e far comprendere come si combatte il cancro dell’anima»
di Federica Bosco
Obesità e malnutrizione tra gli effetti della pandemia. L’esperta: «Curare l’alimentazione dei pazienti ricoverati e a casa»
Scarsa attività fisica, sedentarietà e diete sballate hanno provocato una crescita di obesità e un rischio di malnutrizione. Picardi (biologa): «Un buon trattamento nutrizionale deve essere all’ordine del giorno non solo per pazienti ricoverati, a rischio di malnutrizione e sarcopenia, ma anche per soggetti sedentari e chiusi a casa a causa dell’isolamento»
Food delivery: sette regole per mangiare bene e in sicurezza durante le feste
L'Associazione italiana gastroenterologi ed endoscopisti digestivi ospedalieri (Aigo) suggerisce come comportarsi nell'ordinare cibo da asporto, per un corretto regime alimentare
Covid e alimentazione, come è cambiato il rapporto con il cibo durante la pandemia
Più cibo confezionato e junk food, come abbiamo cambiato la nostra alimentazione con l'avvento del Covid? I rischi dell'emotional eating e i consigli dell'Iss per mantenere una vita sana
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 marzo, sono 114.078.673 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.531.004 i decessi. Ad oggi, oltre 239,60 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marzia...