Salute 21 Aprile 2022 14:53

Ronaldo e Georgina in lutto per il figlio, la ginecologa spiega i rischi del parto gemellare

Cristiano Ronaldo ha annunciato la morte di suo figlio subito dopo la sua nascita. Era un gemello e una ginecologa spiega i rischi dei parti gemellari

Ronaldo e Georgina in lutto per il figlio, la ginecologa spiega i rischi del parto gemellare

Solo qualche giorno fa Cristiano Ronaldo e Georgina Rodriguez hanno annunciato sui social che uno dei loro due gemelli non è sopravvissuto al parto. «È con la più profonda tristezza – hanno scritto – che comunichiamo la morte del nostro bambino. È il dolore più grande che un genitore possa provare. Solo la nascita di nostra figlia ci dà la forza di vivere questo momento con qualche speranza e felicità». La gravidanza sembrava procedere bene, ma al momento del parto il maschietto è deceduto. Mentre la sorellina ora sta bene. Ma con i gemelli può succedere, non di frequente, ma certamente più di quanto succede nei parti singoli.

La mortalità perinatale e neonatale nel parto gemellare è più alta

«Le gravidanze gemellari presentano un aumentato rischio di complicazioni materne e fetali», spiega Katarzyna Litwicka, specialista in Ginecologia ed Ostetricia e in Fisiopatologia della Riproduzione. «La mortalità perinatale e neonatale è rispettivamente del 4,7% e 4,3% superiore nel gruppo dei gemelli monocoriali (cioè i gemelli che condividono una sola placenta, ndr), rispetto ai bicoriali che hanno una mortalità perinatale del 9% vs 4%, neonatale 10.3% vs. 2.8%», aggiunge.

Le cause della mortalità nella gravidanza e nel parto gemellare sono molteplici

«L’elevata mortalità peri-neonatale nelle gravidanze gemellari riconoscere una serie di fattori, fra i quali giocano un ruolo dominante la prematurità ed il ritardo di crescita», spiega Litwicka. «Infatti, il 50% dei bigemini nasce prima della 37esima settimana e solo il 50% dei bigemini raggiunge un peso di 2500 grammi. I gemelli – continua – mostrano, inoltre, una maggiore morbidità con la necessità di ricovero in unità di terapia intensiva nel 19-26% dei casi. I gemelli monozigoti hanno più alta incidenza di complicanze a carico della placenta con la sindrome da trasfusione feto-fetale, di anomalie congenite e di ridotta crescita intrauterina spesso associata a discordanza di peso tra i feti. La sindrome da trasfusione feto-fetale è una condizione che riguarda circa il 10-15% delle gravidanze gemellari monocoriali».

I consigli della ginecologa per ridurre i rischi

Ma è possibile ridurre i rischi delle gravidanze gemellari. «Occorre rivolgersi precocemente alla strutture sanitarie competenti per una corretta definizione del tipo di gemellarità e della placentazione», spiega la ginecologa. «Ma è ugualmente importante rapida identificazione di eventuali patologie materne. L’induzione dell’ovulazione multipla dovrebbe essere effettuata con estrema cautela per limitare il numero di gravidanze gemellari iatrogene. Nei percorsi della fecondazione in vitro dovrebbe essere preferito il trasferimento embrionario singolo», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Policlinico Gemelli, «sportelli» aperti alla Banca del Latte. «Donare è un gesto salva-vita»
Il Policlinico Gemelli di Roma ha attivato una Banca del Latte e ha avviato una serie di iniziative per sensibilizzare le mamme alla donazione
Long Covid, come stanno gli italiani che lo hanno sviluppato nella prima ondata?
Sono passati più di tre anni da quando è scoppiata la pandemia nel Mondo e in Italia. Da allora sono circa 26 milioni gli italiani contagiati. «Nella maggior parte dei casi si guarisce dopo qualche mese, ma ci sono pazienti che anche a distanza di 3 anni continuano a stare male», racconta Matteo Tosato, responsabile dell'Unità operativa Day Hospital post-Covid, Fondazione Policlinico Gemelli Irccs di Roma
Simulando s’impara: la realtà virtuale è il futuro della formazione in medicina
Il direttore del Gemelli Training Center: «L’utilizzo di tecnologie di realtà virtuale di ultima generazione permette, non solo di formare i giovani medici in maniera sempre più moderna ed efficace, ma anche di sperimentare la gestione della propria emotività e il lavoro di squadra»
Due anni di attività per il Day Hospital Post-Covid del Policlinico Gemelli
Nato nei mesi più duri della pandemia di Covid-19, il Day Hospital Post-Covid della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS, aperto il 21 aprile 2020, traccia in occasione dei primi due anni di attività un primo bilancio molto positivo sia sul fronte dell’assistenza ai pazienti che della ricerca. Oltre 3 mila i pazienti da tutta Italia a oggi trattati (più di 2500 adulti e oltre 500 pediatrici)
Chirurgia robotica. Arcuri (Gemelli): «Puntare sugli studi che ne dimostrino la validità e ne giustifichino l’impiego nel Ssn»
A 20 anni dai primi prototipi, la diffusione, in Italia, è a macchia di leopardo. Il Gemelli e il Sant’Orsola hanno ideato una piattaforma di chirurgica robotica condivisa per indagare gli aspetti organizzativi ed economici ed offrire formazione innovativa alle nuove generazioni
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...