Salute 31 Marzo 2021 10:03

Nel mondo è boom di gemelli, mai così tanti negli ultimi 40 anni. Guglielmino (SIRU): «In Italia numeri destinati a calare»

Il presidente della Società italiana riproduzione umana: «Diffusione delle tecniche di PMA e aumento dell’età media delle donne al primo figlio tra le principali motivazioni dell’incremento di gravidanze gemellari»

di Isabella Faggiano

Ogni anno, nel mondo, nascono 1,6 milioni di gemelli. Calcolatrice alla mano, un neonato ogni 42 è un gemello. Si tratta di un vero e proprio record: sono i numeri più alti degli ultimi 40 anni. A rivelarlo uno studio congiunto dell’Università di Oxford, dell’Istituto francese di studi demografici (INED) e dell’università olandese di Radboud, pubblicato sulla rivista Human Reproduction. Una tendenza che, probabilmente, non sarà destinata a crescere ulteriormente, almeno non nei Paesi cosiddetti industrializzati.

Lo studio ha esaminato le nascite del periodo 2010-2015 in 165 Paesi, coprendo il 99% della popolazione mondiale. I numeri, poi, sono stati confrontati con le nascite registrate in 112 di questi Paesi nel periodo 1980-1985. La comparazione ha mostrato che il tasso di parti gemellari è cresciuto di un terzo, passando da 9 a 12 ogni mille.

La situazione del Belpaese

Osservando i dati italiani è possibile confermare la stessa tendenza. Ma è sufficiente esaminare le nascite avvenute negli anni successivi per capire che la rotta non è già più la stessa. «Stando agli ultimi dati elaborati in Italia nel 2018 – spiega Antonino Guglielmino, presidente Siru, la Società Italiana della Riproduzione Umana – i gemelli nati da Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) sono passati dal 24 al 12%».

Perché sono nati più gemelli

La PMA è una delle due motivazioni che, negli anni, ha indotto un aumento dei parti gemellari. «L’altra causa è l’età posticipata del progetto genitoriale», aggiunge Guglielmino. Le possibilità di gravidanza plurima, infatti, sono direttamente proporzionali all’età: «Le probabilità che una  donna possa concepire dei gemelli sono maggiori a 40 anni che a 20. Con l’avanzare dell’età subentrano delle modificazioni ormonali che aumentano la possibilità di parto gemellare. I gemelli nati da madri over 40 rappresentano circa un terzo del totale».

I restanti due terzi sono concepiti attraverso PMA. Queste tecniche, sviluppate nei Paesi più avanzati negli anni ‘70, si sono poi allargate anche all’Asia e all’America latina tra gli anni ‘80 e ‘90, raggiungendo le regioni più ricche dell’Africa e dell’Asia meridionale dopo il 2000.

«Le tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita – aggiunge il ginecologo – possono essere divise in due macrocategorie: le tecniche in vivo, che comprendono stimolazioni ovariche e inseminazioni intrauterine, e quelle in vitro. Queste ultime, in particolare, permettono di controllare il numero di embrioni trasferiti in utero, così da evitare un aumento delle nascite gemellari. Inoltre, dal 2009, in Italia, grazie ad una sentenza della Corte Costituzionale è possibile crioconservare gli embrioni prodotti, procedendo al trasferimento di uno o al massimo due embrioni alla volta».

I rischi di parti gemellari

Le gravidanze gemellari non sono scevre da rischi, né per la mamma, né per i bambini che verranno al mondo. «Non esistono, se non in casi rarissimi, gestazioni gemellari che riescano ad arrivare al compimento del nono mese – spiega Guglielmino -. I gemelli vengono alla luce prematuramente e sottopeso. Anche la neomamma può andare incontro più facilmente a gravi complicanze come il diabete gestazionale e la gestosi». Condizioni che, all’aumentare dell’età della gravida, possono aggravarsi ulteriormente: «Attualmente – aggiunge il ginecologo – l’età media delle donne che accedono ad un centro di PMA in cerca del primo figlio è di 36,7 anni. A queste pazienti chiariamo immediatamente che si procederà al trasferimento di un solo embrione per volta, spiegando i rischi che potrebbero derivare da una gravidanza gemellare».

Previsioni per il futuro

Se nei Paesi industrializzati il numero di gemelli sta già diminuendo, cosa accadrà in quelli in via di sviluppo? «È probabile che assisteremo ad un aumento delle nascite gemellari, come conseguenza diretta della maggiore diffusione delle tecniche di PMA. Un tale incremento, però, nei Paesi in via di sviluppo potrebbe trasformarsi in una fonte di rischio, sia per la salute delle madri, che dei bambini. Per questo è necessario che, prima di arrivare ad un boom di gemelli così come già accaduto nei Paesi industrializzati, siano stabilite le giuste politiche di intervento, sia da un punto di vista legislativo che sanitario – conclude Guglielmino -, creando strutture e preparando professionisti in grado di accogliere e curare gli eventuali neonati gemelli e le loro madri».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Gli esperti PMA della SIRU: «Basta ipocrisie, tuteliamo anche le coppie omosessuali nell’accesso a PMA»
Antonino Guglielmino, presidente ginecologo della SIRU: «Occorre partire dai dati di realtà e adottare un atteggiamento laico e di salvaguardia delle persone»
PMA, nasce l’intergruppo parlamentare. Mammì (M5S): «Lavoriamo insieme per superare divisioni ideologiche»
L’iniziativa è stata promossa anche dal medico e parlamentare M5S Alberto Zolezzi. Tra le adesioni quella della Presidente della Commissione Affari Sociali Marialucia Lorefice. Guglielmino (SIRU): «Facciamo presto a dare una riorganizzazione e una programmazione in questo ambito per far fronte alla sofferenza di migliaia di coppie italiane»
Endometriosi, SIRU: «Ricercatori italiani primi al mondo, ma mancano centri di riferimento riconosciuti a livello nazionale»
La Società Italiana di Riproduzione Umana: «Situazione a macchia di leopardo, alle pazienti non garantite cure omogenee in tutto il paese. Linee guida nazionali sono ancora in attesa di applicazione»
PMA, Costantini (Siru): «La legge 40 ha troppe lacune. Urge una modifica»
La coordinatrice dell’Osservatorio giuridico della Società Italiana di Riproduzione Umana: «L’ordinanza del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, che consentirà ad una signora il trasferimento degli embrioni crioconservati senza il consenso del partner, non fa prevalere la volontà della donna su quella dell’uomo, ma il diritto dell’embrione a nascere»
di Isabella Faggiano
Scambio di reni per trapianto tra Roma e Malaga. È la prima donazione incrociata da inizio pandemia
Protagoniste due donatrici viventi. A ricevere l’organo il figlio dell’una e il marito dell’altra. Gli interventi sulla coppia italiana eseguiti al Policlinico Gemelli: i pazienti stanno bene
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...