Salute 31 Marzo 2021 10:03

Nel mondo è boom di gemelli, mai così tanti negli ultimi 40 anni. Guglielmino (SIRU): «In Italia numeri destinati a calare»

Il presidente della Società italiana riproduzione umana: «Diffusione delle tecniche di PMA e aumento dell’età media delle donne al primo figlio tra le principali motivazioni dell’incremento di gravidanze gemellari»

di Isabella Faggiano

Ogni anno, nel mondo, nascono 1,6 milioni di gemelli. Calcolatrice alla mano, un neonato ogni 42 è un gemello. Si tratta di un vero e proprio record: sono i numeri più alti degli ultimi 40 anni. A rivelarlo uno studio congiunto dell’Università di Oxford, dell’Istituto francese di studi demografici (INED) e dell’università olandese di Radboud, pubblicato sulla rivista Human Reproduction. Una tendenza che, probabilmente, non sarà destinata a crescere ulteriormente, almeno non nei Paesi cosiddetti industrializzati.

Lo studio ha esaminato le nascite del periodo 2010-2015 in 165 Paesi, coprendo il 99% della popolazione mondiale. I numeri, poi, sono stati confrontati con le nascite registrate in 112 di questi Paesi nel periodo 1980-1985. La comparazione ha mostrato che il tasso di parti gemellari è cresciuto di un terzo, passando da 9 a 12 ogni mille.

La situazione del Belpaese

Osservando i dati italiani è possibile confermare la stessa tendenza. Ma è sufficiente esaminare le nascite avvenute negli anni successivi per capire che la rotta non è già più la stessa. «Stando agli ultimi dati elaborati in Italia nel 2018 – spiega Antonino Guglielmino, presidente Siru, la Società Italiana della Riproduzione Umana – i gemelli nati da Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) sono passati dal 24 al 12%».

Perché sono nati più gemelli

La PMA è una delle due motivazioni che, negli anni, ha indotto un aumento dei parti gemellari. «L’altra causa è l’età posticipata del progetto genitoriale», aggiunge Guglielmino. Le possibilità di gravidanza plurima, infatti, sono direttamente proporzionali all’età: «Le probabilità che una  donna possa concepire dei gemelli sono maggiori a 40 anni che a 20. Con l’avanzare dell’età subentrano delle modificazioni ormonali che aumentano la possibilità di parto gemellare. I gemelli nati da madri over 40 rappresentano circa un terzo del totale».

I restanti due terzi sono concepiti attraverso PMA. Queste tecniche, sviluppate nei Paesi più avanzati negli anni ‘70, si sono poi allargate anche all’Asia e all’America latina tra gli anni ‘80 e ‘90, raggiungendo le regioni più ricche dell’Africa e dell’Asia meridionale dopo il 2000.

«Le tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita – aggiunge il ginecologo – possono essere divise in due macrocategorie: le tecniche in vivo, che comprendono stimolazioni ovariche e inseminazioni intrauterine, e quelle in vitro. Queste ultime, in particolare, permettono di controllare il numero di embrioni trasferiti in utero, così da evitare un aumento delle nascite gemellari. Inoltre, dal 2009, in Italia, grazie ad una sentenza della Corte Costituzionale è possibile crioconservare gli embrioni prodotti, procedendo al trasferimento di uno o al massimo due embrioni alla volta».

I rischi di parti gemellari

Le gravidanze gemellari non sono scevre da rischi, né per la mamma, né per i bambini che verranno al mondo. «Non esistono, se non in casi rarissimi, gestazioni gemellari che riescano ad arrivare al compimento del nono mese – spiega Guglielmino -. I gemelli vengono alla luce prematuramente e sottopeso. Anche la neomamma può andare incontro più facilmente a gravi complicanze come il diabete gestazionale e la gestosi». Condizioni che, all’aumentare dell’età della gravida, possono aggravarsi ulteriormente: «Attualmente – aggiunge il ginecologo – l’età media delle donne che accedono ad un centro di PMA in cerca del primo figlio è di 36,7 anni. A queste pazienti chiariamo immediatamente che si procederà al trasferimento di un solo embrione per volta, spiegando i rischi che potrebbero derivare da una gravidanza gemellare».

Previsioni per il futuro

Se nei Paesi industrializzati il numero di gemelli sta già diminuendo, cosa accadrà in quelli in via di sviluppo? «È probabile che assisteremo ad un aumento delle nascite gemellari, come conseguenza diretta della maggiore diffusione delle tecniche di PMA. Un tale incremento, però, nei Paesi in via di sviluppo potrebbe trasformarsi in una fonte di rischio, sia per la salute delle madri, che dei bambini. Per questo è necessario che, prima di arrivare ad un boom di gemelli così come già accaduto nei Paesi industrializzati, siano stabilite le giuste politiche di intervento, sia da un punto di vista legislativo che sanitario – conclude Guglielmino -, creando strutture e preparando professionisti in grado di accogliere e curare gli eventuali neonati gemelli e le loro madri».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Simulando s’impara: la realtà virtuale è il futuro della formazione in medicina
Il direttore del Gemelli Training Center: «L’utilizzo di tecnologie di realtà virtuale di ultima generazione permette, non solo di formare i giovani medici in maniera sempre più moderna ed efficace, ma anche di sperimentare la gestione della propria emotività e il lavoro di squadra»
Dalla Sicilia alla Lombardia: la “tratta” della PMA
Aurora denuncia a Sanità Informazione la sua storia ai limiti della legalità: in Sicilia la Procreazione medicalmente assistita è sempre stato un bene lusso e chi non poteva permetterselo andava fuori Regione. Ma dal 9 maggio l’assessorato alla Sanita siciliano ha bloccato la mobilità sanitaria. Aurora, Giacomo D’Amico, presidente di Hera e Antonino Guglielmino, presidente nazionale della SIRU svelano tutte le carte
“Alliance for woman’s Health”: per la cura della donna non solo farmaci
Per la prima volta gli esperti mondiali sulla ricerca dell’inositolo (EGOI) partecipano al congresso congiunto della Società Italiana di Fitoterapia e Integratori Ostetricia e Ginecologia (SIFIOG) e l’International Society of Dietary Supplements and Phytotherapy (ISDSP). Molte patologie ostetrico-ginecologiche richiedono, ormai, un approccio integrato
Natalità, allarme Siru: «Nel 2050 meno 5mln nati, come se scomparisse la città di Roma»
Nel Lazio nascite in calo anche nel 2020, la prevenzione e le metodiche di PMA possono fornire un aiuto. Picconeri (Siru Lazio): «Sono essenziali l’applicazione dei LEA e il potenziamento dei servizi regionali di prevenzione e preservazione della salute riproduttiva e della Pma per sostenere chi desidera avere figli»
PMA, Siru: «In aumento coppie che si tirano indietro. Nel 2021 quasi 5mila nascite in meno»
In occasione del V Congresso Nazionale della SIRU, gli specialisti sottolineano la necessità di potenziare il supporto psicologico delle coppie già prima dell'inizio di un percorso di PMA
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 10 agosto, sono 586.482.524 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.423.901 i decessi. Ad oggi, oltre 11,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale