Salute 25 settembre 2017

Robot in corsia: il Careggi già in pista. La tecnologia ruberà lavoro ai medici? L’intervista al Direttore dell’AOU di Firenze

Sempre più ospedali tecnologicamente virtuosi si dotano di macchinari all’avanguardia che sostituiscono l’operato dell’uomo. Saranno spazzati via milioni di posti di lavoro? La risposta di Monica Calamai, Direttore Generale dell’Ospedale Careggi di Firenze…

Immagine articolo

«I professionisti sanitari dovranno perfezionare la loro formazione e offrire prestazioni sempre più elevate per stare al passo con la tecnologia». Lo spiega ai nostri microfoni Monica Calamai, Direttore Generale dell’Ospedale Careggi di Firenze, in occasione di S@lute 2017, il Forum d’innovazione per la Salute.  «Si tratta di una sfida da affrontare nel prossimo futuro: i professionisti sanitari lavoreranno a stretto contatto con i robot e  saranno sempre di più incentivati a migliorare la loro preparazione e a rendere più efficace il loro operato. Si tratta di uno stimolo, non certo di un disincentivo» spiega la Direttrice di una delle strutture fiore all’occhiello nel campo della tecnologia, dove, proprio di recente, è stato portato a termine con successo il primo trapianto di rene da donatore a cuore fermo mediante chirurgia robotica d’urgenza (LEGGI CHIRURGIA ROBOTICA: A FIRENZE PORTATO A TERMINE PRIMO TRAPIANTO DI RENE DA PAZIENTE A CUORE FERMO).

Come si coniuga innovazione e creazione di valore in sanità? Esiste il rischio che la tecnologia avanzata possa favorire la disoccupazione?

«Come detto, macchine più sofisticate e quindi, di conseguenza, camici bianchi più competenti: i robot non sostituiscono l’attività umana, ma la migliorano perfezionandola e rendendola più efficace. L’innovazione porta un valore aggiunto perché va a modificare la qualità del livello assistenziale sia nell’approccio con il paziente acuto sia nell’approccio con il paziente cronico. L’introduzione di tecnologie permetterà e consentirà di arrivare a casa del paziente: sembra una prospettiva lontana tuttavia in alcuni luoghi già sta avvenendo, in particolare in territori difficoltosi e complicati da raggiungere. Basta pensare a tutti quei paesi che oggi si stanno spopolando, dove l’arrivo dell’innovazione e della telemedicina potrebbero arrestare l’esodo e creare un valore pregevole in zone che finora sono rimaste isolate. Per quel che riguarda l’equipe medica, cambia proprio la gestione del paziente: ieri era ‘un mordi e fuggi’ con un paziente non consapevole e un medico che poco poteva coinvolgere l’utente nel contesto clinico. Oggi abbiamo visite più accurate (anche in breve tempo) con un maggiore coinvolgimento del paziente stesso a cui la comprensione della patologia è resa più accessibile. Insomma l’ospedale cambia, si delineano nuovi scenari e il Careggi ne è un esempio: nella struttura esiste un centro commerciale, dei ristoranti, una banca, un parrucchiere, una serie di attività che ampliano gli spazi non solo fisici ma anche mentali, arricchendo il contesto lavorativo per i medici e di cura per il paziente».

LEGGI ANCHE: SICUREZZA INFORMATICA IN SANITÀ, LA RICERCA: «DOPO CYBER ATTACK, 20% DELLE STRUTTURE NON RIPRISTINA SISTEMI ENTRO 4 OR

Tra le sfide più difficili da vincere per il Sistema Sanitario Nazionale c’è quella della gestione dell’anzianità della popolazione e della cronicità: mettersi in rete tra strutture ospedaliere può essere una soluzione?

«Assolutamente sì, è necessario cambiare il paradigma: noi al Careggi stiamo riorganizzando tutta l’attività ambulatoriale, stiamo costruendo nuovi percorsi assistenziali, per cui il paziente ritorna a casa sano e informato sulle sue condizioni cliniche, mentre nei casi più gravi con patologie più impegnative, l’utente viene gestito attraverso percorsi incrociati che comprendono tutte le specialità mediche fino ad arrivare alla terapia idonea. A Careggi stiamo riorganizzando tutto il sistema secondo una rete capillare che riesca a coprire a tutto tondo le necessità del paziente: queste soluzioni generano meno frammentazione e allo stesso tempo meno visite e minori tempi d’attesa».

Su questo tema bisogna insistere sulla formazione continua dei medici?

«La formazione è fondamentale, i medici devono essere aggiornati continuamente e anche spogliare i vecchi modelli e studiarne degli altri. Purtroppo per quel che riguarda l’innovazione in chirurgia robotica ancora non è previsto un programma di studio universitario. Solo chi nel corso della fase di specializzazione ha un approccio con questo tipo di tecnologia ha la fortuna di trovare un percorso più specifico e acquisire delle competenze, altrimenti non è materia di studio. Credo che la rivoluzione non riguardi solo l’istituzione sanitaria ma anche tutto quello che gli gira intorno, quindi il mondo universitario che riguarda tutte le professioni, non solo medici ma anche infermieri, tecnici e altro».

LEGGI ANCHE: FORUM S@LUTE: ECCO LE 6 ECCELLENZE DELLA SANITÀ ITALIANA

Articoli correlati
La trasformazione digitale nella (e per) la salute pubblica. Gli igienisti nella palestra dell’innovazione
Per costruire una società più sana giocano un ruolo strategico, oltre a big data e intelligenza artificiale, anche altri strumenti digitali come Internet delle cose, blockchain, realtà aumentata e virtuale, e un uso corretto dei social media per campagne di prevenzione realizzate da esperti e in grado di raggiungere la popolazione in modo efficace. Il […]
Agenas, De Lillo presidente ad interim. L’intervista all’ex senatore: «Formazione chiave per rendere assistenza sanitaria più eccellente»
In attesa della nomina del nuovo presidente, prende le redini dell’Agenzia Nazionale per i servizi sanitari Regionali Stefano De Lillo: «Puntiamo su formazione a distanza per rendere efficace la qualità dei servizi»
di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
Medicina generale, Grillo prolunga slittamento graduatorie: «Nessuna borsa andrà perduta»
«Questo provvedimento permetterà di assegnare tutte le borse disponibili per la formazione post laurea in Medicina generale. Nessuna borsa andrà perduta, questo è essenziale per il futuro dei giovani camici bianchi, ma anche per il nostro sistema sanitario» ha specificato il ministro
Asse Italia-Finlandia per la sicurezza alimentare, Riva (EFSA): «Formazione e tecnologie al centro del nostro progetto europeo»
Il presidente del COCI e membro del Comitato Scientifico di Sanità in-Formazione spiega ai nostri microfoni gli obiettivi del percorso intrapreso con l’Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare: «Fondamentale fare “massa critica” con tutti i Paesi membri e migliorare la preparazione di medici e dentisti»
Rischio clinico, Stella (Agenas): «Per abbatterlo va trasformato il modello formativo dando spazio alla simulazione»
Il componente della Commissione nazionale per la formazione continua: «I professionisti sanitari affrontano sempre più situazioni di alto impegno clinico professionale. Un apprendimento diretto di procedure e metodiche in un ambiente protetto, grazie a manichini e simulatori, consente di ridurre il rischio e aumentare la sicurezza per il paziente»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano