Salute 22 Febbraio 2019

Ripartire dopo il cancro, il make up artist Pablo Gil Gagnè: «Così aiuto le donne a ritrovare la propria femminilità dopo la malattia»

«Innanzitutto, do indicazioni sulla cura della pelle che, a causa delle pesanti cure, risulta spenta e inspessita; quindi mi dedico allo sguardo. Per chi non ha manualità, insegno, con l’ausilio dello stencil, a disegnare le sopracciglia, a scegliere la tonalità di colore giusto per la propria fisionomia e per i propri colori», racconta a Sanità Informazione il famoso truccatore allievo di Gil Cagnè

di Federica Bosco
Immagine articolo

Restituire un sorriso alle donne malate di cancro costrette a pesanti cicli di chemioterapia è l’obiettivo del progetto ideato e sostenuto da Paolo D’Angelo, 51 anni, in arte Pablo, (uno dei make-up artist più famosi al mondo) e realizzato in collaborazione con alcune associazioni tra cui Lilt e Unicef. Recentemente vincitore del premio Assotutela (associazione di utilità sociale, punto di riferimento per i cittadini in ambito legale, finanziario e organizzativo) riservato alle eccellenze italiane, per Pablo la mission solidale oggi rappresenta una delle due anime che convivono nella stessa vita professionale. Fondatore della Face Place make-up Academy di Roma, oggi Pablo, che è anche docente di trucco presso la facoltà di cosmetologia all’Università di Ferrara, lega il suo nome a numerose iniziative per ridare bellezza là dove si crede sia persa, trasferendo l’esperienza maturata al fianco di personaggi del jet set internazionale e di dive hollywoodiane nella cura quotidiana della pelle di donne ferite e segnate dalla malattia. Pablo Gil Gagnè è il consulente di immagine di molte attrici, cantanti e show girl che in occasione di eventi, uscite pubbliche o concerti si affidano alle sue abili mani per apparire al massimo dello splendore. Al fianco del suo maestro ha lavorato per anni a Los Angeles dove ha seguito sul set Jodie Foster e Nicole Kidman, e nel back stage dei concerti Ami Stewart e Diana Ross. Rientrato in Italia negli ultimi 10 anni è riuscito ad essere anche profeta in patria, dedicando la sua arte ad attrici tra cui Monica Bellucci, e star della televisione come Simona Ventura e Carmen Russo.

Dal make-up di attrici celebri come Jody Foster o Monica Bellucci, alle donne deturpate dalla malattia o sfregiate sul volto dall’acido, una scelta difficile e coraggiosa, cosa l’ha portata verso quella direzione?

«Era il 1996 quando, con il maestro Gil Gagnè ho iniziato a lavorare e sovvenzionare una clinica in Bangladesh per la cura delle donne sfregiate dall’acido. Il progetto è andato avanti fino al 2003, quando dopo la morte di Gil, ho deciso di tornare in Italia per trasferire e adattare quella esperienza alla società odierna. Ne è nato un progetto con alcune associazioni per aiutare le donne che affrontano una malattia debilitante, con cure e cicli di chemioterapia importanti a ritrovare la propria femminilità, ad avere cura di sé stesse, e a nascondere gli effetti devastanti delle terapie».

In che modo?                                                                                                                                                                                                                

«Con la collega Rita Molinaro faccio un lavoro in team sulla dermopigmentazione para-medicale. Lei si occupa del tatuaggio permanente dell’aureola mammaria, io del viso con la ricostruzione delle ciglia, la colorazione della pelle, fino alla definizione del contorno labbra».

Un lavoro estetico, ma soprattutto psicologico da bilanciare quotidianamente… «Partendo dal presupposto che le donne nell’affrontare la malattia e le avversità della vita hanno una marcia in più, il mio ruolo è importante per ridare alle donne la dignità ed il desiderio di guardarsi allo specchio e di riconoscersi. Un sorriso ritrovato mi ripaga più di un premio internazionale come make-up artist».

Materialmente cosa fa per loro?

«Innanzitutto, do indicazioni sulla cura della pelle che, a causa delle pesanti cure, risulta spenta e inspessita; quindi mi dedico allo sguardo. Per chi non ha manualità, insegno, con l’ausilio dello stencil, a disegnare le sopracciglia, a scegliere la tonalità di colore giusto per la propria fisionomia e per i propri colori. Per chi lo desidera procedo con il trucco permanente degli occhi e del contorno bocca che permette di avere sempre un’immagine impeccabile».

Articoli correlati
“Donne, patologie, depressione: l’importanza del lavoro in rete”. Parte il progetto Onda in Lombardia
«Numerose evidenze scientifiche documentano come la depressione aumenti il rischio di malattie cardiovascolari, metaboliche, oncologiche, pneumologiche e neurologiche da un lato e, dall’altro, come chi soffre di queste patologie sia maggiormente esposto al rischio di depressione che ne peggiora gli esiti» spiega Francesca Merzagora, Presidente Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere. […]
Contraccezione, Onda: «Italia al 26esimo posto in Europa per accesso agli anticoncezionali, il counseling e l’informazione online»
«La salute sessuale e riproduttiva rappresenta un diritto umano fondamentale che deve essere preservato e tutelato. Di fatto, però, in Italia manca ancora oggi un programma organico e strutturato di educazione all’affettività e alla sessualità» sostiene Francesca Merzagora, Presidente Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere. Questa lacuna spiega in parte perché […]
Procreazione medicalmente assistita, Baldini (Pma Italia): «Educazione, informazione, preservazione e prevenzione: così si combatte calo demografico»
Il 20% delle coppie lamenta problemi di infertilità e sterilità; tra le cause, la mancanza di prevenzione ed educazione sui temi della fertilità. È nata, per questo, “La campagna del Cavolo” di Pma Italia (Procreazione Medicalmente Assistita)
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Giornata del Fiocchetto Lilla, il 15 marzo open day al Gemelli sui disturbi del comportamento alimentare
In occasione della Giornata Nazionale del Fiocchetto Lilla che si celebra venerdì 15 marzo, la Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS presenta il Percorso Clinico Assistenziale dedicato al paziente con Disturbi della Nutrizione e dell’Alimentazione. Accanto a questa presentazione, che sarà il cuore dell’Open Day nella Hall della Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS, saranno […]
Foad Aodi (Co-mai): «Visita storica di Papa Francesco, urge un accordo di reciprocità con il mondo musulmano»
Le comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) e la Confederazione Internazionale laica interreligiosa (Cili-italia) e il Movimento internazionale Uniti per Unire con tutte le relative associazioni e comunità aderenti manifestano il proprio apprezzamento per la visita storica, coraggiosa, tempestiva e piena di messaggi di dialogo e di speranza di Papa Francesco che si svolgerà […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone