Politica 9 Gennaio 2018

Caso Ripa di Meana, le differenze tra sedazione profonda e eutanasia

Il videotestamento della contessa ha riportato in primo piano la questione. Per l’anestesista Luciano Orsi la scelta rientra pienamente nell’ambito delle cure palliative, disciplinate dalla legge 38 del 2010

di Giovanni Cedrone

La scomparsa di Marina Ripa di Meana e, in particolare, la sua scelta di ricorrere alla sedazione profonda per affrontare gli ultimi giorni di vita, continua a far discutere il mondo accademico e politico.

La contessa, sposata con l’ex ministro Carlo Ripa di Meana, aveva affidato a Maria Antonietta Farina Coscioni le sue ultime volontà, registrate in un videotestamento andato in onda sul Tg5, in cui parlava della sua scelta, giunta dopo aver pensato anche al suicidio assistito in Svizzera, di ricorrere alla sedazione profonda, un messaggio diffuso affinché tutti sappiano «che si può scegliere di tornare alla terra senza ulteriori e inutili sofferenze anche a casa propria o in ospedale». Aveva così parlato di «via italiana» alle cure palliative, una presa di posizione che ha spinto i radicali a presentare un esposto all’Ordine dei medici di Roma. Nel dibattito pubblico è tornato in primo piano il tema della differenza tra sedazione profonda e eutanasia, così come era avvenuto nel febbraio 2017 con il caso di Dino Bettamin, macellaio settantenne di Montebelluna Treviso), affetto da sclerosi laterale amiotrofica dal 2012, che aveva deciso di ricorrere alla sedazione palliativa profonda per restare addormentato fino alla morte.

LEGGI ANCHE: BIOTESTAMENTO, ECCO COSA POTRÀ FARE IL MEDICO SE IL PAZIENTE DECIDE D’INTERROMPERE IL TRATTAMENTO

Oggi sul tema interviene anche la Fondazione Maruzza, da sempre impegnata nella diffusione delle cure palliative, che ricorda come «la loro applicazione sia ancora troppo carente» e che con l’invecchiamento della popolazione «aumenterà l’esigenza di prendersi cura di tutte le persone affette da malattie croniche o   inguaribili e  che si avvicinano alla  fase    finale della loro vita». In realtà in Italia, ormai da diversa tempo, una legge c’è. E’ infatti la legge 38 del 2010 a disciplinare la materie delle cure palliative, anche se non parla espressamente di sedazione profonda.

«Sancisce che le cure palliative, ormai entrate di fatto nei Lea, i  livelli essenziali di assistenza, sono un diritto del cittadino – spiega Luciano Orsi, anestesista rianimatore e palliativista, vicepresidente della Società Italiana di cure palliative –  Ciò vuol     dire che tutte le procedure terapeutiche che rientrano in questa categoria, compresa la sedazione profonda, sono lecite dal punto di vista legale, giuridico e deontologico».

Orsi sottolinea che «la decisione finale è condivisa tra un paziente cosciente e in grado di relazionarsi, che deve dare  il proprio consenso, e il gruppo di medici, infermieri e psicologi che si occupa del trattamento palliativo. Tutte le ricerche scientifiche in merito hanno ampiamente dimostrato – conclude – che la sedazione palliativa profonda, a differenza dell’eutanasia, non  anticipa né accelera la morte. Al massimo, può solo allungare i tempi di sopravvivenza, non certo accorciarli».

Articoli correlati
Eutanasia, FNOPI e FNOMCeO alla Camera: «Medici e infermieri devono potersi attenere ai loro Codici deontologici»
Alla Camera sono riprese le audizioni sulla legge in materia di rifiuto dei trattamenti sanitari e liceità dell’eutanasia. Tra le richieste della Federazione degli Ordini dei Medici l’affidamento della certificazione dello stato clinico del richiedente a team professionali medici e l’attuazione omogenea della legge sulle Cure Palliative
Eutanasia, Associazione Luca Coscioni: «Proposta di legge ferma da 7 anni. Favorevole il 75% degli italiani»
I membri dell’associazione chiedono che venga messo all’ordine del giorno della Camera una proposta di iniziativa popolare per legalizzare l’eutanasia
«Gli anestesisti-rianimatori siano centrali nella scuola di specializzazione in cure palliative»
L'appello congiunto di Flavia Petrini (SIAARTI), Alessandro Vergallo (AAROI-EMAC) e Paolo Pelosi (CPAR) ai ministri Manfredi e Speranza
Una scuola di specializzazione in cure palliative, Penco (Sicp): «Salto culturale per l’Italia»
Con il Dl Rilancio si prevede una nuova specializzazione per i medici di domani dopo le difficoltà di Covid-19. Ne parliamo con Italo Penco (Sicp): «Se le cure palliative fossero applicate nella maniera giusta si diminuirebbe la mortalità ospedaliera e quindi anche il numero delle giornate in ospedale sarebbe inferiore»
Cure palliative pediatriche: su 30mila bambini malati solo 1.500 le ricevono
Dei 30.000 minori con diagnosi di inguaribilità solamente un 5% usufruisce dei servizi previsti dalla legge. L'OMS: «Una responsabilità etica e un imperativo morale dei sistemi sanitari. L'accesso alle cure palliative è ancora molto scarso, il che determina ogni anno a milioni di bambini vulnerabili, sofferenze evitabili»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 ottobre, sono 40.792.599 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.124.918 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...