Salute 24 Aprile 2017

Biotestamento: ecco cosa potrà fare il medico se il paziente decide d’interrompere il trattamento

La Legge passa alla Camera con un’ampia maggioranza e arriva al Senato. Ma rimangono alcune voci critiche. La Presidente del corso di laurea di Medicina e Chirurgia de La Sapienza, Stefania Basile: «Testo frettoloso: ai medici non serve una legge per il consenso informato, meglio lavorare sulla cattiva informazione»

Superato con un’ampia e trasversale maggioranza di voti favorevoli (326 contri 37 voti contrari e 4 astenuti) l’esame della Camera, per la discussa legge sul Testamento biologico si aspetta ora solo il via libera definitivo in Senato anche se la strada sembra essere ancora piena di insidie.

Tra i punti centrali dell’impianto normativo – insieme all’accanimento terapeutico e l’abbandono delle cure – c’è il capitolo relativo a nutrizione e idratazione artificiali diventati «trattamenti sanitari» e per questo possono essere rifiutati e sospesi.

Molto importanti i passaggi legati al consenso informato («nessun trattamento sanitario può essere iniziato o proseguito se privo del consenso libero e informato della persona interessata», fermo restando che la volontà espressa dal paziente può essere sempre modificata) e le dat attraverso cui si delega un fiduciario «che ne faccia le veci e lo rappresenti nelle relazioni con il medico e con le strutture sanitarie». Senza trascurare i delicati aspetti legati a minori e incapaci («il consenso informato è espresso dai genitori esercenti la responsabilità genitoriale o dal tutore o dall’amministratore di sostegno, tenuto conto della volontà della persona minore di età o legalmente incapace o sottoposta ad amministrazione di sostegno») e poi la relazione tra medico e paziente: di fronte all’evolversi delle conseguenze di una patologia cronica e invalidante, il professionista ed il suo staff «sono tenuti ad attenersi a quanto stabilito nella pianificazione delle cure qualora il paziente venga a trovarsi nella condizione di non poter esprimere il proprio consenso o in una condizione di incapacità».

Altro punto fondamentale è quello della responsabilità dei sanitari: «Il medico è tenuto a rispettare la volontà espressa dal paziente di rifiutare il trattamento sanitario o di rinunciarvi. In conseguenza di ciò, il medico è esente da responsabilità civile o penale, – recita l’attuale testo legislativo -. Il paziente, di contro, non può esigere trattamenti sanitari contrari a norme di legge, alla deontologia professionale e alla buone pratiche clinico-assistenziali». Inoltre, «il medico non ha obblighi professionali» e quindi può rifiutarsi di staccare la spina. Questo, sostanzialmente, crea una sorta di obiezione di coscienza. Un ultimo accenno alle norme transitorie: «Ai documenti atti ad esprimere le volontà del disponente in merito ai trattamenti sanitari, depositati presso il comune di residenza o davanti a un notaio prima della data di entrata in vigore della presente legge, si applicano le disposizioni della medesima legge».

Al Senato giunge, dunque, un testo che nonostante l’ampio consenso ricevuto alla Camera, continua a far discutere e ad alimentare un ricco dibattito mediatico pieno di contradditori anche tra i medici. Sanità Informazione aveva già tentato di intercettare l’orientamento del personale sanitario, nelle scorse settimane, attraverso un sondaggio che aveva rivelato che il 71% era favorevole ad una legge che legalizzasse l’eutanasia ma solo il 54% si era detto disposto a praticarla.

Le perplessità di molti medici sono state, però, espresse con particolare forza al convegno “Luci e ombre del fine vita” all’Istituto Sturzo di Roma.

«I punti più delicati – ha spiegato ai nostri microfoni la professoressa Stefania Basile, presidente del Corso di laurea in Medicina e Chirurgia della Sapienza, tra le relatrici del dibattito – sono quelli che sono stati annunciati per primi, cioè la velocità di aver scritto il Ddl senza interlocutori tecnici, o comunque degli interlocutori capaci, ed aver confuso un po’ troppi concetti insieme, per quel poco che ho letto. Si dà una visione del medico che ha bisogno di una legge per imparare ad essere capace di dare un consenso informato, e questo lo trovo un po’ strano, avvilente, soprattutto per noi che educhiamo studenti a fare questo, perché non ce lo deve dire una legge come cambiano i tempi: in questo mondo multimediale è impossibile pensare di non informare bene un paziente, anzi bisogna cercare di eliminare la cattiva informazione. Quindi credo che convegni di questo genere siano molto utile e ne avremmo bisogno di più».

Riconosciuta, invece, l’importanza della formazione, intesa soprattutto come ulteriore aggiornamento anche riguardo questa importante tematica: «Dare un incipit importante ad uno studente lo abitua ad informarsi in maniera costante. Quello che noi stiamo cercando di insegnare agli studenti – prosegue la professoressa Stefania Basile – è la continua informazione, attraverso lettura di riviste scientifiche o il vivere il sociale a tutto tondo. Il medico è una figura importante di tipo sociale, non soltanto professionale per la cura, ma l’essere così informati di tutto ti garantisce sia di parlare con tutti di qualsiasi cosa e di capire anche le varie esigenze. Quindi – conclude – sicuramente la vecchia generazione forse ha bisogno di questa spinta, ma i nostri giovani si sono in qualche modo veicolati a questo, e speriamo di esserci riusciti perché è un po’ difficile comunque adesso».

Guarda il sondaggio di Sanità Informazione

Articoli correlati
Fine vita, infermieri tracciano il loro percorso accanto ai pazienti. Mangiacavalli: «Nel Codice anche la clausola di coscienza»
La Federazione nazionale degli ordini degli infermieri mette a punto un documento di supporto alla legge 219/2017 in cui si traccia il percorso dell’assistenza al fine vita da parte degli infermieri, la categoria professionale più vicina ai pazienti e alle famiglie nel loro percorso
Lungodegenza e dignità del fine vita, in Campania è emergenza posti letto e hospice
A Napoli e provincia un paziente terminale su tre trascorre i suoi ultimi giorni nei reparti per acuti. La proposta di Anaao: «Riconvertire strutture dismesse e incrementare ruolo infermiere di famiglia»
di Chiara Stella Scarano
Biotestamento, Grillo: «Nessuna inerzia sull’avvio del registro Dat»
«Contestualmente il ministero è riuscito ad ottenere specifiche risorse, - chiarisce Grillo - pari a 400mila euro all’anno, per avviare la realizzazione informatica della banca dati»
Biotestamento, l’associazione Coscioni diffida ministero su ritardi banca dati Dat
L’Associazione ‘Luca Coscioni’ ha inviato una diffida al ministero della Salute per non aver ancora istituito una Banca dati nazionale delle Dat (Disposizioni anticipate di trattamento) a nove mesi dalla scadenza del termine previsto dalla legge sul Biotestamento. «Con una diffida ad adempiere e contestuale messa in mora, a oltre nove mesi dalla scadenza del […]
Fine vita, Penco (Sicp): «La legge sull’eutanasia non è una priorità. Prima occorre incrementare le cure palliative»
Il presidente della Società italiana di cure palliative: «Solo quando le leggi già approvate saranno pienamente attuate e il cittadino avrà a disposizione tutti i servizi a cui ha diritto, allora sarà possibile fare un’analisi delle reali richieste di eutanasia»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone