Salute 1 Settembre 2022 16:30

Rincari energia, sanità pubblica e privata chiedono interventi urgenti. «A rischio diritto salute cittadini»

La crisi energetica sta mettendo tutte le strutture sanitarie pubbliche e private in seria difficoltà. Fiaso e Aiop chiedono incrementi e contributi al Governo per far fronte ai rincari. D’Amato (Lazio): «Governo intervenga per salvaguardare sanità»

Rincari energia, sanità pubblica e privata chiedono interventi urgenti. «A rischio diritto salute cittadini»

Gli attuali rincari, dovuti al costo extra dell’energia stanno colpendo tutti, anche le strutture sanitarie. E senza interventi rapidi, gli effetti degli aumenti potrebbero mettere a rischio i bilanci e la capacità di garantire servizi e assistenza ai cittadini.

Costo extra energia, Migliore (Fiaso): «Occorre contributo per coprire spese aggiuntive in bolletta»

A lanciare l’allarme, per prima, è stata la Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere (Fiaso). Secondo il presidente Giovanni Migliore «occorre un contributo adatto a garantire la copertura totale delle spese aggiuntive per la bolletta. In maniera da poter sterilizzare nei bilanci gli effetti del costo extra dell’energia».

Già mesi fa, la Fiaso aveva ipotizzato un incremento della bolletta energetica del 30%, chiedendo lo stanziamento di risorse straordinarie per 500 milioni di euro. «Il Governo aveva deciso di accordare la richiesta per 200 milioni che, tuttavia, gli ulteriori rincari hanno ora reso insufficienti», ha affermato.

Del resto, negli ospedali è estremamente difficile ridurre il consumo energetico. C’è da considerare, infatti, «il grande numero di macchinari che devono necessariamente essere attivi 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. Come gli apparecchi di radiodiagnostica, Tac e Pet e il necessario funzionamento delle sale operatorie e delle terapie intensive», ha specificato Migliore.

Caro energia, Cittadini (Aiop): Costi di gestione più che triplicati, a rischio l’erogazione dei servizi»

Gli ospedali privati seguono la stessa linea di pensiero. «Le strutture hanno un consumo di energia elettrica e di gas assolutamente rilevante – ha avvertito la presidente nazionale dell’Associazione italiana ospedalità privata (Aiop) Barbara Cittadini -. Parliamo di un aumento nei costi di gestione più che triplicato, che mette a rischio la sostenibilità dei costi economici necessari per garantire l’erogazione dei servizi».

Assicurare prestazioni ospedaliere sanitarie e sociosanitarie tempestive ed efficienti sottintende «l’uso di una ingente quantità di energia. E deve essere mantenuta costante nel tempo – ha aggiunto -. Basti pensare al lavoro delle sale operatorie, al condizionamento obbligatorio degli ambienti, ai gruppi elettrogeni, alle operazioni di sterilizzazione e disinfezione dei macchinari e delle attrezzature, all’utilizzo continuo di apparecchiature e macchinari attivi 24 ore su 24, 7 giorni 7».

«1,6 miliardi per SSN, da ripartire tra erogatori di diritto pubblico e privato». La richiesta dell’Aiop

L’Aiop, inoltre, denuncia che «gli aiuti previsti per far fronte al rincaro dei prezzi di energia elettrica e gas escludono gli ospedali accreditati di diritto privato». Per evitare il blocco dei servizi sanitari, la Cittadini chiede «un immediato e adeguato incremento delle risorse finanziare per il Servizio sanitario nazionale di 1,6 miliardi. Da utilizzare a copertura dei maggiori oneri e da ripartire equamente fra gli erogatori di diritto pubblico e di diritto privato».

D’Amato (Lazio): «Governo tuteli sanità su caro energia. Nel Lazio +100 mln rincari»

La situazione è, per tutte le imprese, preoccupante. Ma l’impatto del caro bollette di luce e gas su un settore delicato come quello sanitario può essere devastante.

Al coro unanime di Regioni e associazioni si aggiunge la voce dell’assessore alla Sanità della Regione Lazio. «La bolletta energetica sta diventando sempre più pesante. Per tutte le strutture del sistema sanitario, sia pubbliche che accreditate. Solo nel Lazio – ha detto Alessio D’Amato – la maggiorazione dei costi per il sistema sanitario pubblico supera, nella stima a fine anno, i 100 milioni di euro senza contare la componente accreditata. È necessario che il Governo predisponga delle misure idonee a garantire i livelli essenziali di assistenza, sterilizzando gli aumenti per le strutture sanitarie e garantendo così i servizi».

Rincari luce e gas, D’Amato (Lazio): «Prestazioni vanno aumentate, non ridotte»

D’Amato è pronto ad affrontare l’emergenza con le associazioni di categoria: «Abbiamo in corso investimenti molto importanti nell’uso della cogenerazione e delle energie rinnovabili. Ma occorre tempo prima del loro pieno utilizzo. E in questi mesi – ha concluso – non possiamo certo ridurre le prestazioni che invece devono essere aumentate».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Terapia del dolore? Meno di tre pazienti su dieci sanno di potervi accedere
Al 45° Congresso AISD i risultati di una survey che illustrano la scarsa conoscenza dei cittadini sulla legge 38/2020 per la presa in carico del dolore cronico
Arriva dal mare la cura per cartilagine e artrosi delle ginocchia
Uno studio internazionale dimostra che l’aragonite contenuta nei coralli e impiantata nell’arto grazie ad un device a forma cilindrica sarebbe in grado di garantire un miglioramento clinico e funzionale del ginocchio senza rischi di rigetto. Primi due interventi alla Clinica Città di Pavia del gruppo San Donato
Tre anni da Ministro della Salute, il bilancio di Roberto Speranza
Dal PNRR alla formazione continua, dalle esigenze del personale sanitario alla riforma del Numero chiuso. Alla vigilia delle elezioni, il quadro generale del Ministro uscente
Malattie croniche intestinali, Caprioli (IG-IBD): «L’ecografia riduce i tempi di attesa e costa meno»
Il Segretario Generale dell’IG-IBD: «Necessario formare medici specializzati nell’ ecografia delle anse intestinali, ma anche inserire un corso di ecografia già nel ciclo di studi universitari della facoltà di Medicina. L’ecografia delle anse intestinali, infatti, se effettuata da specialisti formati ad hoc migliora il trattamento dei pazienti ed evita eseguire altri esami più costosi ed invasivi»
Covid, leggero calo dei ricoveri (-3,3%). In ospedale l’83% dei vaccinati non ha la quarta dose
Migliore (Fiaso): «Meno pressione sugli ospedali ma allerta massima. Da sorvegliare il leggero aumento di ricoveri con Covid in età scolare»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi