Salute 28 luglio 2014

Riforma P.A., levata di scudi di Anaao e SMI

La Sanità tema centrale nella discussione del Governo

Immagine articolo

Una grande riforma della Pubblica Amministrazione non può tradire il principio per cui una legge è giusta e condivisibile solo se uguale per tutti”.

È questo il contenuto di una lettera firmata da Francesco Medici, Vicesegretario del Sindacato dei Medici Italiani inviata al presidente del Consiglio Renzi, ai presidenti delle Regioni e ai ministri Giannini, Lorenzin e Madia. “Modificare la riforma della PA sul nodo dell’età pensionabile – spiega Emiliana Sanfilippo, dirigente nazionale SMI – è giusto e necessario”, ma la soluzione non è mantenere “incollati alle poltrone medici e universitari del Servizio sanitario nazionale. Bisogna far saltare questo tappo che impedisce a molti professionisti di progredire di carriera e ai più giovani di entrare stabilmente nel mondo del lavoro”.

Negativa anche la valutazione di ANAAO ASSOMED, che solo qualche giorno fa aveva fortemente criticato quella parte del Parlamento orientata a separare la sanità universitaria da quella pubblica. “A loro dire – spiega Costantino Troise, Segretario Nazionale dell’Associazione dei Medici Dirigenti, riferendosi ai parlamentari orientati verso una differenziazione delle professionalità – la staffetta generazionale nella Pubblica Amministrazione, annunciata come obiettivo dal Governo a fronte di una drammatica condizione occupazionale tra i giovani”, deve “riguardare esclusivamente i medici e i dirigenti sanitari dipendenti del Ssn”. In questo modo, secondo Troise, carriere e competenze professionali verrebbero messe “alla mercé della discrezionalità del Direttore Generale di turno, e quindi dell’invadenza pervasiva della politica”. Da tutto ciò verrebbero però esclusi i professori universitari, ai quali verrebbe invece consentito “di rimanere in servizio, senza essere valutati né all’inizio né durante né alla fine del loro incarico, fino a 70 anni di età e 50 di anzianità contributiva”.

Articoli correlati
Rinnovo del contratto e difesa della sanità pubblica, i medici scendono in piazza. Sit in a Montecitorio: «Così il SSN muore»
Il ministro Grillo: «Contratto stipulato da precedente Governo che non ha previsto le dovute coperture». La reazione di Fp Cgil: «Inaccettabile che il Ministro non sappia che il contratto della dirigenza medica non sia stato rinnovato col passato Governo». Prima dello sciopero del 9 novembre, nuova audizione dei sindacati alla Camera
Smi-Lazio, aggressioni medici: «Serve reporting tempestivo degli episodi di violenza da parte delle aziende»
Sono in continua escalation le segnalazioni di aggressioni verbali o fisiche nei confronti dei medici in servizio nelle strutture sanitarie pubbliche del Lazio. E i numeri parlano chiaro: secondo l’Inail lo scorso anno, nel Lazio, sono stati 150 i casi di aggressione a medici, infermieri e operatori socio-sanitari. Senza contare gli eventi di intimidazione, minacce […]
L’ex Ministro della Salute Livia Turco: «Politica sanitaria non sia decisa dal MEF. Ora aggredire povertà e diseguaglianze»
L’esponente Pd consiglia poi a Giulia Grillo: «Si ricordi che non c’è sanità senza politiche sociali». E ringrazia i medici che hanno continuato ad assistere i migranti irregolari
Collegare un camice bianco alla corruzione è inaccettabile e ingiusto
di Carlo Palermo, Segretario Nazionale Anaao-Assomed
di Carlo Palermo, Segretario Nazionale Anaao-Assomed
Anaao, è Carlo Palermo il nuovo segretario. La video-intervista: «Difenderemo universalismo SSN. Sul contratto sono ottimista»
Il sindacalista succede a Costantino Troise, alla guida per otto anni. «Al ministro  - spiega - chiediamo di trovare risorse economiche per poter difendere il sistema sia sotto il profilo del finanziamento, sia sotto il profilo della qualità professionale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...