Salute 30 Luglio 2021 12:38

Ricerca, il tumore al seno oggi si combatte con nanosfere d’oro intelligenti

Un team di scienziate dell’Università di Pavia, guidato dalla professoressa Livia Visai, ha messo a punto una piattaforma di nanosfere d’oro in grado di colpire solo le cellule tumorali e ridurre in questo modo gli effetti collaterali delle cure chemioterapiche

di Federica Bosco

Sconfiggere il tumore al seno con le nanosfere d’oro intelligenti è l’ultima scommessa di un team di scienziate dell’Università di Pavia. A coordinare il lavoro è la professoressa Livia Visai del Dipartimento di Medicina Molecolare che, con la dottoressa Nora Bloise, si prefigge di valutare l’efficacia dei nano sistemi d’oro contro il cancro al seno, uno dei tumori invasivi più comuni nelle donne di tutto il mondo.

 Nel 2015 l’esordio sulla piattaforma di crowdfunding Universitiamo

«Il progetto in realtà è partito nel 2015 dalla piattaforma di crowdfunding di Universitiamo – racconta la professoressa Visai –.  L’intento già allora era di ottenere un nano vettore biocompatibile con i sistemi biologici in grado di selezionare le sole cellule tumorali, con l’obiettivo di migliorare l’efficacia del trattamento chemioterapico del carcinoma mammario. Inoltre, grazie al sostegno delle borse di studio per giovani ricercatori della Fondazione Umberto Veronesi, sono state realizzate delle pubblicazioni e fatta un’azione di sensibilizzazione delle giovani generazioni nelle scuole. Importante, in tal senso, è stata l’interazione con i membri di diverse associazioni, tra cui Yac Italia, Europa Donna Italia e Attive».

Le nuove sfide del 2021: sviluppare un sistema tridimensionale in vitro e nuovi farmaci

I risultati ottenuti nel 2015 hanno permesso alle ricercatrici di sviluppare la piattaforma di nanosfere d’oro intelligenti con diversi tipi di biopolimeri compatibili e di aggiungere successivamente al progetto nuove sfide. «Nel marzo del 2021 ritorniamo ad avere visibilità sulla piattaforma di crowdfunding Universitiamo perché il lavoro si focalizza su nuovi farmaci in grado di arrivare in modo più selettivo alle cellule tumorali e di ridurre in questo modo gli effetti collaterali che la terapia chemioterapica può dare – spiega ancora la professoressa Visai -. Quindi oggi puntiamo, non solo a ridurre il farmaco utilizzato, ma anche a sviluppare un sistema tridimensionale in vitro in grado di simulare, il più possibile, le condizioni in vivo. In questo modo è possibile ridurre gli esperimenti su animali ed avere risposte mirate».

Nano sistemi d’oro per trattare le metastasi ossee

Il lavoro di Visai e Bloise pertanto è entrato a far parte del centro 3R (REPLACEMENT, REDUCTION, REFINEMENT) che ha lo scopo proprio di ridurre la sperimentazione su animali, rendendo comunque attendibile la ricerca. Un metodo che l’Europa ha attivato sin dal 2010, ma a cui l’Italia si è adeguata in ritardo solo in tempi più recenti. «Nel 2018 siamo entrati a far parte del centro 3R – riprende Visai -, per affinare la ricerca con un sistema tridimensionale e in tal senso l’ultima sfida punta a sviluppare nano sistemi d’oro in grado di trattare le metastasi ossee che rappresentano una delle sedi metastatiche più frequenti nelle pazienti con tumore della mammella».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Leucemia, nei podcast “Diamo voce al futuro” di AIL e Janssen storie di pazienti per sostenere la ricerca
L’obiettivo è rendere le terapie con cellule Car-T sostenibili dal sistema sanitario nazionale e accessibili a tutti
di Federica Bosco
Amalia Bruni: «Burocrazia ottusa nemica della ricerca. Ma non cambierei la scelta di restare in Calabria»
I suoi studi sull’Alzheimer hanno dato un grande contributo per capire i meccanismi della malattia. Oggi la corsa per la presidenza della Regione appoggiata da Pd e M5S: «La sanità torni in mano ai calabresi, ripagheremo i debiti»
di Francesco Torre
Ipovisione e cecità, il “miracolo” della terapia genica
Falsini (oculista): «Sono attualmente eleggibili al trattamento i pazienti con difetto del gene RPE65. Ma, grazie ai progressi della scienza, la terapia genica sarà presto utilizzabile anche per le malattie ereditarie della retina causate da una mutazione diversa»
di Isabella Faggiano
Tumore al seno e volontariato, nel 2020 oltre 3.900 operatori hanno aiutato 29mila pazienti e 69mila donne
Presentata l’analisi di Europa Donna Italia condotta su 121 associazioni. Il 38% è impegnato sia all’interno delle Breast Unit sia sul territorio. Raccolti più di 13 milioni di euro. La presidente Rosanna D’Antona: «Nonostante la pandemia e il lockdown continua il supporto a pazienti, caregiver e cittadini nel pieno rispetto delle norme stabilite dalle autorità»
Le emozioni possono aiutare la scienza. La storia di Sammy, il giovane alla ricerca di una cura per l’invecchiamento precoce
“Sammy-seq”, “base-editing” e farmaci che rallentano la progressione della patologia: ecco le tre scoperte che hanno rivoluzionato il trattamento della progeria, la patologia dell’invecchiamento precoce
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco