Salute 30 Luglio 2021 12:38

Ricerca, il tumore al seno oggi si combatte con nanosfere d’oro intelligenti

Un team di scienziate dell’Università di Pavia, guidato dalla professoressa Livia Visai, ha messo a punto una piattaforma di nanosfere d’oro in grado di colpire solo le cellule tumorali e ridurre in questo modo gli effetti collaterali delle cure chemioterapiche

di Federica Bosco

Sconfiggere il tumore al seno con le nanosfere d’oro intelligenti è l’ultima scommessa di un team di scienziate dell’Università di Pavia. A coordinare il lavoro è la professoressa Livia Visai del Dipartimento di Medicina Molecolare che, con la dottoressa Nora Bloise, si prefigge di valutare l’efficacia dei nano sistemi d’oro contro il cancro al seno, uno dei tumori invasivi più comuni nelle donne di tutto il mondo.

 Nel 2015 l’esordio sulla piattaforma di crowdfunding Universitiamo

«Il progetto in realtà è partito nel 2015 dalla piattaforma di crowdfunding di Universitiamo – racconta la professoressa Visai –.  L’intento già allora era di ottenere un nano vettore biocompatibile con i sistemi biologici in grado di selezionare le sole cellule tumorali, con l’obiettivo di migliorare l’efficacia del trattamento chemioterapico del carcinoma mammario. Inoltre, grazie al sostegno delle borse di studio per giovani ricercatori della Fondazione Umberto Veronesi, sono state realizzate delle pubblicazioni e fatta un’azione di sensibilizzazione delle giovani generazioni nelle scuole. Importante, in tal senso, è stata l’interazione con i membri di diverse associazioni, tra cui Yac Italia, Europa Donna Italia e Attive».

Le nuove sfide del 2021: sviluppare un sistema tridimensionale in vitro e nuovi farmaci

I risultati ottenuti nel 2015 hanno permesso alle ricercatrici di sviluppare la piattaforma di nanosfere d’oro intelligenti con diversi tipi di biopolimeri compatibili e di aggiungere successivamente al progetto nuove sfide. «Nel marzo del 2021 ritorniamo ad avere visibilità sulla piattaforma di crowdfunding Universitiamo perché il lavoro si focalizza su nuovi farmaci in grado di arrivare in modo più selettivo alle cellule tumorali e di ridurre in questo modo gli effetti collaterali che la terapia chemioterapica può dare – spiega ancora la professoressa Visai -. Quindi oggi puntiamo, non solo a ridurre il farmaco utilizzato, ma anche a sviluppare un sistema tridimensionale in vitro in grado di simulare, il più possibile, le condizioni in vivo. In questo modo è possibile ridurre gli esperimenti su animali ed avere risposte mirate».

Nano sistemi d’oro per trattare le metastasi ossee

Il lavoro di Visai e Bloise pertanto è entrato a far parte del centro 3R (REPLACEMENT, REDUCTION, REFINEMENT) che ha lo scopo proprio di ridurre la sperimentazione su animali, rendendo comunque attendibile la ricerca. Un metodo che l’Europa ha attivato sin dal 2010, ma a cui l’Italia si è adeguata in ritardo solo in tempi più recenti. «Nel 2018 siamo entrati a far parte del centro 3R – riprende Visai -, per affinare la ricerca con un sistema tridimensionale e in tal senso l’ultima sfida punta a sviluppare nano sistemi d’oro in grado di trattare le metastasi ossee che rappresentano una delle sedi metastatiche più frequenti nelle pazienti con tumore della mammella».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Il cerotto intelligente: lo applichi sulla pelle e ti “dice” come stai
I ricercatori dell’Università di Chicago: «Il nostro dispositivo è dotato di un chip che, imitando il cervello umano, è in grado di raccogliere dati da più biosensori e trarre conclusioni sulla salute di una persona». In futuro potrebbe essere utilizzato anche per inviare avvisi a pazienti e medici in caso di necessità
Giffoni Innovation Hub, grande accoglienza per “Hai mai visto un unicorno?”, il cortometraggio che parla di vita e di SMA
Ragazzi dai 18 ai 30 anni hanno partecipato alla presentazione del film realizzato da Famiglie SMA, OMaR e GoGo Frames ponendo numerose domande per giungere a una riflessione: necessario parlare, raccontarsi ed essere ascoltati, soprattutto quando c’è di mezzo una disabilità
Tumore al seno HER2+ metastatico: EMA approva uso ampliato trastuzumab deruxtecan
Trastuzumab deruxtecan, l’ADC di Daiichi Sankyo e AstraZeneca, ha ottenuto in UE l’estensione dell’indicazione per il carcinoma mammario come monoterapia per il trattamento di pazienti adulti con carcinoma mammario HER2 positivo non resecabile o metastatico che hanno ricevuto uno o più precedenti regimi a base di anti-HER2. Trastuzumab deruxtecan è un anticorpo monoclonale farmaco-coniugato specificamente […]
La ricerca non può avere confini amministrativi, intervenga l’Autorità Garante
di Luigi Cajazzo, Direttore Generale Fondazione Ricerca Biomedica Lombardia
di Luigi Cajazzo, Direttore Generale Fondazione Ricerca Biomedica Lombardia
Tumore al seno e oncologia territoriale: le dieci priorità delle associazioni dei pazienti alle istituzioni
Il documento riunisce per la prima volta le proposte di A.N.D.O.S. onlus, Europa Donna Italia, F.A.V.O. Donna Incontra Donna onlus e Salute Donna onlus, per una presa in carico territoriale più vicina alle pazienti e alle loro famiglie
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...