Salute 5 Luglio 2019

Ricerca clinica, in Italia pochi fondi pubblici e troppa burocrazia. Mandelli (Fofi): «Serve credito di imposta totale per le aziende»

Il Presidente della Federazione Ordini farmacisti Italiani interviene sul tema della ricerca clinica: «Nonostante le difficoltà la capacità dei nostri ricercatori è così forte che vince ogni fatica e i loro successi sono i successi di una Italia che non si vuole arrendere»

Immagine articolo

L’Italia, purtroppo, non brilla in Europa negli investimenti per la ricerca: il nostro Paese, anche secondo l’ultimo Documento di economia e finanza, potrà raggiungere al massimo la quota dell’1’53% nel 2020 nel rapporto tra investimenti nella ricerca e Prodotto interno lordo. Ma allora cosa si può fare per invertire il trend? Se n’è parlato al Convegno “Ricerca clinica in Italia” nell’Aula dei Gruppi Parlamentari della Camera convocato dall’AFI, l’Associazione Farmaceutici dell’Industria, da Fadoi, Società scientifica di medicina interna e da GIDM, Gruppo italiano Data Manager. Sono state sviluppate anche alcune delle proposte emerse al 5° Convegno Nazionale sulla Ricerca indipendente in Italia: dall’aumento dei fondi per la ricerca alla semplificazione burocratica fino alla possibilità di valutare i Direttori generali delle Asl e degli IRCCS anche in base alla promozione della ricerca clinica. «C’è una grande asimmetria tra cittadino e Stato. Lo Stato si può permettere molto, il cittadino poco. Il peso burocratico nella ricerca diventa un costo occulto che non facilita sotto questo profilo», sottolinea a Sanità Informazione Andrea Mandelli, deputato Forza Italia e Presidente della FOFI, Federazione Ordini farmacisti Italiani. Secondo Mandelli una delle soluzioni è quella di garantire alle aziende un credito di imposta totale sulla ricerca.

LEGGI: RICERCA CLINICA, ECCO NORA: IL SOFTWARE AL SERVIZIO DEI PAZIENTI E DELLA SCIENZA

Presidente, la situazione della ricerca clinica non è facile in Italia, perché il famoso 3% del Pil è lontano, è all’1,29% e ci sono tanti oneri burocratici. Voi cosa chiedete al governo, cosa si può fare per facilitare e aiutare la ricerca?
«Sostanzialmente quello che abbiamo sempre ritenuto fondamentale nel Paese che sicuramente annovera le menti più brillanti sotto il profilo della ricerca: ci viene riconosciuto in tutto il mondo questa nostra capacità, questa nostra italianità, rigorosi ma anche creativi quando serve. Bisognerebbe riuscire a fare in modo che le aziende abbiano un credito di imposta totale su quello che possono fare ed investimenti che siano controllati, certificati. Sarebbe importante cercare di fare in maniera che tutta la burocrazia, che è una malattia del paese, possa essere valutata per una volta dalla parte di chi fa rispetto allo Stato che chiede. C’è una grande asimmetria tra cittadino e Stato. Lo Stato si può permettere molto, il cittadino poco. Il peso burocratico nella ricerca diventa un costo occulto che non facilita sotto questo profilo. Purtroppo il Paese è in un momento un po’ delicato però non possiamo neanche dire che sia un momento particolarmente delicato, perché se siamo sempre così vuol dire che questo è il nostro sistema metrico decimale. Anche in legge di Bilancio ho sempre insistito per avere molta più flessibilità per le aziende che fanno ricerca, ricerca seria, capacità di mettersi dalla loro parte, non solo dalla parte del burocrate che valuta tutto con un timbro o con una facile spunta dei documenti che sono necessari per arrivare alla fine del percorso. È un auspicio perché i problemi del Paese sono tantissimi e comunque i dati su quanto investiamo in ricerca sono molto lontani dal necessario ma anche da quello che è previsto dalla normativa».

Non è un paradosso che i ricercatori italiani sono i più bravi, ma nonostante questo quello che si destina alla ricerca è poco. Forse bisognerebbe favorire la sinergia pubblico-privato…
«Per forza. Sarebbe fondamentale anche che le università fossero più in grado di dare una mano allo sviluppo, alla ricerca pubblica, con fondi che devono essere parametrati a quelle che sono le sono le necessità di una ricerca. Purtroppo questo non è così ma nonostante tutto ciò tengo a sottolineare che la capacità dei nostri ricercatori è così forte che vince ogni fatica e i loro successi sono i successi di una Italia che non si vuole arrendere».

Articoli correlati
“Dimissioni” medici in Francia, Anelli (FNOMCeO): «Soffia un vento nuovo in Europa»
Il presidente della Fnomceo Filippo Anelli, su Facebook, manifesta vicinanza ai colleghi francesi che si sono ‘dimessi’ in massa dalle loro funzioni amministrative e traccia un parallelo con gli Stati Generali avviati in Italia
Medicina interna, Dario Manfellotto è il nuovo presidente Fadoi
Parla il nuovo presidente della Federazione delle Associazioni Dirigenti Ospedalieri Internisti Fadoi per il triennio 2020-2022: «L'obiettivo è porre la medicina interna al centro del sistema sanitario, come vero baricentro dell’Ospedale. L’internista è il direttore d’orchestra, uno specialista della complessità che favorisce l’integrazione e il coordinamento tra le varie specialità»
Cancro al seno, ecco i tre studi più significativi presentati al San Antonio Breast Cancer Symposium
Riguardano il carcinoma mammario HER-2 positivo le novità più dirompenti presentate al simposio texano. La classifica degli abstract più interessanti secondo Lucia Del Mastro (Università di Genova), PierFranco Conte (Università di Padova) e Michelino De Laurentiis (Fondazione Pascale di Napoli)
di Giulia Cavalcanti, Inviata in Texas
Cancro al seno, dal Texas nuove speranze per pazienti con tumore metastatico HER2 positivo
Presentati al San Antonio Breast Cancer Symposium i risultati dello studio Destiny-Breast01: la risposta del tumore al Trastuzumab Deruxtecan ha raggiunto il 60,9%. Curigliano (IEO): «Il lavoro migliore, cambierà la pratica clinica. L'Italia agevoli l’accesso alle terapie innovative»
di Giulia Cavalcanti, inviata in Texas
Ricerca, pochi fondi ma tante eccellenze. Leonardi (Carlo Besta): «Qui è difficile ma vale la pena restare»
Insignita del premio 100 eccellenze italiane, la ricercatrice Matilde Leonardi racconta la sua esperienza: «Da più di 30 anni mi occupo di ricerca sulla disabilità in Italia e nel mondo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook

Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto ...