TecHealth 4 Febbraio 2019 13:52

Ricerca clinica, ecco Nora: il software al servizio dei pazienti e della scienza

Lilija Kircheis (Boehringer Ingelheim): «Gli Stati Uniti rappresentano il Paese di partenza, ma il nostro impegno è verso tutti i pazienti del mondo»

di Isabella Faggiano
Ricerca clinica, ecco Nora: il software al servizio dei pazienti e della scienza

Partecipare ad uno studio clinico rimanendo comodamente seduti sulla poltrona di casa? Da oggi è possibile, almeno in America. Grazie a Nora (Network Oriented Research Assistant), una piattaforma software che utilizza tecnologie mobili e di telemedicina, tutti i pazienti che lo vorranno potranno offrire il loro contributo per la ricerca scientifica, indipendentemente dal luogo in cui vivono.

È stata Science 37, leader di settore nell’ambito degli studi clinici virtuali, a concedere all’azienda farmaceutica Boehringer Ingelheim la licenza per l’utilizzo di Nora per condurre studi clinici da remoto. «Grazie ad una piattaforma come Nora – ha spiegato  Thor Voigt, Chief Medical Officer di Boehringer Ingelheim  – i pazienti possono partecipare agli studi clinici nella maniera più agevole per loro, da luoghi differenti e con orari più flessibili. Questo è fondamentale per aumentare la percezione da parte dei pazienti di essere partner inestimabili nell’aiutarci a sviluppare e fornire nuove terapie in tutto il mondo».

Grazie a Nora i ricercatori potranno  interagire direttamente con i partecipanti allo studio in ogni sua fase: dallo screening e reclutamento, fino alla raccolta dati. «La nostra collaborazione con Boehringer Ingelheim – ha detto Chris Ceppi, Chief Product Officer di Science 37- ci consente di accrescere il numero di studi clinici da remoto, e di avere studi su più vasta scala, un’ottima notizia sia per i pazienti, che per i ricercatori». Un doppio beneficio, dunque, a favore sia della ricerca che della cura: gli studiosi avranno sempre un accesso immediato alle informazioni e, contemporaneamente, potranno monitorare l’aderenza terapeutica dei pazienti.

Per ora, l’accordo tra Boehringer Ingelheim e Science 37 è limitato all’utilizzo di Nora negli Usa, ma i progetti futuri guardano ben oltre questo orizzonte: «Gli Stati Uniti rappresentano il Paese di partenza per questa collaborazione in ambito tecnologico  – ha sottolineato Lilija Kircheis, responsabile internazionale Ricerche Cliniche di Boehringer Ingelheim -. Ma il nostro impegno è verso tutti i pazienti del mondo. Puntiamo a estendere l’impiego di questo nuovo approccio e democratizzare il concetto di ricerca clinica e sviluppo farmacologico – ha concluso Lilija Kircheis – in tutto il mondo».

LEGGI ANCHE: I MEDICI DEL SAN RAFFAELE LAVORANO IN «BOLLE DI FUTURO». L’INTERVISTA AL DIRETTORE DEL CENTRO TECNOLOGIA AVANZATA

Articoli correlati
La “scatola nera” dell’apparato digerente: con l’enteroscopia e la videocaspula l’intestino tenue non ha più segreti
La ricercatrice dell’università Cattolica: «Non si tratta di tecniche nuove, piuttosto è il loro perfezionamento a poter essere considerato innovativo. Presto utilizzeremo l’enteroscopia a spirale motorizzata, che offre una diagnosi più veloce ed un trattamento più efficace»
di Isabella Faggiano
Q-rare e Pangea: le idee hi-tech che migliorano il lavoro dei farmacisti e la vita dei pazienti
Un’app e un network realizzati da giovani cervelli che hanno vinto la sfida lanciata da HackErare, l’hackaton virtuale sulle malattie rare promosso da CSL Behring nell’ambito del più ampio Progetto Pronti, con il contributo scientifico e intellettuale della Società Italiana di Farmacia Ospedaliera
di Isabella Faggiano
Pubertà precoce, Bambin Gesù: «Casi più che raddoppiati durante il lockdown»
Più del doppio, rispetto allo scorso anno, le vicende di pubertà anticipata o precoce registrate all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma durante i mesi iniziali della pandemia
Covid, stress post traumatico per un sanitario su tre
Isabel Fernandez (presidente associazione EMDR Italia): «Serve supporto psicologico in ospedale per medici e infermieri. L'EMDR funziona»
Ge Healthcare nominata “2020 Global company of the year” per i suoi centri di comando basati sull’intelligenza artificiale
Intelligenza artificiale e algoritmi avanzati, con i Command Center GE Healthcare aiuta gli ospedali a migliorare l’efficienza e ottimizzare le risorse per offrire cure migliori ai pazienti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...