Salute 5 Dicembre 2018

Revoca membri Consiglio superiore di sanità, Ricciardi (ISS): «Sono scienziati di fama internazionale, Ministro avrebbe dovuto almeno ringraziarli»

Il Presidente dell’Istituto superiore di sanità commenta la scelta di revocare i trenta membri non di diritto del Css: «È comprensibile che il Ministro voglia un organismo di cui si fidi, ma molti si sono rammaricati»

Immagine articolo

La revoca dei trenta membri non di diritto del Consiglio superiore di sanità da parte del Ministro Giulia Grillo è stato un piccolo terremoto nel mondo della sanità italiana. Non perché la decisione non fosse lecita, ma perché inaspettata anche per i tanti medici e scienziati componenti dell’organo ausiliare: dal farmacologo Silvio Garattini al genetista Bruno Dallapiccola, la scelta ha colto molti di sorpresa. Un segnale di discontinuità che non è piaciuto nemmeno alla Presidente del Consiglio superiore di Sanità Roberta Siliquini che ha parlato di «decisione incomprensibile». Abbiamo chiesto una opinione a Walter Ricciardi, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità e membro di diritto dell’organismo (così come i vertici Aifa), che sottolinea come la decisione sia una «prerogativa del Ministro» al quale però imputa uno scarso garbo istituzionale: «È un lavoro impegnativo, sarebbe stato più opportuno ringraziarli e poi scegliere i nuovi componenti».

LEGGI ANCHE: REVOCA DEL CONSIGLIO SUPERIORE DI SANITA’, GIULIA GRILLO: «HO DECISO DI DARE SEGNALE DI DISCONTINUITA’. ALCUNI MEMBRI POTRANNO ESSERE RINOMINATI»

Presidente, il Ministro ha revocato i membri del Consiglio superiore di sanità. Come valuta questa decisione?

«Penso sia naturale e comprensibile. Il Consiglio Superiore di Sanità – sottolineo – è l’organismo di consulenza del Ministro e non del Ministero, nato nel 1888, molto prima che nascesse il SSN, con la legge Crispi-Pagliani proprio per aiutare il Ministro, anzi in quel caso il Presidente del Consiglio dato che non c’era il Ministero, a prendere decisioni difficili su argomenti complessi come la salute. Per cui è importante avere un Consiglio di cui il Ministro abbia fiducia e capace dal punto di vista delle competenze, cosa che do per scontata perché è il massimo organismo quindi le persone che vengono selezionate devono essere le più brave nei loro settori».

È mancato forse garbo istituzionale?

«Certo è un po’ una mossa forte, forse sarebbe stato meglio informarli di persona e anche ringraziarli perché molti di loro fanno questo lavoro anche dal precedente Consiglio: si tratta di grandi scienziati, persone di grandissimo livello internazionale e nazionale che hanno lavorato per quattro anni con un impegno forte. Io ci sono stato nel Consiglio superiore di Sanità sia come membro nominato dal Ministro che come membro di diritto ed è un lavoro impegnativo, di grande responsabilità: sarebbe stato più opportuno ringraziarli e poi scegliere i nuovi componenti. Sarebbe stato meglio fare così e infatti molti di loro si sono rammaricati per questo».

C’è una persona che lei vedrebbe bene nel Consiglio?

«La scelta è del Ministro, mi auguro e sono sicuro che sceglierà le persone migliori nelle diverse specialità».

Articoli correlati
AIL incontra il ministro Grillo: «Garantire accesso tempestivo alle cure CAR-T»
In occasione dei 50 anni dalla sua fondazione l’Associazione Italiana contro Leucemie, linfomi e mieloma ha presentato la sua attività di supporto ai pazienti ematologici in tutta Italia e affrontato le prospettive future nella cura dei tumori del sangue
Il primo anno del ministro della Salute Giulia Grillo: vaccini, liste d’attesa e ddl aggressioni
Dinanzi alle Commissioni riunite Sanità e Affari sociali di Senato e Camera, il Ministro specifica che «non ci saranno tagli in sanità»
Liste d’attesa, insediato l’Osservatorio nazionale. Il ministro Grillo: «Così restituiamo sanità pubblica a cittadini»
Ieri pomeriggio al ministero della Salute, alla presenza del ministro Giulia Grillo, si è insediato l’Osservatorio nazionale liste d’attesa e si è svolta la prima riunione. «Siamo qui non solo per attivare un osservatorio operativo che possa concretamente vigilare sull’efficienza delle liste d’attesa – dichiara il Ministro in una nota -, ma per lavorare insieme […]
Maratona Patto per la Salute, Giulia Grillo: «Servono risorse e serve usarle meglio»
In corso la “Maratona” per arrivare a chiudere il Patto della Salute. Sul tavolo temi quali l’autonomia regionale e il reperimento delle risorse. «Non nego che recuperare risorse per la sanità sarebbe importante – ha spiegato il ministro della Salute, Giulia Grillo – ma vediamo anche come organizzare meglio quelle che abbiamo»
Patto per la Salute, il pessimismo di FNOMCeO: «Soluzioni conservatrici e medici non ascoltati»
I vertici della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri pongono l’accento su una serie di criticità. Il presidente Anelli: «Contrari al fatto che i giovani medici possano entrare nel SSN senza un’adeguata formazione e sbalorditi del giudizio sull’Accordo collettivo nazionale della medicina generale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...