Salute 5 Dicembre 2018

Revoca membri Consiglio superiore di sanità, Ricciardi (ISS): «Sono scienziati di fama internazionale, Ministro avrebbe dovuto almeno ringraziarli»

Il Presidente dell’Istituto superiore di sanità commenta la scelta di revocare i trenta membri non di diritto del Css: «È comprensibile che il Ministro voglia un organismo di cui si fidi, ma molti si sono rammaricati»

Immagine articolo

La revoca dei trenta membri non di diritto del Consiglio superiore di sanità da parte del Ministro Giulia Grillo è stato un piccolo terremoto nel mondo della sanità italiana. Non perché la decisione non fosse lecita, ma perché inaspettata anche per i tanti medici e scienziati componenti dell’organo ausiliare: dal farmacologo Silvio Garattini al genetista Bruno Dallapiccola, la scelta ha colto molti di sorpresa. Un segnale di discontinuità che non è piaciuto nemmeno alla Presidente del Consiglio superiore di Sanità Roberta Siliquini che ha parlato di «decisione incomprensibile». Abbiamo chiesto una opinione a Walter Ricciardi, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità e membro di diritto dell’organismo (così come i vertici Aifa), che sottolinea come la decisione sia una «prerogativa del Ministro» al quale però imputa uno scarso garbo istituzionale: «È un lavoro impegnativo, sarebbe stato più opportuno ringraziarli e poi scegliere i nuovi componenti».

LEGGI ANCHE: REVOCA DEL CONSIGLIO SUPERIORE DI SANITA’, GIULIA GRILLO: «HO DECISO DI DARE SEGNALE DI DISCONTINUITA’. ALCUNI MEMBRI POTRANNO ESSERE RINOMINATI»

Presidente, il Ministro ha revocato i membri del Consiglio superiore di sanità. Come valuta questa decisione?

«Penso sia naturale e comprensibile. Il Consiglio Superiore di Sanità – sottolineo – è l’organismo di consulenza del Ministro e non del Ministero, nato nel 1888, molto prima che nascesse il SSN, con la legge Crispi-Pagliani proprio per aiutare il Ministro, anzi in quel caso il Presidente del Consiglio dato che non c’era il Ministero, a prendere decisioni difficili su argomenti complessi come la salute. Per cui è importante avere un Consiglio di cui il Ministro abbia fiducia e capace dal punto di vista delle competenze, cosa che do per scontata perché è il massimo organismo quindi le persone che vengono selezionate devono essere le più brave nei loro settori».

È mancato forse garbo istituzionale?

«Certo è un po’ una mossa forte, forse sarebbe stato meglio informarli di persona e anche ringraziarli perché molti di loro fanno questo lavoro anche dal precedente Consiglio: si tratta di grandi scienziati, persone di grandissimo livello internazionale e nazionale che hanno lavorato per quattro anni con un impegno forte. Io ci sono stato nel Consiglio superiore di Sanità sia come membro nominato dal Ministro che come membro di diritto ed è un lavoro impegnativo, di grande responsabilità: sarebbe stato più opportuno ringraziarli e poi scegliere i nuovi componenti. Sarebbe stato meglio fare così e infatti molti di loro si sono rammaricati per questo».

C’è una persona che lei vedrebbe bene nel Consiglio?

«La scelta è del Ministro, mi auguro e sono sicuro che sceglierà le persone migliori nelle diverse specialità».

Articoli correlati
Carenza medici, in 15 anni il Servizio sanitario nazionale perderà 14mila camici bianchi
Uno studio dell'Osservatorio Nazionale sulla Salute nelle Regioni Italiane lancia l'allarme: «Non è stata fatta una programmazione adeguata». FNOMCeO: «Confermiamo il dato»
Decreto Calabria, Grillo: «Il commissariamento “alla vecchia maniera” non ha funzionato»
Previsto per oggi il Consiglio dei Ministri che per l'occasione si riunirà proprio a Reggio Calabria. Nominati commissario ad acta per la sanità e sub commissario l'ex generale Nas Cotticelli e il manager sanitario Thomas Schael
Specializzandi, Di Silverio (Anaao): «Contratto di formazione unico vuol dire maggiori tutele»
«Non vuol dire sostituzione del personale di ruolo. - Spiega Di Silverio - Perché verrebbero mantenuti i cardini della legge 368 del ’99, che regolamenta il processo di formazione del medico»
Patto per la salute, Grillo: «Va potenziata l’assistenza territoriale». Pronto il decreto Calabria
Una riunione tra Regioni e Ministero ha definito l'operatività sui temi da affrontare nel prossimo Patto. Previsto per domani il Consiglio dei Ministri dove si approverà lo sblocco del tetto di spesa per il personale Servizio Sanitario Nazionale
Italia-Serbia, intesa tra i ministri Grillo e Loncar: vedute comuni su trapianti, politiche di trasparenza sui farmaci e nuove etichettature alimentari
Incontro al Ministero della Salute tra il ministro Giulia Grillo e il collega della Serbia, Zlativor Loncar.  «Al centro dell’incontro – si legge nella nota di Lungotevere Ripa – la prosecuzione e il rafforzamento della collaborazione nel campo della salute e delle scienze mediche, che negli ultimi anni si è particolarmente approfondita nei settori dei trapianti d’organo e del […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Equivalenza titoli, TAR Lazio accoglie ricorso ANEP. L’avvocato Croce (Consulcesi & Partners): «Risultato apre strada anche alle altre figure»

Questo provvedimento impone l’avvio di iniziative dirette a far sì che si proceda all’individuazione dei criteri e delle modalità per il riconoscimento dell’equivalenza dei titoli conseguiti c...
Lavoro

Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)

Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
Salute

Ecco la verità sugli integratori: business o vera salute? Facciamo chiarezza con Alessandro Mugelli (Presidente Società Italiana Farmacologia)

Cosa c’è dietro al boom inarrestabile e miliardario degli integratori alimentari? «Con uno stile di vita corretto ed un’alimentazione varia e completa non c’è nessun motivo di usare integrato...