Salute 5 dicembre 2018

Revoca membri Consiglio superiore di sanità, Ricciardi (ISS): «Sono scienziati di fama internazionale, Ministro avrebbe dovuto almeno ringraziarli»

Il Presidente dell’Istituto superiore di sanità commenta la scelta di revocare i trenta membri non di diritto del Css: «È comprensibile che il Ministro voglia un organismo di cui si fidi, ma molti si sono rammaricati»

Immagine articolo

La revoca dei trenta membri non di diritto del Consiglio superiore di sanità da parte del Ministro Giulia Grillo è stato un piccolo terremoto nel mondo della sanità italiana. Non perché la decisione non fosse lecita, ma perché inaspettata anche per i tanti medici e scienziati componenti dell’organo ausiliare: dal farmacologo Silvio Garattini al genetista Bruno Dallapiccola, la scelta ha colto molti di sorpresa. Un segnale di discontinuità che non è piaciuto nemmeno alla Presidente del Consiglio superiore di Sanità Roberta Siliquini che ha parlato di «decisione incomprensibile». Abbiamo chiesto una opinione a Walter Ricciardi, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità e membro di diritto dell’organismo (così come i vertici Aifa), che sottolinea come la decisione sia una «prerogativa del Ministro» al quale però imputa uno scarso garbo istituzionale: «È un lavoro impegnativo, sarebbe stato più opportuno ringraziarli e poi scegliere i nuovi componenti».

LEGGI ANCHE: REVOCA DEL CONSIGLIO SUPERIORE DI SANITA’, GIULIA GRILLO: «HO DECISO DI DARE SEGNALE DI DISCONTINUITA’. ALCUNI MEMBRI POTRANNO ESSERE RINOMINATI»

Presidente, il Ministro ha revocato i membri del Consiglio superiore di sanità. Come valuta questa decisione?

«Penso sia naturale e comprensibile. Il Consiglio Superiore di Sanità – sottolineo – è l’organismo di consulenza del Ministro e non del Ministero, nato nel 1888, molto prima che nascesse il SSN, con la legge Crispi-Pagliani proprio per aiutare il Ministro, anzi in quel caso il Presidente del Consiglio dato che non c’era il Ministero, a prendere decisioni difficili su argomenti complessi come la salute. Per cui è importante avere un Consiglio di cui il Ministro abbia fiducia e capace dal punto di vista delle competenze, cosa che do per scontata perché è il massimo organismo quindi le persone che vengono selezionate devono essere le più brave nei loro settori».

È mancato forse garbo istituzionale?

«Certo è un po’ una mossa forte, forse sarebbe stato meglio informarli di persona e anche ringraziarli perché molti di loro fanno questo lavoro anche dal precedente Consiglio: si tratta di grandi scienziati, persone di grandissimo livello internazionale e nazionale che hanno lavorato per quattro anni con un impegno forte. Io ci sono stato nel Consiglio superiore di Sanità sia come membro nominato dal Ministro che come membro di diritto ed è un lavoro impegnativo, di grande responsabilità: sarebbe stato più opportuno ringraziarli e poi scegliere i nuovi componenti. Sarebbe stato meglio fare così e infatti molti di loro si sono rammaricati per questo».

C’è una persona che lei vedrebbe bene nel Consiglio?

«La scelta è del Ministro, mi auguro e sono sicuro che sceglierà le persone migliori nelle diverse specialità».

Articoli correlati
Mense scolastiche, i Nas chiudono sette strutture. Grillo: «Non sono tollerati furbi e ‘cucine da incubo’»
«Cibi scaduti, gravi carenze igieniche, perfino topi e parassiti vari: un film dell’orrore - ha dichiarato il ministro della Salute, Giulia Grillo - . Come madre e come ministro mi indigna pensare che sulle tavole dei nostri figli, a scuola, possano finire escrementi, muffe o alimenti di dubbia origine. No ai furbi quando c'è in gioco la salute dei più piccoli»
40 anni SSN, Grillo: «No privatizzazione diritti fondamentali». Sulle aggressioni: «Più misure di sicurezza ma c’è problema sociale»
Davanti al Capo dello Stato il racconto di 40 anni di Servizio Sanitario Nazionale anche attraverso la testimonianza di persone comuni. Il Ministro della Salute ha chiesto l’appoggio dei Governatori «per combattere corruzione, malgoverno e promuovere servizi migliori»
Governance farmaceutica. Grillo: «Nessun taglio a risorse, saranno riallocate rispettando bisogni cittadini»
Il direttore dell’Aifa Li Bassi: «È  necessario un aggiornamento continuo del prontuario farmaceutico per coniugare innovazione, esigenze di salute della popolazione e disponibilità di fondi»
di Isabella Faggiano
Liste d’attesa, Piano del Governo trasmesso alle Regioni. Grillo: «Fondi triplicati in manovra. Mai stanziate in passato risorse su questo»
Il provvedimento prevede la digitalizzazione delle agende di prenotazione e l’uso delle classi di priorità per visite e ricoveri. «È un primo passo concreto verso un cambiamento reale. La sanità del Paese deve ritornare in cima alle priorità dell’agenda politica», sottolinea la titolare della Salute
Crotone, dottoressa aggredita con cacciavite. Anelli (FNOMCeO): «Parole non bastano più: Ddl aggressioni diventi Decreto legge»
L’uomo, arrestato, rimproverava alla professionista di non aver fatto abbastanza per salvare la vita della madre. «Le brutalità nei confronti dei lavoratori della sanità sono, ormai, all’ordine del giorno. Il Parlamento approvi presto il Ddl antiviolenza. Tutta la mia solidarietà alla dottoressa», ha affermato il Ministro della Salute Giulia Grillo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...