Salute 1 Febbraio 2019 11:25

Retinopatia diabetica, oltre un milione di italiani rischiano la vista. Febbraio mese della prevenzione

Mediamente il 30-50% della popolazione diabetica è affetto da retinopatia in forma di varia gravità. Dal 4 al 28 febbraio visite oculistiche gratuite con attrezzature all’avanguardia come l’EyeAr

di Isabella Faggiano

È la patologia più comune tra i diabetici e la principale causa di menomazione della vista e cecità tra gli adulti in età lavorativa. Si tratta della retinopatia diabetica, una malattia che, solo in Italia, colpisce circa un milione di persone. «Individuare precocemente la retinopatia è una parte importante della gestione delle cure per i milioni di pazienti che soffrono di diabete, ma il 50% di loro non si sottopone a visita oculista annuale, così come sarebbe consigliato». È Lucio Buratto, direttore scientifico del Centro Ambrosiano Oftalmico, Camo, a mettere in guardia i pazienti diabetici sulle conseguenze che questa patologia ha sulla vista.

LEGGI ANCHE: SALUTE, IL 50% DEGLI ITALIANI NON FA MAI CONTROLLI DELLA VISTA

Rischi seri per la salute che hanno spinto lo stesso Centro Ambrosiano Oftalmico, in collaborazione con l’ospedale San Raffaele di Milano, ad organizzare, per il mese di febbraio, screening gratuiti dedicati alla prevenzione della retinopatia e maculopatia diabetica. «In trenta diversi centri, presenti su tutto il territorio nazionale – ha spiegato Buratto –  gli specialisti saranno a completa disposizione dei cittadini, dal 4 al 28 febbraio 2019, per effettuare una visita oculistica gratuita, volta alla rilevazione di queste due invalidanti patologie che, se non diagnosticate per tempo, possono portare alla cecità». (Per prenotare una visita gratuita consultare il sito o www.maculopatie.com).

Una campagna nata anche per rispondere ad un aumento vertiginoso degli individui costretti a convivere con queste patologie. In poco più di trent’anni i pazienti diabetici sono praticamente raddoppiati: si è passati dai 2,4 milioni del 1980 ai 4,3 milioni del 2014. Incremento dell’obesità e del sovrappeso, vita troppo sedentaria, alimentazione ricca di zuccheri, sono solo alcune dei motivi di questa crescita esponenziale. Più in dettaglio, secondo quanto riportato dalla Società Oftalmologica Italiana e dalla Società Italiana di Diabetologia, quando il diabete mellito viene diagnosticato oltre i 30 anni di età, la prevalenza di retinopatia diabetica varia tra il 21% negli individui con diabete insorto da meno di 10 anni e il 76% in quelli con più di 20 anni dalla diagnosi di diabete. Mediamente il 30-50% della popolazione diabetica è affetto da retinopatia in forma di varia gravità.

LEGGI ANCHE: ALCOL E FUMO POSSONO CAMBIARE I COLORI DEL MONDO. IL DALTONISMO SPIEGATO DAL PROFESSOR TROIANO (SOI)

«È la prima volta che, in occasione del mese della prevenzione della maculo e retinopatia diabetiche, questa campagna coinvolge l’intera penisola», ha specificato lo specialista. Gli screening saranno effettuati da equipe medico-infermieristiche dotate di attrezzature all’avanguardia tra cui EyeArt: «Si tratta di un programma software che utilizza un algoritmo di intelligenza artificiale che, dopo aver fotografato la retina del paziente, la invia in California. In 60 secondi si riceverà la diagnosi, accurata nel 90% dei casi. Laddove fosse riscontrato un rischio di maculo e retinopatia diabetiche – ha continuato Buratto – il paziente verrà indirizzato verso visite specialistiche. Un sistema di questo tipo, che può essere utilizzato anche da un infermiere o da un medico non specialista, consente di fare screening in fasce molto ampie della popolazione – ha concluso il direttore scientifico Camo -, estendendo e velocizzando la possibilità di giungere a diagnosi precoci, più facili ed accessibili».

Articoli correlati
L’olio evo contrasta diabete, ipertensione e sindrome metabolica
L'olio extravergine di oliva (Evo) gioca un ruolo chiave nel contrastare l'insorgenza delle patologie cronico-degenerative non trasmissibili come il diabete mellito, l'ipertensione arteriosa, la sindrome metabolica, i tumori, le malattie a carico del sistema nervoso e la malattia renale cronica. Lo confermano le ricerche condotte e in corso all'Università degli Studi di Roma Tor Vergata
di V.A.
Diabete di tipo 2: remissione possibile con stile di vita sano, benefici anche per cuore e reni
Il diabete di tipo 2 può essere "curato" perdendo peso e, in generale, adottando uno stile di vita sano, riducendo significativamente il rischio di malattie cardiovascolari e renali. Queste sono le conclusioni di uno studio dell’Associazione europea per lo studio del diabete (EASD), pubblicato sulla rivista Diabetologia
Diabete di tipo 1, se compare in bimbi under 10 ruba 16 anni di vita
L'Italia è il primo paese al mondo ad aver istituito uno screening del diabete di tipo 1 che come prima e importante conseguenza positiva consentirà di prevenire la chetoacidosi. Oggi infatti il 40% delle diagnosi di diabete di tipo 1 avviene in ritardo a seguito di un esordio drammatico, Senza contare che, quando la malattia ha un esordio precoce, prima dei 10 anni di età, si possono arrivare a perdere ben 16 anni di aspettativa di vita. Questi sono i messaggi lanciati da Valentino Cherubini, presidente della Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica (Siedp) che lancia un appello in occasione della Giornata Mondiale del Diabete che si celebra domani
di V.A.
Giornata mondiale della vista, il 20% degli over 65 ha un problema e non lo sa
Quasi una persona con più di 65 anni d'età su 4 credono di vedere bene, ma in realtà presentano i segni iniziali di patologia della vista molto gravi. A lanciare l'allarme è stata l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità, IAPB Italia Onlus, in vista della Giornata Mondiale della Vista che si celebra il 12 ottobre
Diabete: nuove linee guida per il trattamento delle malattie cardiovascolari
Sono state pubblicate le nuove linee guida per le malattie cardiovascolari nelle persone con diabete. Molti i temi trattati: dalla stratificazione del rischio cardiovascolare allo screening fino alla diagnosi e il trattamento. Le linee guida valutano e riassumono le evidenze scientifiche disponibili al momento della loro stesura, con l’obiettivo di supportare gli operatori sanitari nel proporre il miglior approccio diagnostico o terapeutico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...