Salute 8 Aprile 2019

Reti oncologiche, Beretta (Aiom): «Al sud meno incidenza ma sopravvivenza più bassa: colpa di difficoltà organizzative importanti»

Il presidente eletto dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica promuove la legge che ha istituito la rete del registro tumori: «Fondamentale per poter gestire anche l’organizzazione delle realtà ospedaliere e delle reti sulla base dei numeri»

Immagine articolo

L’importanza delle reti oncologiche e la nuova legge sulla rete del registro tumori. Sono due dei temi di cui abbiamo parlato con Giordano Beretta, Responsabile dell’Oncologia Medica di Humanitas Gavazzeni Bergamo e presidente eletto di Aiom, l’Associazione Italiana di Oncologia Medica. L’occasione è stata la presentazione in Senato della relazione sullo Stato dell’oncologia in Italia, in cui Beretta ha messo in evidenza le differenze che esistono tra le diverse regioni (soprattutto tra quelle del nord e quelle del sud) nella gestione dei pazienti con patologia tumorale. Beretta ha inoltre sottolineato la grande importanza dell’approvazione della rete nazionale dei registri tumore, varata dal Parlamento lo scorso 12 marzo, Un passo in avanti importante per avere una mappatura completa su scala nazionale dei malati di tumore, dati fondamentali per poter organizzare al meglio le realtà ospedaliere del territorio.

LEGGI ANCHE: ONCOLOGIA, STEFANIA GORI (AIOM): «BENE SUPPORTO PSICOLOGICO, PUNTARE SU PREVENZIONE: PUO’ ABBATTERE DEL 40% DIAGNOSI DI TUMORE»

Presidente, i dati che ha presentato, anche sulle reti oncologiche, parlano di una differenza abbastanza marcata tra nord e sud del paese. La preoccupano?

«Se uno va ad analizzare quelli che sono i dati dei registri tumori, quindi i dati di incidenza e di mortalità, si rende conto che l’incidenza al sud è più bassa che al nord ma al sud la sopravvivenza è più bassa che al nord e questo non è per l’incompetenza degli operatori ma è per limiti organizzativi. Questo vuol dire che non c’è un coordinamento tra le diverse strutture che consenta di gestire tutte le problematiche che i miei pazienti oncologici possono avere. Ovviamente la presenza di una rete consente in realtà di raccogliere tutte le tipologie di patologia e gestirle nel miglior modo possibile attraverso dei percorsi che siano standardizzati e quindi ottimizzati sulla base di quanto disponibile. Non avere una rete vuol dire una gestione più estemporanea. Al sud le reti sono un po’ più indietro, non che al nord siano perfette. Ci sono regioni al nord in cui ci sono stati rallentamenti sulla rete in realtà, però il concetto è che quantomeno un abbozzo di rete c’è stato mentre in alcune regioni del sud siamo alla delibera, o forse addirittura senza la delibera, quindi con le difficoltà organizzative importanti. Gli oncologi hanno cercato di risolvere parzialmente questa cosa creando dei Pdta, dei Piani diagnostico terapeutici assistenziali locali, che sono il modo migliore per gestire localmente il paziente ma che non hanno dietro tutto quel percorso organizzativo che una rete può fornire».

LEGGI ANCHE: REGISTRO TUMORI, E’ LEGGE L’ISTITUZIONE DELLA RETE NAZIONALE: M5S: «ORA POSSIBILE STUDIARE CON DATI CERTI IL LEGAME SALUTE- AMBIENTE E OFFRIRE CURE MIGLIORI»

Si è parlato della rete del registro tumori: perché è importante questa legge passata all’unanimità?

«Noi abbiamo ancora adesso, pur avendo delle realtà di registro tumori molto importante, ancora qualche area che è scoperta. La copertura è quasi totale ma ci sono ancora realtà su cui non abbiamo nessuna registrazione. Diciamo che se andiamo ad analizzare i dati di trend, cioè l’andamento del tempo, noi abbiamo una copertura che è nell’ordine del 60-70%. Una legge che definisca che esiste una rete di registri tumori su scala nazionale di fatto consente di avere un quadro complessivo di quella che è l’incidenza, la sopravvivenza, la prevalenza, la mortalità, cioè la possibilità di definire con esattezza quali sono le problematiche, i volumi e i problemi da affrontare, quindi di poter gestire anche l’organizzazione delle realtà ospedalieri e delle reti sulla base dei numeri».

Anche per vedere se c’è un’incidenza di qualche fattore ambientale?

«Sicuramente l’incidenza del fattore ambientale in questo modo può essere valutata anche se dobbiamo tenere presente che l’incidenza del fattore ambientale è una cosa che si vede a distanza di tempo, non nell’immediato. Però in realtà l’andamento dei trend è proprio quello che ci serve per dire che cosa è successo di diverso rispetto a quello che c’era prima che ha fatto cambiare questo andamento, in meglio o in peggio che sia. Avere una copertura del 100% dà la garanzia di poter vedere questi dati.

 

Articoli correlati
Oncologia, ai Merit Award eccelle l’università di Pisa. L’intervista al pluri-premiato Rossini: «Qui si punta sui giovani»
Si tratta del prestigioso premio del congresso mondiale dell'American Society of Clinical Oncology di Chicago. Sono 125 i giovani ricercatori premiati, 12 gli italiani
Bellezza in oncologia al Fatebenefratelli-Isola Tiberina: check-up cutanei, musicoterapia, trucco, filosofia e yoga
Check-up cutanei, manicure oncologica, make-up correttivo e corsi di autotrucco, yoga, meditazione, filosofia, scrittura creativa, musicoterapia e colorazione di mandala. Parte all’Ospedale Fatebenefratelli-Isola Tiberina, da una collaborazione con la Fondazione “La Cinque vie di Giorgio”, il progetto “Care of Me” – mi prendo cura di me – rivolto ai pazienti con tumore, che vede coinvolto […]
Oncologia, Stefania Gori (Aiom): «Bene supporto psicologico, puntare su prevenzione: può abbattere del 40% diagnosi di tumore»
La presidente dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica ha presentato in Senato il rapporto. Promossa l’assistenza psiconcologica: «È garantita in molte strutture oncologiche ma nella maggior parte dei casi è sostenuta dal volontariato o dalle associazioni dei pazienti in quanto non ci sono psiconcologi strutturati in tutte le oncologie italiane». E chiede alla politica di occuparsi dei bisogni assistenziali dei 3 milioni 400mila italiani che hanno avuto un tumore
Oncofertilità, Moffa (specialista in PMA): «Un figlio dopo il cancro? Non solo si può, ma si riesce»
L’esperta: «L’89% delle pazienti che hanno desiderato un figlio dopo la malattia oncologica hanno ottenuto il benestare degli esperti. Incinta 7 su 10»
di Isabella Faggiano
Terapia nutrizionale nel paziente oncologico? Ancora troppa confusione. Sinuc: «Nutrizione è terapia salvavita»
«Contestualmente all’elaborazione del piano terapeutico (chirurgia, chemio o radio) andrebbe studiato il piano nutrizionale di primo livello che può prevedere la prescrizione di supplementi orali» spiega il presidente della Sinuc Maurizio Muscaritoli