Salute 8 Aprile 2019

Reti oncologiche, Beretta (Aiom): «Al sud meno incidenza ma sopravvivenza più bassa: colpa di difficoltà organizzative importanti»

Il presidente eletto dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica promuove la legge che ha istituito la rete del registro tumori: «Fondamentale per poter gestire anche l’organizzazione delle realtà ospedaliere e delle reti sulla base dei numeri»

Immagine articolo

L’importanza delle reti oncologiche e la nuova legge sulla rete del registro tumori. Sono due dei temi di cui abbiamo parlato con Giordano Beretta, Responsabile dell’Oncologia Medica di Humanitas Gavazzeni Bergamo e presidente eletto di Aiom, l’Associazione Italiana di Oncologia Medica. L’occasione è stata la presentazione in Senato della relazione sullo Stato dell’oncologia in Italia, in cui Beretta ha messo in evidenza le differenze che esistono tra le diverse regioni (soprattutto tra quelle del nord e quelle del sud) nella gestione dei pazienti con patologia tumorale. Beretta ha inoltre sottolineato la grande importanza dell’approvazione della rete nazionale dei registri tumore, varata dal Parlamento lo scorso 12 marzo, Un passo in avanti importante per avere una mappatura completa su scala nazionale dei malati di tumore, dati fondamentali per poter organizzare al meglio le realtà ospedaliere del territorio.

LEGGI ANCHE: ONCOLOGIA, STEFANIA GORI (AIOM): «BENE SUPPORTO PSICOLOGICO, PUNTARE SU PREVENZIONE: PUO’ ABBATTERE DEL 40% DIAGNOSI DI TUMORE»

Presidente, i dati che ha presentato, anche sulle reti oncologiche, parlano di una differenza abbastanza marcata tra nord e sud del paese. La preoccupano?

«Se uno va ad analizzare quelli che sono i dati dei registri tumori, quindi i dati di incidenza e di mortalità, si rende conto che l’incidenza al sud è più bassa che al nord ma al sud la sopravvivenza è più bassa che al nord e questo non è per l’incompetenza degli operatori ma è per limiti organizzativi. Questo vuol dire che non c’è un coordinamento tra le diverse strutture che consenta di gestire tutte le problematiche che i miei pazienti oncologici possono avere. Ovviamente la presenza di una rete consente in realtà di raccogliere tutte le tipologie di patologia e gestirle nel miglior modo possibile attraverso dei percorsi che siano standardizzati e quindi ottimizzati sulla base di quanto disponibile. Non avere una rete vuol dire una gestione più estemporanea. Al sud le reti sono un po’ più indietro, non che al nord siano perfette. Ci sono regioni al nord in cui ci sono stati rallentamenti sulla rete in realtà, però il concetto è che quantomeno un abbozzo di rete c’è stato mentre in alcune regioni del sud siamo alla delibera, o forse addirittura senza la delibera, quindi con le difficoltà organizzative importanti. Gli oncologi hanno cercato di risolvere parzialmente questa cosa creando dei Pdta, dei Piani diagnostico terapeutici assistenziali locali, che sono il modo migliore per gestire localmente il paziente ma che non hanno dietro tutto quel percorso organizzativo che una rete può fornire».

LEGGI ANCHE: REGISTRO TUMORI, E’ LEGGE L’ISTITUZIONE DELLA RETE NAZIONALE: M5S: «ORA POSSIBILE STUDIARE CON DATI CERTI IL LEGAME SALUTE- AMBIENTE E OFFRIRE CURE MIGLIORI»

Si è parlato della rete del registro tumori: perché è importante questa legge passata all’unanimità?

«Noi abbiamo ancora adesso, pur avendo delle realtà di registro tumori molto importante, ancora qualche area che è scoperta. La copertura è quasi totale ma ci sono ancora realtà su cui non abbiamo nessuna registrazione. Diciamo che se andiamo ad analizzare i dati di trend, cioè l’andamento del tempo, noi abbiamo una copertura che è nell’ordine del 60-70%. Una legge che definisca che esiste una rete di registri tumori su scala nazionale di fatto consente di avere un quadro complessivo di quella che è l’incidenza, la sopravvivenza, la prevalenza, la mortalità, cioè la possibilità di definire con esattezza quali sono le problematiche, i volumi e i problemi da affrontare, quindi di poter gestire anche l’organizzazione delle realtà ospedalieri e delle reti sulla base dei numeri».

Anche per vedere se c’è un’incidenza di qualche fattore ambientale?

«Sicuramente l’incidenza del fattore ambientale in questo modo può essere valutata anche se dobbiamo tenere presente che l’incidenza del fattore ambientale è una cosa che si vede a distanza di tempo, non nell’immediato. Però in realtà l’andamento dei trend è proprio quello che ci serve per dire che cosa è successo di diverso rispetto a quello che c’era prima che ha fatto cambiare questo andamento, in meglio o in peggio che sia. Avere una copertura del 100% dà la garanzia di poter vedere questi dati.

 

Articoli correlati
Concerti in reparto per dare serenità ai malati oncologici. Compiono dieci anni i “Donatori di Musica”
L’associazione è nata nel 2009, da un’intuizione del compositore e producer discografico Gian Andrea Lodovici e dell’oncologo Maurizio Cantore. L’iniziativa in dieci anni di attività ha coinvolto più di 20mila pazienti per oltre 800 concerti principalmente in Italia, ma anche in Austria e negli Stati Uniti
di Federica Bosco
Trento, la bellezza entra nei reparti di Oncologia grazie al progetto “Donatori di Musica”
Trasformare le stanze di un reparto oncologico in sale concerto: una pausa di bellezza e convivialità durante un percorso terapeutico difficile e pieno di incertezze. Grazie a Donatori di Musica, quella che può sembrare un’utopia è da dieci anni una sorprendente realtà. Sin dal 2009, infatti, grazie ad un’intuizione del compositore e producer discografico Gian […]
Tumori, al Regina Elena San Gallicano di Roma l’evento “La bellezza resta anche in estate”
Il 21 Giugno entra l’estate e al Regina Elena San Gallicano venerdì 21 giugno dalle ore 14:00 alle 16:00 (Centro congressi multimediale IFO – aula B) si terrà l’evento per guidare le pazienti oncologiche al vivere al meglio “la bella stagione”. La pelle in estate, per le donne che seguono trattamenti oncologici, è molto delicata […]
Al congresso ASCO di oncologia di Chicago si “impara da ogni paziente”
“Farsi carico di ogni paziente. Imparare da ogni paziente”: con questo titolo significativo (“Caring for Every Patient, Learning from Every Patient”) Chicago ha ospitato il Meeting annuale dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO), evento centrale dell’oncologia mondiale che ha richiamato nella metropoli nordamericana oltre 40mila specialisti di settore. Gli oncologi dell’Istituto Oncologico Veneto – come […]
Oncologia, Beretta (Aiom): «Screening organizzati fondamentali. Grandi potenzialità per la medicina di precisione»
«La formazione dei medici è fondamentale: da quando mi sono laureato ad oggi sono cambiate tantissime cose. È necessario ridefinire un sistema di welfare per evitare costi aggiuntivi della malattia sui pazienti», così il presidente eletto Aiom a margine del convegno al Senato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...