Salute 23 Dicembre 2020 10:28

Report Gimbe, il calo dei casi si riduce ancora. Tendenza invertita in 6 regioni

La tendenza in flessione dei nuovi casi in Italia ha invertito la direzione in sei regioni, l’allarme di Gimbe. Diminuiscono ancora ricoveri e terapie intensive, scendono anche i decessi. Ora nuovi studi sulla variante inglese

Report Gimbe, il calo dei casi si riduce ancora. Tendenza invertita in 6 regioni

Continua ma si assottiglia la flessione di nuovi casi nella settimana 16-22 dicembre, secondo il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe. Sono 106.794 i nuovi casi, contro i 113.182 della scorsa settimana, a fronte di una sostanziale stabilità dei casi testati (465.534 vs 462.645) e in linea con la riduzione del rapporto positivi/casi testati (22,9% vs 24,5%). Diminuiscono i ricoverati con sintomi, che arrivano a 24.948 e le terapie intensive a quota 2.687. Scendono anche i decessi, da 4.617 a 3.985.

I dati

In dettaglio:

  • Decessi: 3.985 (-13,7%)
  • Terapia intensiva: -316 (-10,5%)
  • Ricoverati con sintomi: -2.394 (-8,8%)
  • Nuovi casi: 106.794 (-5,6%)
  • Casi attualmente positivi: -61.348 (-9,2%)
  • Casi testati +2.889 (+0,6%)
  • Tamponi totali: 28.289 (+2,6%)

«L’incremento percentuale dei casi infatti – afferma Renata Gili, responsabile Ricerca sui Servizi sanitari della Fondazione Gimbe – che la scorsa settimana era in flessione in tutto il Paese, questa settimana ha invertito la tendenza in 6 regioni». L’occupazione da parte di pazienti Covid supera ancora la soglia del 40% nei reparti di area medica in 9 regioni e quella del 30% nei reparti di terapia intensiva in 8 Regioni.

L’influenza della variante UK

Per il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta: «Al di là del potenziamento delle misure restrittive per il periodo di Natale, due fattori influenzeranno nei prossimi mesi l’evoluzione della pandemia nel nostro Paese: l’avvio della campagna vaccinale e la diffusione della variante UK recentemente isolata». Resta da capire se una maggiore trasmissibilità di questa mutazione verrà confermata dai dati e, di conseguenza, se potrà avere un effetto sui vaccini già messi a punto, che per ora le evidenze non mostrano.

«Considerato che le risposte a questi interrogativi non arriveranno tutte in tempi brevi – conclude Cartabellotta – occorre rivalutare complessivamente il piano di gestione pandemica, rafforzando ulteriormente le misure di contenimento dell’epidemia, incluso il tracciamento dei casi positivi alla nuova variante»

Vaccini, cosa aspettarsi?

Analizzando, infine, lo status di approvazione dei vaccini:

  • Le dosi certe sono solo poco più di 10 milioni entro marzo 2021 e 22,8 milioni entro giugno 2021: quelle del vaccino Pfizer-BioNTech, approvato dall’Ema il 21 dicembre, e quelle di Moderna che dovrebbe avere il via libera il prossimo 6 gennaio.
  • I vaccini di AstraZeneca e Johnson & Johnson sono in fase di rolling review (revisione ciclica), ovvero Ema valuta i dati man mano che vengono resi disponibili, ma nessuna delle due aziende ha ancora effettuato la submission dei dati completi per l’approvazione condizionata.
  • CureVac ha annunciato il 14 dicembre l’arruolamento del primo paziente nello studio di fase 3.
  • Sanofi-GSK ha già comunicato lo slittamento della consegna delle dosi al 2022.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Report Gimbe, i casi scendono ancora. Ma sui vaccini i tempi si dilatano
Ultimi effetti del decreto Natale, i casi scendono. Ma Covid non si ferma e in 5 regioni ancora i tassi di occupazione in area medica oltre 40%. Sui vaccini pesano le riduzioni di AstraZeneca e le attese di CureVac
Rapporto CREA Sanità, Spandonaro: «Dopo il Covid passare dalla resilienza alla flessibilità»
Presentato il 16mo Rapporto Sanità da CREA e Tor Vergata: «Pronti per la prossima pandemia? É come comprare gli spazzaneve a Roma». E sul Recovery Plan: «Sembra un piano di rifinanziamento più che un nuovo modello di SSN»
di Tommaso Caldarelli
Internet ai tempi della pandemia, un europeo su due ha cercato informazioni sulla salute
È stato anche registrato un +52% rispetto al 2019 di persone tra 16 e 74 anni che hanno effettuato telefonate o video chiamate attraverso il web
Ritardi, iniziative legali e l’equivoco “dose” e “fiala” tra Ue e Pfizer
Perché Pfizer sta consegnando meno vaccini del previsto? Che risvolti avrà questo ritardo sul piano vaccinale italiano? Conte: «Le notizie che arrivano sono preoccupanti». Ma il viceministro alla Salute Sileri è ottimista
Un terzo dosi vaccino a personale non sanitario. Sileri: «Se sono “imbucati” intervengano le autorità giudiziarie»
L’allarme è stato lanciato dal presidente Fnomceo Anelli: «Gli amministrativi hanno diritto ad essere vaccinati, ma se il programma vaccinale procede per valori di rischio, allora è inaccettabile che medici e operatori sanitari siano stati esclusi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 gennaio, sono 100.886.015 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.174.486 i decessi. Ad oggi, oltre 80,29 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns ...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...