Salute 25 Marzo 2019 17:10

Regionalismo differenziato, Amato (OMCeO Palermo): «Così com’è cittadini del sud non avranno benefici»

Il Presidente dell’Ordine dei Medici di Palermo non nasconde i dubbi e le preoccupazioni per il provvedimento portato avanti dal governo. Fnomceo chiede ‘Piano Marshall’ per colmare le disuguaglianze di salute

di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Regionalismo differenziato, Amato (OMCeO Palermo): «Così com’è cittadini del sud non avranno benefici»

Non una chiusura pregiudiziale, ma sicuramente grande preoccupazione per gli effetti che potrà avere il regionalismo differenziato sul Sistema sanitario nazionale. La esprime ai microfoni di Sanità Informazione il presidente dell’Ordine dei medici della provincia di Palermo e componente del Comitato centrale della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri Toti Amato.

La FNOMCeO guidata da Filippo Anelli da settimane lancia l’allarme sul tema del regionalismo differenziato: giovedì 21 marzo le posizioni dei medici sono state esposte in due tavoli distinti, uno con la Conferenza delle Regioni presieduta da Stefano Bonaccini e l’altro direttamente con il ministro della Salute Giulia Grillo.

Dunque per la Federazione è prioritario lanciare un ‘Piano Marshall’ per la sanità, per colmare le disuguaglianze di salute e recuperare il gap strutturale e organizzativo del Sud attraverso finanziamenti ad hoc, senza incidere sui bilanci delle Regioni ‘virtuose’ del Nord.

LEGGI ANCHE: REGIONALISMO DIFFERENZIATO, INCONTRO FNOMCeO – REGIONI. FILIPPO ANELLI: «GARANTIRE LE STESSE CHANCE DI CURA A TUTTI I CITTADINI»

Presidente Amato, uno dei temi di questi giorni è sicuramente il regionalismo differenziato. Il presidente Anelli ha più volte lanciato l’allarme sui rischi che potrebbe comportare per il Sistema sanitario, quello cioè che si vengano a creare 21 sistemi sanitari regionali. Lei come la pensa?

«Io provengo da una regione che storicamente ha un’autonomia perché la Sicilia di per sé ha un Parlamento e un’autonomia che è stata rivendicata anche con lotte reali da questo punto di vista, quindi conosciamo i vizi e le virtù di quella che è l’autonomia regionale. Al momento attuale abbiamo forti critiche anche perché non conosciamo esattamente il testo di quello che si vorrebbe fare, quindi un testo reale. Sono solamente notizie di stampa e attraverso queste notizie di stampa sappiamo che cosa propongono le tre regioni che vanno avanti, cioè Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna. Su questo noi esprimiamo delle preoccupazioni. In realtà così com’è impostata i cittadini, io parlo per quanto riguarda l’isola della Sicilia, ne possono avere solamente un nocumento. Il reddito dei siciliani è al di sotto della media nazionale ma ancora di più noi abbiamo un gap da dover recuperare che sono le infrastrutture, allora potrebbe andare bene un regionalismo differenziato. Chiediamo che si possa partire tutti dallo stesso livello. Il punto di partenza deve essere uguale, quindi aggiustiamo il nastro di partenza e poi ben venga il regionalismo differenziato con tutte le ricadute su quella che è l’economia regionale in ogni senso».

Articoli correlati
Giornata personale sanitario, all’Omceo Palermo un sacrario e una cappella per i medici deceduti per Covid
La cerimonia di titolazione a Villa Magnisi, sede dell’Omceo Palermo. Il presidente Amato: «Preservare la memoria dei professionisti sanitari che si sono sacrificati nell’adempimento del proprio lavoro. Onorare i loro sacrifici e quelli delle loro famiglie»
OMCeO Palermo, Toti Amato riconfermato alla presidenza: «Continuare sulla strada tracciata»
«Ringrazio i colleghi che hanno votato, ora garantire le stesse possibilità a tutti i medici grazie ai fondi europei»
Covid-19, Amato (OMCeO Palermo): «Siano premiati solo i medici che hanno lottato in prima linea»
«No al bonus di crediti ECM a tutta la categoria medica. Serve invece assicurare punteggi maggiori ai giovani che si sono offerti volontari per combattere il virus e che ai concorsi di accesso ai corsi post-laurea rischiano di essere penalizzati». Così il presidente dell’Ordine dei Medici del capoluogo siciliano
Ex specializzandi, Rizzotti (FI): «Presenterò Ddl per risolvere questione. Lo Stato ha moltissimo da farsi perdonare»
L’annuncio della vicepresidente dei senatori di Forza Italia a poche settimane dalla sentenza del Tribunale di Genova, che è stata accolta con entusiasmo dagli apicali della sanità. I commenti di Roberto Monaco (FNOMCeO), Alberto Oliveti (Enpam), Monica Puttini (OMCeO Genova) e Toti Amato (OMCeO Palermo)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...