Salute 25 Marzo 2019

Regionalismo differenziato, Amato (OMCeO Palermo): «Così com’è cittadini del sud non avranno benefici»

Il Presidente dell’Ordine dei Medici di Palermo non nasconde i dubbi e le preoccupazioni per il provvedimento portato avanti dal governo. Fnomceo chiede ‘Piano Marshall’ per colmare le disuguaglianze di salute

di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Immagine articolo

Non una chiusura pregiudiziale, ma sicuramente grande preoccupazione per gli effetti che potrà avere il regionalismo differenziato sul Sistema sanitario nazionale. La esprime ai microfoni di Sanità Informazione il presidente dell’Ordine dei medici della provincia di Palermo e componente del Comitato centrale della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri Toti Amato.

La FNOMCeO guidata da Filippo Anelli da settimane lancia l’allarme sul tema del regionalismo differenziato: giovedì 21 marzo le posizioni dei medici sono state esposte in due tavoli distinti, uno con la Conferenza delle Regioni presieduta da Stefano Bonaccini e l’altro direttamente con il ministro della Salute Giulia Grillo.

Dunque per la Federazione è prioritario lanciare un ‘Piano Marshall’ per la sanità, per colmare le disuguaglianze di salute e recuperare il gap strutturale e organizzativo del Sud attraverso finanziamenti ad hoc, senza incidere sui bilanci delle Regioni ‘virtuose’ del Nord.

LEGGI ANCHE: REGIONALISMO DIFFERENZIATO, INCONTRO FNOMCeO – REGIONI. FILIPPO ANELLI: «GARANTIRE LE STESSE CHANCE DI CURA A TUTTI I CITTADINI»

Presidente Amato, uno dei temi di questi giorni è sicuramente il regionalismo differenziato. Il presidente Anelli ha più volte lanciato l’allarme sui rischi che potrebbe comportare per il Sistema sanitario, quello cioè che si vengano a creare 21 sistemi sanitari regionali. Lei come la pensa?

«Io provengo da una regione che storicamente ha un’autonomia perché la Sicilia di per sé ha un Parlamento e un’autonomia che è stata rivendicata anche con lotte reali da questo punto di vista, quindi conosciamo i vizi e le virtù di quella che è l’autonomia regionale. Al momento attuale abbiamo forti critiche anche perché non conosciamo esattamente il testo di quello che si vorrebbe fare, quindi un testo reale. Sono solamente notizie di stampa e attraverso queste notizie di stampa sappiamo che cosa propongono le tre regioni che vanno avanti, cioè Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna. Su questo noi esprimiamo delle preoccupazioni. In realtà così com’è impostata i cittadini, io parlo per quanto riguarda l’isola della Sicilia, ne possono avere solamente un nocumento. Il reddito dei siciliani è al di sotto della media nazionale ma ancora di più noi abbiamo un gap da dover recuperare che sono le infrastrutture, allora potrebbe andare bene un regionalismo differenziato. Chiediamo che si possa partire tutti dallo stesso livello. Il punto di partenza deve essere uguale, quindi aggiustiamo il nastro di partenza e poi ben venga il regionalismo differenziato con tutte le ricadute su quella che è l’economia regionale in ogni senso».

Articoli correlati
Sicilia: Regione e Omceo firmano il protocollo per formare dipendenti pubblici, è il primo in italia
Hanno siglato l'intesa l'assessore regionale all'Istruzione e Formazione Roberto Lagalla e il presidente dei medici Toti Amato
«Non siamo un bancomat». Toti Amato (OMCeO Palermo) contro contenziosi temerari: «Premiare chi fa aggiornamento ECM»
Nuovo appuntamento degli Stati Generali FNOMCeO il 4 e 5 luglio. Ai microfoni di Sanità Informazione, Toti Amato, presidente Omceo Palermo e membro del Comitato Centrale FNOMCeO fa il punto della situazione e risponde agli attacchi contro i camici bianchi che arrivano dalle associazioni dei pazienti: «Con FNOMCeO siamo al lavoro per rafforzare il rapporto medico-paziente anche attraverso incentivi per chi adempie all’aggiornamento professionale, una garanzia per i cittadini»
Rapporto Gimbe, Cartabellotta: «La Sanità italiana cade a pezzi. Nel 2025 serviranno 230 mld al Fondo sanitario»
Presentato al Senato il quarto rapporto della Fondazione presieduta da Nino Cartabellotta: «Negli ultimi dieci anni nessun Esecutivo ha mai avuto il coraggio di mettere la sanità pubblica al centro dell'agenda politica». Tagliati 28 miliardi in 10 anni
«Ripartire dalla dignità dell’uomo». Incontro tra Antonio Monda (Osservatore Romano) e Toti Amato (OMCeO Palermo)
Umanizzazione delle cure, aziendalizzazione dei servizi sanitari, solidarietà,  ambiente e ruolo dei medici. Su questi temi, il direttore responsabile de L’Osservatore Romano Andrea Monda e il presidente dei medici siciliani Toti Amato, accompagnato dall’addetto alla comunicazione della testata Maria Teresa Simeoni, si sono incontrati a Roma negli uffici della redazione del quotidiano per diffondere impegni […]
MMG, Noemi Lopes (Osservatorio Giovani FNOMCeO): «Inconcepibile percorso formativo così poco retribuito e che costringe il medico a spostarsi dalla sua Regione»
«La disparità economica di trattamento tra MMG e specializzandi si fa sentire e questo si ripercuote anche nella concezione del percorso formativo che noi continuiamo a difendere come separato dal corso di specializzazione universitaria» così l’ex segretario di Fimmg Formazione a Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone