Politica 21 Marzo 2019 15:34

Regionalismo differenziato, incontro FNOMCeO – Regioni. Filippo Anelli: «Garantire le stesse chance di cura a tutti i cittadini»

Il presidente della Federazione degli Ordini dei Medici: «Istituito un gruppo di lavoro per studiare le diseguaglianze regionali. Dai risultati elaboreremo proposte concrete da sottoporre ai vari Governatori»

di Isabella Faggiano
Regionalismo differenziato, incontro FNOMCeO – Regioni. Filippo Anelli: «Garantire le stesse chance di cura a tutti i cittadini»

Garantire la sopravvivenza del Sistema Sanitario Nazionale e, soprattutto, eliminare le disuguaglianze tra il nord e il sud della Penisola. È per questo che Filippo Anelli, presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri, ha incontrato i vertici della Conferenza delle Regioni. «La legge 833 (che ha istituito il Servizio Sanitario Nazionale) – spiega il presidente FNOMCeO  – è lo strumento che sancisce l’uguaglianza dei cittadini in tema salute. E come tale va difesa».

Al centro del dibattito, presieduto da Stefano Bonaccini, presidente della Conferenza delle Regioni, gli effetti del Regionalismo differenziato sulla sanità e non solo. «Il Tavolo di oggi – commenta il presidente Anelli, ai microfoni di Sanità Informazione, a margine dell’incontro in Via Parigi – si è riunito partendo da una riflessione fatta con il presidente Bonaccini, in un precedente incontro, sul regionalismo differenziato e sugli effetti del Patto della Salute, attualmente in fase di pre-intesa tra le Regioni e il ministero della Salute».

LEGGI ANCHE: PRIMA ASSEMBLEA DI TUTTE LE PROFESSIONI SANITARIE E SOCIALI, SEI RICHIESTE PER UNA SANITA’ UNIVERSALISTICA E UGUALE PER TUTTI

Il Sistema Sanitario deve continuare ad essere un servizio nazionale, «un Servizio – sottolinea il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri – che dia le stesse chance a tutti i cittadini. A tale scopo è stato istituito un gruppo di lavoro incaricato di studiare le diseguaglianze regionali, evidenziando i problemi relativi a responsabilità e modalità organizzative che hanno prodotto tali differenze territoriali. I risultati ottenuti saranno il punto di partenza per elaborare delle proposte concrete da proporre ai vari presidenti regionali».

La partita dei medici italiani a difesa di un Servizio Sanitario equo, universalistico e solidale si gioca su due tavoli. Oggi pomeriggio, infatti, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri è convocata anche al ministero della Salute. «Parteciperemo ad una seconda riunione – dice Anelli – a cui prenderanno parte i rappresentanti delle varie professioni sanitarie. Un’ulteriore occasione per evidenziare le nostre preoccupazioni sul regionalismo differenziato e sulla tenuta del Sistema Sanitario Nazionale. Anche al Ministero offriremo le nostre competenze affinché si sostenga, in ogni modo possibile, la legge 833 e, di conseguenza, l’uguaglianza dei cittadini in tema di salute».

E sulla collaborazione tra medici, Stato e Regioni Filippo Anelli è pienamente fiducioso: «Non abbiamo alcun dubbio – conclude il presidente FNOMCeO – che si possa avviare una reciproca collaborazione nell’interesse generale».

Articoli correlati
La Sanità è diventata un bene di lusso, cresce l’impoverimento delle famiglie
Secondo il 19° Rapporto del CREA Sanità "al Ssn servono 15 miliardi per non aumentare il distacco dal resto dell’UE, personale carente e sottopagato. Rispetto ai partner EU, il nostro Paese investe meno nella Sanità, aumenta la spesa privata ed è a rischio l’equità del sistema". Digitalizzazione necessaria per le “nuove cronicità"
Medici e cittadini contro la deriva del Ssn: manifestazioni il 15 giugno nelle piazze e sciopero in vista
Fermare la deriva verso cui sta andando il nostro Servizio sanitario nazionale, con liste di attesa lunghissime per accedere alle prestazioni, personale medico e infermieristico allo stremo, contratti non rinnovati e risorse insufficienti per far fronte all’invecchiamento progressivo della nostra popolazione e dunque della crescente richiesta di cure per malattie croniche. E’ l’appello che arriva […]
SSN, Camera approva mozioni. Quartini (M5S): «Investire almeno il 10% della spesa sanitaria in prevenzione»
Il capogruppo pentastellato in commissione Affari sociali boccia le politiche sulla sanità del governo Meloni: «Continua definanziamento, almeno 8% del PIL vada a spesa sanitaria». E contesta il numero chiuso a Medicina
8 marzo, FNOMCeO: «Maggioranza medici è donna. Modelli organizzativi ne tengano conto»
Per il presidente Filippo Anelli non è accettabile che il 75% delle assenze per maternità non venga coperto: «Questo significa che ogni gravidanza va irrimediabilmente a pesare sulle spalle dei colleghi che rimangono in servizio»
Giornata personale sanitario, dal Covid-19 all’aviaria: le parole dei protagonisti
Nella cerimonia che si è svolta presso la Pontificia Università San Tommaso D'Aquino anche il monito del vicepresidente CEI Francesco Savino: «Il diritto alla salute negato è una violenza». Dal presidente FNOMCeO Filippo Anelli l’allarme sulla carenza di personale: «Le Case di Comunità rischiano di non aprire»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...