Salute 30 Novembre 2020 14:00

Rappuoli (Gsk): «Anticorpi monoclonali pronti a marzo, complementari con vaccino»

Secondo l’head di Gsk Vaccines serviranno insieme al vaccino per sgominare definitivamente la pandemia. A 45 giorni dalla prima dose già efficaci

Rappuoli (Gsk): «Anticorpi monoclonali pronti a marzo, complementari con vaccino»

«Stiamo lavorando per avere le dosi di anticorpi monoclonali disponibili su larga scala per marzo 2021. Il vaccino e gli anticorpi monoclonali sono due cose che sono complementari: ci vogliono tutte e due, e solo se le abbiamo tutte e due riusciremo a controllare un po’ meglio questa pandemia». È quanto ha affermato Rino Rappuoli, direttore scientifico di Gsk Vaccines e coordinatore del progetto di ricerca sugli anticorpi monoclonali a Toscana Life Sciences, in una conferenza stampa organizzata da Unicoop Firenze per presentare una raccolta fondi per la ricerca promossa da sei cooperative di consumo.

Rappuoli ha spiegato che, per quanto riguarda gli anticorpi monoclonali, «entro fine anno dovrebbe partire la sperimentazione sulle persone e sarà in due fasi: la prima, su un numero ristretto di volontari adulti sani, testerà se l’anticorpo è sicuro e se ha la durata giusta; la seconda fase, a distanza di una settimana, riguarderà invece 500 persone positive al Covid per verificare le capacità di cura dell’anticorpo».

Secondo Rappuoli, il vaccino e gli anticorpi monoclonali, che «arriveranno più o meno nello stesso periodo, tra febbraio e marzo, prima con dosi limitate e poi in quantità più grande nella seconda metà del 2021», sono “complementari”, perché «servono entrambi per controllare l’epidemia».

Il direttore scientifico di Gsk Vaccines ha spiegato: «Con il vaccino si sarà protetti a cominciare da circa 45 giorni dalla prima delle due dosi previste, e la protezione dovrebbe durare per anni; l’anticorpo invece si dà oggi, e cinque minuti dopo la gente è protetta: la protezione però non dura anni, ma dura sei mesi e poi è finita. L’ideale sarebbe dare a ognuno l’anticorpo oggi e poi il vaccino, così diamo la copertura per i primi due mesi e poi con il vaccino per i prossimi anni».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Rappuoli: «Ecco perché si è investito più sui vaccini che sugli anticorpi monoclonali»
Al Senato le audizioni di Perno (Bambino Gesù) e Rappuoli (Imperial College) su vaccini e anticorpi monoclonali. Perno: «In UK ho visto fare vaccinazioni dal finestrino di un’automobile, ma prima serve attenta anamnesi». Rappuoli: «Fino a febbraio scorso nessuno aveva pensato di sviluppare gli anticorpi monoclonali per le malattie infettive»
Anticorpi monoclonali, Silvestri (Emory University): «Riducono il rischio di essere ricoverati. Non capisco il ritardo in Italia»
Il professore della Emory University di Atlanta spiega il funzionamento di questa promettente terapia anti Covid-19: «Si legano alla proteina S, quella che il virus usa per entrare nelle cellule dell'ospite, ed agiscono impedendo a questa proteina virale di legarsi al recettore cellulare»
Anticorpi monoclonali, Comitato cure domiciliari Covid: «Istanza ad AIFA per adempiere a sperimentazione»
«In un momento d'emergenza, come chiarito anche dal Consiglio di Stato, - sottolinea l'avvocato Erich Grimaldi, promotore del ricorso - dovrebbe essere effettuato ogni tentativo, considerando ragioni di appropriatezza e sicurezza»
Vaccino anti-Covid, Rappuoli: «Iter rapido perché le fasi sperimentali si sono tenute in parallelo, senza saltarne nessuna»
Il direttore del Laboratorio di Ricerca di Toscana Life Sciences è intervenuto al Forum Risk Management in sanità confermando la sicurezza dei vaccini. Cavaleri (EMA): «Industria, mondo accademico e governi hanno fatto uno sforzo incredibile, mai visto prima»
di Tommaso Caldarelli
Cancro al seno HER2 positivo, la svolta degli anticorpi monoclonali. Conte (Univ. Padova): «Sono ‘postini’ che recapitano il chemioterapico»
Al San Antonio Breast Cancer Symposium 2020 presentati i risultati dello studio di fase II DESTINY-Breast01 sull’utilizzo del Trastuzumab deruxtecan, l’anticorpo monoclonale coniugato anti-HER2 di Daiichi Sankyo e AstraZeneca. «Ha dimostrato di indurre una regressione misurabile di malattia nella maggioranza delle pazienti trattate che avevano ricevuto mediamente sei linee di terapie precedenti» spiega il Professore di Oncologia all’Università di Padova
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 gennaio, sono 100.286.643 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.157.790 i decessi. Ad oggi, oltre 71,10 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns ...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...