Salute 5 Ottobre 2022 10:41

Ragno violino: a Roma si teme emergenza, cosa sta succedendo?

Nella parte Sud della Capitale sono arrivate sei segnalazioni di persone, che sono state morse dal ragno violino. Non è mortale ma rimane comunque pericoloso

Ragno violino: a Roma si teme emergenza, cosa sta succedendo?

Al momento non c’è nessuna emergenza. Ma alcuni cittadini e un farmacista hanno segnalato diversi casi di morsi di ragno violino nella Capitale. Il quadrante interessato è quello di Roma Sud, dal Laurentino al Portuense, zone dalle quali al momento sono arrivate sei segnalazioni di persone, che sono state morse mentre si trovavano a svolgere attività all’aperto. «In pochi giorni abbiamo visto cinque pazienti con piaghe vere e proprie», ha spiegato a Leggo il farmacista Roberto Adrower, della farmacia Adrower di via Fuggetta a Villa Bonelli.

Attenzione alle aree verdi pubbliche e private della città

«Nel giro di 24-36 ore quel pizzico causa prurito e dolore, mano a mano si apre una piaga con pus e sangue», ha aggiunto. Il farmacista ha lanciato un appello, quello di alzare l’attenzione e «controllare le aree verdi pubbliche e private della città». Sulla vicenda è intervenuto il vice presidente del Consiglio Municipio Roma XI Marco Palma: «Dopo le segnalazioni di alcuni casi nel nostro territorio ad opera di un mio amico titolare di una farmacia, ho inviato una nota alla AslRm3, Uosecs Municipale, dipartimento Ambiente di Roma Capitale ed Ama per conoscenza sull’accaduto e per avere chiarimenti in merito ai ruoli operativi in essere».

Piccolo, marrone-giallastro e pericoloso

Il ragno violino è di modeste dimensioni, ma estremamente pericoloso. Il suo nome scientifico è Loxosceles rufescens, ma viene comunemente chiamato ragno violino, per via di una caratteristica macchia che richiama lo strumento musicale presente sul corpo. Ha una colorazione marrone-giallastro con lunghe zampe. Il ragno violino può raggiungere le dimensioni di 7 mm (corpo del maschio) e di 9 mm (corpo della femmina). «Il ragno violino – spiega il Centro Antiveleni della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS – è da sempre presente nel Lazio e in Italia e casi di morsi sono da sempre raccolti e documentati dai Centri Antiveleni».

Nessuna prova che il morso del ragno violino possa essere mortale

«Nel 2015 e nel 2017 si sono verificati due decessi in Italia che, inizialmente attribuiti al morso di un ragno violino, sono stati poi riconosciuti – spiega il Centro Antiveleni del Policlinico Gemelli – come causati dalle gravi patologie preesistenti dei due pazienti. Non esistono quindi al momento dati che comprovino che il morso del ragno violino è potenzialmente mortale per individui sani. In casi particolari il morso può provocare una lesione della cute di tipo emorragico e necrotico che non differisce da quelle provocate da altre tossine biologiche come ad esempio quelle di altri ragni, degli imenotteri (api, vespe, calabroni), animali marini, etc».

Contro il morso del ragno violino solo trattamenti sintomatici

«Non esistono antidoti o trattamenti farmacologici specifici – dice il Centro Antiveleni del Gemelli – per il morso di ragno violino; nei rari casi in cui si manifestano lesioni significative (necrosi) il trattamento è supportivo e sintomatico e farmacologico (antibiotici, cortisonici). In altri rari casi può essere necessaria la toilette chirurgica della lesione. Poiché nella stragrande maggioranza dei casi il morso provoca fenomeni locali di scarso significato clinico (arrossamento, prurito, irritazione) non è assolutamente appropriato allarmarsi recandosi nei pronti soccorso. Consultare un Centro Antiveleni descrivendo le circostanze dell’esposizione e i segni e sintomi eventualmente presenti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Belluno, allarme zecche. Tredici accessi al pronto soccorso per TBE
Tredici accessi al pronto soccorso per Tick-Borne Encephalitis (Tbe)  – o meningoencefalite – a Belluno e dintorni. Si tratta di un’infezione virale che colpisce il sistema nervoso e può portare anche serie implicazioni. Come riporta Repubblica, la Ulss 1 bellunese raccomanda una corretta prevenzione, possibile con un vaccino, soprattutto alle persone a rischio che vivono a […]
Malattia di Lyme: tutta colpa di una zecca. L’intervista a Giusto Trevisan (Presidente GISML)
«Rimuovere l'animale dalla cute, ed iniziare la terapia antibiotica. Se non diagnosticata correttamente, può cronicizzarsi e causare danni a livello neurologico, cardiaco e articolare». Queste le indicazioni del Presidente del Gruppo Italiano di Studio sulla Malattia di Lyme per affrontare una patologia insidiosa di cui si parla poco
Regione Lazio approva impegno economico per ricostruzione ospedale Amatrice
«La Giunta regionale del Lazio ha approvato una delibera per impegnare 15 milioni e trecento mila euro per la ricostruzione dell’Ospedale di Amatrice, demolito in seguito alle lesioni riportate dall’evento sismico, affidata agli uffici dell’assessorato ai Lavori pubblici – rende noto la Regione Lazio in una nota – . Si tratta di un intervento atteso […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 dicembre 2022, sono 646.415.951 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.644.903 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa